Passa ai contenuti principali

Premio Campiello 2013: la cinquina finalista e "Cate, io" di Cellini vince come Opera Prima


E' stata resa nota la cinquina finalista della 51esima edizione del Premio Campiello, scelta dalla Giuria dei Letterati.
I cinque nomi sono:

Fabio Stassi, L’ultimo ballo di Charlot, Sellerio

Giovanni Cocco, La caduta, Nutrimenti

Valerio Magrelli, Geologia di un padre, Einaudi

Beatrice Masini, Tentativi di botanica degli affetti, Bompiani

Ugo Riccarelli, L’amore graffia il mondo, Mondadori

La Giuria di quest'anno ha, inoltre, scelto anche il vincitore del Premio Campiello Opera Prima assegnando il riconoscimento al libro di esordio Cate, io (Fazi Editore) di Matteo Cellini - che è anche tra i 12 finalisti del Premio Strega 2013 - con la seguente motivazione:
Opera di forte maturità e di elegante felicità stilistica, racconta con leggerezza la condizione di sofferenza propria di chi, diciottenne e smisuratamente obesa, si trova a fare i conti non solo con se stessa e il proprio fisico, ma anche con una famiglia di autentici “eroi della dismisura. Il racconto si sviluppa nel segno d’una tenera, amabile, sorridente autoironia proprio grazie allo spirito combattivo di Cate, tanto da farne uno “stile di sopravvivenza”.

Istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto, il Premio Campiello viene assegnato a opere di narrativa italiana che hanno segnato la storia della letteratura italiana e da cui sono state tratte anche trasposizioni cinematografiche di grande successo.
Attualmente il Premio è uno tra i più prestigiosi d'Italia e tra i più importanti nel panorama editoriale italiano:  da 51 anni resta "un canale con il quale gli Industriali Veneti intendono offrire il loro contributo alla promozione della narrativa italiana e a incentivare e diffondere il piacere per la lettura nella consapevolezza che un premio trovi la sua massima ragion d'essere nel creare nuovi lettori".
Il meccanismo è rimasto immutato nel tempo: due giurie, una popolare e una tecnica, scelgono il vincitore.

La Cerimonia di Premiazione del Premio Campiello 2013 si terrà sabato 7 settembre al Gran Teatro La Fenice di Venezia. La serata sarà condotta da Neri Marcorè e Geppi Cucciari e sarà trasmessa in diretta su Rai 5 e in differita su Rai 3.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…