Passa ai contenuti principali

Io che amo solo te di Luca Bianchini: il cuore caldo del grande Amore


Per leggere "Io che amo solo te" (Mondadori) dovete porvi nella condizione di spirito di quando si va ad un matrimonio. Sì, perché l'autore, Luca Bianchini, invita il lettore proprio ad un matrimonio in piena regola, e, per giunta, a uno di quelli a cui paghereste per essere invitati.

Il matrimonio dell'anno è ambientato a Polignano a Mare, per l'occasione spazzata da un maestrale ostinato e potente che, per il tempo del romanzo - venerdì, sabato e domenica -, spinge i pensieri e i ricordi dei personaggi verso mete che non si sarebbero mai immaginati.

Ninella ha cinquanta anni ed è la sarta più bella di Polignano. Don Mimì è soprannominato "il re delle patate", ha i baffi curatissimi e, a cinquantacinque anni, è ancora il sogno erotico delle donne.
Ma non è il loro matrimonio.
Saranno i loro figli, Chiara e Damiano, gli sposi, rendendo consuoceri quelli che un tempo lontano - ma nemmeno poi tanto - avevano sognato di diventare marito e moglie.

Luca Bianchini - autore molto attivo sui social, su cui ha raccolto un seguito di fan che lo seguono fedelmente per questo libro, così come per il precedente "Siamo solo amici" uscito nel 2011 - intesse una storia che è armoniosa come una melodia antica e ritmata, e, altrettanto piacevolmente, scorre via. Tutti i tasselli della storia vanno a posto naturalmente e la scrittura fluida e sentita - tipica di Bianchini - rende ogni lettore un osservatore privilegiato dei pensieri e degli umori dei personaggi.

"Io che amo solo te" è la canzone di Sergio Endrigo che sentirete aleggiare in tutto il libro e che, per meglio gustarlo, dovrete mettere in sottofondo mentre leggete [chiedete a casa mia nelle 24 ore in cui ho divorato il libro, quale melodia si sentisse fuoriuscire a ripetizione dalla mia stanza...].
Ma oltre a questa canzone, ci starebbe perfettamente anche una pizzica focosa, qualcosa che infiamma il sangue senza un perché. Come l'amore.

E' l'amore, infatti, l'invitato non previsto al matrimonio di Chiara e Damiano: potrebbe sembrare un paradosso, ma non è così scontato.
L'amore che gli sposi provano l'una per l'altro e che li ha portati a progettare un futuro insieme, mentre le voci di paese riducono il loro matrimonio ad un contratto dove i soldi sono l'unica ragione.
L'amore che Orlando - il fratello dello sposo - prova per il misterioso Innominato e che, spogliato dall'aura di segretezza, rivela toni meno idilliaci di quanto si credesse.
L'amore mai sopito di Ninella per Mimì e di Mimì per Ninella, un amore vissuto a distanza, nella sofferenza, alimentato dai pensieri più che dagli sguardi, nutrito da un fuoco sottopelle che solo il grande Amore sa scatenare e che poi nessuno mai saprà né domare né estinguere.

"Io che amo solo te" è tutto questo e molto altro ancora.
Al di là di qualsiasi retorica, però, ci sono corde che questa storia tocca e che vibrano anche oltre l'ultima pagina, tanto che, dopo averne vissuto emotivamente ogni parola, difficilmente saprete dire qualcosa di diverso da: "E' troppo bello! Mammamia!".
Ma di cosa è fatta questa bellezza, le parole stentano a raccontare.

E non perchè il vostro vocabolario sia scarso, attenzione.
Nel mio caso, per raccontarvelo, dovreste prima conoscere la mia terra - Napoli -, poi le mille storie raccontate dalle zie mentre ricamano corredi di spose di ogni tempo, poi ancora dovreste avere negli occhi la luce della "controra" estiva - che è bianca come non riuscite a immaginare - e batte su terrazzi saraceni neri di pece, dove arpeggiano lenzuola stese ad asciugare. E nell'aria, in lontananza, si sente sempre una musica...

Ecco, se io vi dovessi spiegare cosa è per me "Io che amo solo te", dovreste sapere tutte queste cose e probabilmente il vostro "Io che amo solo te" toccherebbe comunque altre corde, diverse dalle mie, ma altrettanto profonde.

Io non sono mai stata a Polignano ma, dopo aver letto questo romanzo, ho iniziato a contattare amici che vivono in zona per farmi dare delle dritte per un alloggio con un balconcino come quello di Ninella, con sotto  il mare che ruggisce e ti blandisce.
E che, nelle notti che non sono fatte per dormire, sussurra "Io ho avuto solo te e non ti perderò, non ti lascerò per cercare nuove avventure...Io che amo solo te".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il booktrailer del libro


Io che amo solo te di Sergio Endrigo

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…