Passa ai contenuti principali

Come sposare una figlia: Sandra Dee e il volto dell'America da happy ending...

Kay Kendall e Rex Harrison, John Saxon e Sandra Dee
La programmazione televisiva di ieri pomeriggio dava “Amore ritorna” su Rete 4. Io che ho una assoluta venerazione per i film del genere, già mi pregustavo qualche ora di sana spensieratezza di altissima qualità.
Quando è comparsa la schermata con il titolo “The Reluctant Debutante” ero già pronta a cambiare canale, ma poi gli occhi sorridenti di Rex Harrison mi hanno riportato indietro.


Il film risale al 1958, diretto da Vincente Minnelli e in Italia è stato distribuito con il titolo “Come sposare una figlia”. Ambientato nella Londra dei salotti dell’alta borghesia, racconta della smania di  Sheila Broadbent (Kay Kendall) di far debuttare la figlia di primo letto del marito, Sir Jimmy Broadbent (Rex Harrison) appena arrivata dall’America, dove vive con la madre.
La debuttante riluttante Jane Broadbent è la mitica Sandra Dee, alle prese con insulsi pretendenti titolati e affascinanti sconosciuti. Una sciarada di equivoci, giochi di parole e un lieto fine che potrebbe essere scontato, ma che fa sentire dentro un tranquillo senso di beatitudine.


C’è da dire che Sandra Dee aveva su per giù 16 anni e un faccino innocente che poteva fare concorrenza solo a quello di Doris Day.
I vestiti, poi, avevano quell’eleganza senza tempo che vorrei sapere se davvero qualcuno all’epoca li indossava.
Ma più di tutto, è l’atmosfera di quei film che mi incanta, che mi fa allentare qualcosa dentro – più o meno a metà strada tra la testa e lo stomaco – e finalmente mi pare che ci possa essere un po’ di tranquillità e, perfino, la possibilità di un lieto fine.

Kay Kendal e Rex Harrison con al centro Angela Lansbury
molto tempo prima di diventare "La signora in giallo"

Ovviamente sono partita a fare ricerche sul film, sul cast, e sui singoli attori.
Ho scoperto così che Sandra Dee è stata considerata una baby star prendendo parte a molte pellicole prima di compiere 18 anni – quando girò “Scandalo al sole”, ad esempio, aveva solo 17 anni! - per poi essere ignorata quasi del tutto da Hollywood: per tutta la vita ha sofferto di anoressia nervosa e poi di alcolismo.
Il regista Vincente Minnelli – che ha diretto anche, tra gli altri,  “Il padre della sposa” con Spencer Tracy e “Un americano a Parigi” con Gene Kelly - era il padre di Liza avuta insieme a Judy Garland, grande attrice americana degli anni ’40 (la Dorothy del primo Mago di Oz, per capirci).
Rex Harrison e Kay Kendall erano sposati, quando uscì il film, e lei sarebbe morta solo un anno dopo, a causa della leucemia.


Icone senza tempo che riportano ad tempo di beatitudine che mi sembra ancora possibile solo se la vedo attraverso le pellicole di Hollywood quando era ancora la terra dei sogni.


P.S.: Questo qui sotto è il video di una scena di Grease dove canzonano un pò il modo di essere di Sandra Dee e di Doris Day con la loro aura di purezza rispetto a quei tempi "sex, drugs & Rock 'n Roll"
Quei tempi... almeno a loro avevano anche il rock..

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…