Passa ai contenuti principali

Piccole biblioteche libere ovvero liberiamo il diritto di sognare

Little free library
Ci sono alcuni luoghi d'elezione dove l'animo si mette a volare, a sognare, senza che quasi ce ne accorgiamo.
Ci sentiamo leggeri, in questi luoghi, e vorremmo che tutto il mondo fuori fosse così.

Io mi sento così nelle biblioteche. E, in alcuni casi, anche nelle librerie.
Ma è nelle biblioteche che la mia anima assume una forma diversa, che mi piace di più, diciamo.

E' per questo che un progetto come Little Free Library mi fa sperare che un giorno non ci sia più un confine tra la vita (reale?) e le biblioteche. Così, per le strade di New York sono comparse delle piccole, piccolissime biblioteche grandi quanto una cassetta per la posta, in alcuni casi, o poco più grandi.


Il movimento culturale omonimo, creato nel 2009 da Todd Bol, un consulente per aziende, e da Rick Brooks, docente alla University of Winsconsin, costruisce piccole librerie pubbliche fatte a mano completamente in legno, con la classica forma della casetta postale. Davanti c'è poi una porticina in legno da cui è possibile vedere i libri.

Una piccola biblioteca urbana realizzata dall'associazione architetti di New York
Per prendere i libri dalle librerie in miniatura non c'è bisogno di nessuna tessera, né di registrazione, ma semplice buon senso e amore per la cultura. A New York hanno aggiunto qualcosa in più: la collaborazione con un'associazione locale di architetti e il comitato organizzatore del PEN World Voices, un festival di letteratura internazionale che si svolge ogni anno in città.

Uno dei progetti dei giovani artisti newyorkesi
Dopo aver lanciato un bando per giovani artisti, hanno selezionato una decina di progetti che sono stati realizzati e sparsi per la città. "È un’idea così profonda, così romantica, che ti fa tornare fiducia nelle persone, nel modo in cui viene riscoperta l’importanza e la bellezza dei libri" ha detto in quell'occasione Jakab Orsos, il direttore del PEN World Voices. In esse, però, c'è già la tristezza di poterle vedere danneggiate o rubate (provate a resistere!), ma resta l'intento virale che dovrebbe avete la lettura.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…