Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: ecco la cinquina dei libri finalisti


L'attesa è finita!
La cinquina dei libri finalisti della 67esima edizione del Premio Strega è stata votata stasera nella storica sede di Casa Bellonci a Roma.
Le votazioni dei 400 Amici della Domenica affiancati da 60 dei cosiddetti "lettori forti" sono state presiedute da Alessandro Piperno - vincitore del Premio Strega 2012 - con il presidente della Fondazione Bellonci Tullio De Mauro.

La cinquina finalista è così composta:
Alessandro Perissinotto, Le Colpe dei Padri (Piemme) con 69 voti;
Walter Siti, Resistere non serve a niente (Rizzoli) con 66 voti;
Romana Petri, Figli dello stesso padre, (Longanesi) con 49 voti;
Paolo Di Paolo, Mandami tanta vita, (Feltrinelli) con 45 voti ;
Simona Sparaco, Nessuno sa di noi (Giunti), 36 voti.
Si sono realizzati, dunque, i pronostici di critici e giornalisti che volevano al primo posto Perissinotto, e nella cinquina anche Di Paolo, Siti e Petri. 
Aldo Busi si conferma grande escluso così come era stato previsto, mentre restano fuori a sorpresa Paolo Cognetti e il suo "Sofia si veste sempre di nero", Gaetano Cappelli con "Romanzo irresistibile della mia vita vera" e Lorenzo Amurri con "Apnea" già vincitore del progetto per le scuole "2013. Un anno stregato".

Si è quasi completamente ribaltata la situazione iniziale di questa edizione che voleva fuori le grandi case editrici a favore di quelle medio-piccole. L'unica eccezione è Piemme - la piccola di casa Mondadori - che resta in gara con Perissinotto, rispetto agli altri colossi come Rizzoli, Feltrinelli, Longanesi e Giunti ancora in gara.
E forse la condizione di eccezione in cui si trova Piemme può portare ad una posizione favorevole anche per la finale. Finora è stato così.
Ovviamente non si mettono in dubbio le innegabili qualità del libro e dello scrittore, ma non possiamo far finta che non esista il braccio di ferro tra le realtà editoriali coinvolte di anno in anno.

L'attesa, ora, si è trasformata nel desiderio di vedere se questa logica funzioni anche per la finale del prossimo 4 luglio.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…