Passa ai contenuti principali

La grande invasione: al via il primo festival della lettura!


Tutti pronti per “La grande invasione”!
Parte stasera, infatti il primo festival letterario di Ivrea che, dal 20 al 23 giugno, darà alla città un’aura molto “libresca”.

La grande invasione è il frutto di un incontro (fortunato!) tra la casa editrice minimum fax e la Galleria del Libro che, insieme all'associazione culturale Liberi di scegliere, hanno pensato di colmare un vuoto e regalare ai lettori – ma soprattutto a chi non legge e per questo dovrebbe proprio iniziare a farlo! – il primo festival della lettura in Italia.

Così per quattro giorni, ad Ivrea non si potrà che leggere (il paradiso per me!) insieme agli autori arrivati appositamente per leggere i propri testi o quelli dei grandi della letteratura. I luoghi "invasi" saranno il Teatro Civico, piazza Ottinetti, Sala S. Marta, il cortile del Castello, la Biblioteca comunale, il Museo Tecnologic@mente.

"La grande invasione è una rassegna che dura quattro giorni, nei quali convivono intrattenimento e cultura seguendo il filo rosso della lettura, ed è la prima edizione di un’esperienza che ci auguriamo nei prossimi anni possa essere ancora più ricca e articolata" fanno sapere gli organizzatori.

Si parte alle 18.30 con l’incontro La città e la lettura” [Sala Santa Marta, Ivrea] per l’inaugurazione del festival insieme a Michele Coppola, Carlo Della Pepa, Tomaso Montanari,Antonio Pascale.
Alle 20, sempre nello stesso luogo, sarà la volta di “Ritratti di scrittori” con Tommaso Pincio che inaugura la sua mostra. 
“Il libraio suona sempre due volte” avrà luogo alle 21 con letture e consigli di Davide Ferraris e Davide Ruffinengo
La serata prosegue alla grande con “Una cosa divertente che non farò mai più”, alle 21.30 nel Cortile del Castello dove Giuseppe Battiston che legge David Foster Wallace.

Il programma completo della grande invasione è disponibile qui.
Tutti i seminari, gli incontri, le tavole rotonde, le mostre, i concerti del festival saranno gratuiti, mentre per gli spettacoli teatrali è previsto un biglietto simbolico.

La grande invasione della lettura!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…