Passa ai contenuti principali

Io che amo solo te di Luca Bianchini: il cuore caldo del grande Amore


Per leggere "Io che amo solo te" (Mondadori) dovete porvi nella condizione di spirito di quando si va ad un matrimonio. Sì, perché l'autore, Luca Bianchini, invita il lettore proprio ad un matrimonio in piena regola, e, per giunta, a uno di quelli a cui paghereste per essere invitati.

Il matrimonio dell'anno è ambientato a Polignano a Mare, per l'occasione spazzata da un maestrale ostinato e potente che, per il tempo del romanzo - venerdì, sabato e domenica -, spinge i pensieri e i ricordi dei personaggi verso mete che non si sarebbero mai immaginati.

Ninella ha cinquanta anni ed è la sarta più bella di Polignano. Don Mimì è soprannominato "il re delle patate", ha i baffi curatissimi e, a cinquantacinque anni, è ancora il sogno erotico delle donne.
Ma non è il loro matrimonio.
Saranno i loro figli, Chiara e Damiano, gli sposi, rendendo consuoceri quelli che un tempo lontano - ma nemmeno poi tanto - avevano sognato di diventare marito e moglie.

Luca Bianchini - autore molto attivo sui social, su cui ha raccolto un seguito di fan che lo seguono fedelmente per questo libro, così come per il precedente "Siamo solo amici" uscito nel 2011 - intesse una storia che è armoniosa come una melodia antica e ritmata, e, altrettanto piacevolmente, scorre via. Tutti i tasselli della storia vanno a posto naturalmente e la scrittura fluida e sentita - tipica di Bianchini - rende ogni lettore un osservatore privilegiato dei pensieri e degli umori dei personaggi.

"Io che amo solo te" è la canzone di Sergio Endrigo che sentirete aleggiare in tutto il libro e che, per meglio gustarlo, dovrete mettere in sottofondo mentre leggete [chiedete a casa mia nelle 24 ore in cui ho divorato il libro, quale melodia si sentisse fuoriuscire a ripetizione dalla mia stanza...].
Ma oltre a questa canzone, ci starebbe perfettamente anche una pizzica focosa, qualcosa che infiamma il sangue senza un perché. Come l'amore.

E' l'amore, infatti, l'invitato non previsto al matrimonio di Chiara e Damiano: potrebbe sembrare un paradosso, ma non è così scontato.
L'amore che gli sposi provano l'una per l'altro e che li ha portati a progettare un futuro insieme, mentre le voci di paese riducono il loro matrimonio ad un contratto dove i soldi sono l'unica ragione.
L'amore che Orlando - il fratello dello sposo - prova per il misterioso Innominato e che, spogliato dall'aura di segretezza, rivela toni meno idilliaci di quanto si credesse.
L'amore mai sopito di Ninella per Mimì e di Mimì per Ninella, un amore vissuto a distanza, nella sofferenza, alimentato dai pensieri più che dagli sguardi, nutrito da un fuoco sottopelle che solo il grande Amore sa scatenare e che poi nessuno mai saprà né domare né estinguere.

"Io che amo solo te" è tutto questo e molto altro ancora.
Al di là di qualsiasi retorica, però, ci sono corde che questa storia tocca e che vibrano anche oltre l'ultima pagina, tanto che, dopo averne vissuto emotivamente ogni parola, difficilmente saprete dire qualcosa di diverso da: "E' troppo bello! Mammamia!".
Ma di cosa è fatta questa bellezza, le parole stentano a raccontare.

E non perchè il vostro vocabolario sia scarso, attenzione.
Nel mio caso, per raccontarvelo, dovreste prima conoscere la mia terra - Napoli -, poi le mille storie raccontate dalle zie mentre ricamano corredi di spose di ogni tempo, poi ancora dovreste avere negli occhi la luce della "controra" estiva - che è bianca come non riuscite a immaginare - e batte su terrazzi saraceni neri di pece, dove arpeggiano lenzuola stese ad asciugare. E nell'aria, in lontananza, si sente sempre una musica...

Ecco, se io vi dovessi spiegare cosa è per me "Io che amo solo te", dovreste sapere tutte queste cose e probabilmente il vostro "Io che amo solo te" toccherebbe comunque altre corde, diverse dalle mie, ma altrettanto profonde.

Io non sono mai stata a Polignano ma, dopo aver letto questo romanzo, ho iniziato a contattare amici che vivono in zona per farmi dare delle dritte per un alloggio con un balconcino come quello di Ninella, con sotto  il mare che ruggisce e ti blandisce.
E che, nelle notti che non sono fatte per dormire, sussurra "Io ho avuto solo te e non ti perderò, non ti lascerò per cercare nuove avventure...Io che amo solo te".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il booktrailer del libro


Io che amo solo te di Sergio Endrigo

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…