Passa ai contenuti principali

Le stelle di Bollywood ovvero quando lo zapping della domenica pomeriggio si ferma su Rai 1...


La domenica pomeriggio è il momento della svolta, per me: o mi vengono idee geniali, o compio delitti nefasti.
Oppure guardo i film che, in altri momenti di altri giorni della settimana, non riuscirei a vedere perché non sono nella condizione di spirito favorevole all'impresa.

Così, oggi pomeriggio, incappo in un film su Rai 1 dal titolo "Un truffatore in famiglia". In una delle prime scene su cui mi fermo c'è un attore indiano che mi sembra conosciuto e così decido che lo zapping frenetico, per il momento, è finito. L'attore indiano si chiama Saif Ali Khan ed è stato protagonista della maggior parte dei film di Bollywood che ho visto finora. Le attrici, invece, non riesco a distinguerle: tutte bellissime, con fisici mozzafiato e occhi che non finiscono più. Non riesco a distinguerle, tranne Aishwarya Rai, che anche Hollywood ha notato e, forse anche per questo, non è in tutti i film di Bollywood ora.

Saif Ali Khan
E insomma, non sto qui a raccontarvi nel dettaglio la trama perché è intrigatissima e quelli che sembravano buoni alla fine non lo erano e viceversa, ma lo schema dei film di Bollywood è quasi sempre lo stesso e io adoro soprattutto:
  1. che gli attori maschi siano vestiti un pochino tamarri, anche e soprattutto se interpretano degli uomini ricchi e di successo;
  2. che nel mezzo di una scena, all'improvviso, parta la musica e tutti ballino perfettamente coordinati, con tanto di lancio di sguardi assassini tra i ballerini;
  3. che ci sia sempre un personaggio assurdo, che secondo loro sarebbe il comico, ma che la maggior parte delle volte è solo un pò ridicolo;
  4. che le attrici siano bellissime e pure provocanti, ma che non concedano mai nemmeno un bacio sulla bocca e figuriamoci una scena di sesso (nel film di oggi c'era una scena di "presunto" sesso ma niente di esplicito, vi posso assicurare);
  5. che anche se ambientati ai tempi moderni, le tradizioni siano fortissime anche nei giovani di mondo, diciamo così.
Dopo poi ho scoperto che quello di oggi è stato il primo appuntamento del ciclo "Le stelle di Bollywood" che, la domenica pomeriggio su Rai 1 fino al 31 agosto, trasmetterà i film indiani più noti.

E per me i film di Bollywood fanno subito estate!


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…