Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: in attesa della cinquina...


Fiato sospeso per la cinquina del Premio Strega 2013 che, stasera alle 19, verrà decisa in Casa Bellonci, a Roma, dagli Amici della Domenica.
I pronostici si sprecano, inutile dirlo: critici e giornalisti hanno fornito il loro parere e, a quanto pare, Paolo Di Paolo e il suo "Mandami tanta vita" e Alessandro Perissinotto con "Le colpe dei padri" sono i nomi  dei 12 finalisti che passano di bocca in bocca come i favoriti che non potranno mancare nella cinquina.

Subito dopo troviamo Romana Petri con "Figli dello stesso padre", Walter Siti con "Resistere non serve a niente". Di seguito, Gaetano Cappelli con "Romanzo irresistibile della mia vita vera" e Paolo Cognetti con "Sofia si veste sempre di nero". Aldo Busi con "El especialista de Barcelona" – che fin dall’inizio era dato tra i favoriti come vincitore di quest’edizione insieme a Siti – potrebbe risultare il grande escluso dalla cinquina. 
Avrà intimorito tutti con le polemiche e i tira e molla sulla sua presenza/assenza di stasera a Casa Bellonci? Chissà...
Non da ultima, la notizia che la casa editrice che ha pubblicato il suo libro, la Baldini Castoldi Dalai, a breve liquiderà tutti i suoi avere per far fronte ai creditori, certo non solleva energie positivi, diciamo così, attorno alla sua figura.

Intanto si è concluso ieri il progetto lanciato sempre dalla Fondazione Bellonci "2013. Un anno stregato", in cui 200 ragazzi di 30 scuole superiori hanno votato "Apnea" di Lorenzo Amurri tra gli altri 12 finalisti di quest’anno. E chissà se, guardando ai risultati della passate edizioni, questa scelta non si possa rivelare profetica per la rosa dei cinque, almeno.

Manca poco e io non vedo l'ora di sapere quali saranno i 5 scrittori che il prossimo 4 luglio concorreranno per il grande finale della 67esima edizione.
Io incrocio le dita per Cognetti e per Matteo Cellini con "Cate, io" anche se non rientra nei pronostici "ufficiali".

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…