Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: in attesa della cinquina...


Fiato sospeso per la cinquina del Premio Strega 2013 che, stasera alle 19, verrà decisa in Casa Bellonci, a Roma, dagli Amici della Domenica.
I pronostici si sprecano, inutile dirlo: critici e giornalisti hanno fornito il loro parere e, a quanto pare, Paolo Di Paolo e il suo "Mandami tanta vita" e Alessandro Perissinotto con "Le colpe dei padri" sono i nomi  dei 12 finalisti che passano di bocca in bocca come i favoriti che non potranno mancare nella cinquina.

Subito dopo troviamo Romana Petri con "Figli dello stesso padre", Walter Siti con "Resistere non serve a niente". Di seguito, Gaetano Cappelli con "Romanzo irresistibile della mia vita vera" e Paolo Cognetti con "Sofia si veste sempre di nero". Aldo Busi con "El especialista de Barcelona" – che fin dall’inizio era dato tra i favoriti come vincitore di quest’edizione insieme a Siti – potrebbe risultare il grande escluso dalla cinquina. 
Avrà intimorito tutti con le polemiche e i tira e molla sulla sua presenza/assenza di stasera a Casa Bellonci? Chissà...
Non da ultima, la notizia che la casa editrice che ha pubblicato il suo libro, la Baldini Castoldi Dalai, a breve liquiderà tutti i suoi avere per far fronte ai creditori, certo non solleva energie positivi, diciamo così, attorno alla sua figura.

Intanto si è concluso ieri il progetto lanciato sempre dalla Fondazione Bellonci "2013. Un anno stregato", in cui 200 ragazzi di 30 scuole superiori hanno votato "Apnea" di Lorenzo Amurri tra gli altri 12 finalisti di quest’anno. E chissà se, guardando ai risultati della passate edizioni, questa scelta non si possa rivelare profetica per la rosa dei cinque, almeno.

Manca poco e io non vedo l'ora di sapere quali saranno i 5 scrittori che il prossimo 4 luglio concorreranno per il grande finale della 67esima edizione.
Io incrocio le dita per Cognetti e per Matteo Cellini con "Cate, io" anche se non rientra nei pronostici "ufficiali".

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…