Passa ai contenuti principali

La grande invasione: al via il primo festival della lettura!


Tutti pronti per “La grande invasione”!
Parte stasera, infatti il primo festival letterario di Ivrea che, dal 20 al 23 giugno, darà alla città un’aura molto “libresca”.

La grande invasione è il frutto di un incontro (fortunato!) tra la casa editrice minimum fax e la Galleria del Libro che, insieme all'associazione culturale Liberi di scegliere, hanno pensato di colmare un vuoto e regalare ai lettori – ma soprattutto a chi non legge e per questo dovrebbe proprio iniziare a farlo! – il primo festival della lettura in Italia.

Così per quattro giorni, ad Ivrea non si potrà che leggere (il paradiso per me!) insieme agli autori arrivati appositamente per leggere i propri testi o quelli dei grandi della letteratura. I luoghi "invasi" saranno il Teatro Civico, piazza Ottinetti, Sala S. Marta, il cortile del Castello, la Biblioteca comunale, il Museo Tecnologic@mente.

"La grande invasione è una rassegna che dura quattro giorni, nei quali convivono intrattenimento e cultura seguendo il filo rosso della lettura, ed è la prima edizione di un’esperienza che ci auguriamo nei prossimi anni possa essere ancora più ricca e articolata" fanno sapere gli organizzatori.

Si parte alle 18.30 con l’incontro La città e la lettura” [Sala Santa Marta, Ivrea] per l’inaugurazione del festival insieme a Michele Coppola, Carlo Della Pepa, Tomaso Montanari,Antonio Pascale.
Alle 20, sempre nello stesso luogo, sarà la volta di “Ritratti di scrittori” con Tommaso Pincio che inaugura la sua mostra. 
“Il libraio suona sempre due volte” avrà luogo alle 21 con letture e consigli di Davide Ferraris e Davide Ruffinengo
La serata prosegue alla grande con “Una cosa divertente che non farò mai più”, alle 21.30 nel Cortile del Castello dove Giuseppe Battiston che legge David Foster Wallace.

Il programma completo della grande invasione è disponibile qui.
Tutti i seminari, gli incontri, le tavole rotonde, le mostre, i concerti del festival saranno gratuiti, mentre per gli spettacoli teatrali è previsto un biglietto simbolico.

La grande invasione della lettura!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…