Passa ai contenuti principali

Premio Campiello 2013: la cinquina finalista e "Cate, io" di Cellini vince come Opera Prima


E' stata resa nota la cinquina finalista della 51esima edizione del Premio Campiello, scelta dalla Giuria dei Letterati.
I cinque nomi sono:

Fabio Stassi, L’ultimo ballo di Charlot, Sellerio

Giovanni Cocco, La caduta, Nutrimenti

Valerio Magrelli, Geologia di un padre, Einaudi

Beatrice Masini, Tentativi di botanica degli affetti, Bompiani

Ugo Riccarelli, L’amore graffia il mondo, Mondadori

La Giuria di quest'anno ha, inoltre, scelto anche il vincitore del Premio Campiello Opera Prima assegnando il riconoscimento al libro di esordio Cate, io (Fazi Editore) di Matteo Cellini - che è anche tra i 12 finalisti del Premio Strega 2013 - con la seguente motivazione:
Opera di forte maturità e di elegante felicità stilistica, racconta con leggerezza la condizione di sofferenza propria di chi, diciottenne e smisuratamente obesa, si trova a fare i conti non solo con se stessa e il proprio fisico, ma anche con una famiglia di autentici “eroi della dismisura. Il racconto si sviluppa nel segno d’una tenera, amabile, sorridente autoironia proprio grazie allo spirito combattivo di Cate, tanto da farne uno “stile di sopravvivenza”.

Istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto, il Premio Campiello viene assegnato a opere di narrativa italiana che hanno segnato la storia della letteratura italiana e da cui sono state tratte anche trasposizioni cinematografiche di grande successo.
Attualmente il Premio è uno tra i più prestigiosi d'Italia e tra i più importanti nel panorama editoriale italiano:  da 51 anni resta "un canale con il quale gli Industriali Veneti intendono offrire il loro contributo alla promozione della narrativa italiana e a incentivare e diffondere il piacere per la lettura nella consapevolezza che un premio trovi la sua massima ragion d'essere nel creare nuovi lettori".
Il meccanismo è rimasto immutato nel tempo: due giurie, una popolare e una tecnica, scelgono il vincitore.

La Cerimonia di Premiazione del Premio Campiello 2013 si terrà sabato 7 settembre al Gran Teatro La Fenice di Venezia. La serata sarà condotta da Neri Marcorè e Geppi Cucciari e sarà trasmessa in diretta su Rai 5 e in differita su Rai 3.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…