Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: successo con record di ingressi. E ora... cosa resta?


La 26esima edizione del Salone del Libro di Torino 2013 ha chiuso i battenti lunedì sera, registrando un aumento del 4% degli ingressi, arrivati alla cifra record di 329.860 rispetto ai 317.482 della chiusura 2012.

Il presidente Rolando Picchioni  ha detto che "E' stato il Salone più bello dei nostri anni" e chissà che veramente non sia stato così.

Io me lo sono perso, per mille motivi e per nessuno in particolare. O forse sempre il solito motivo che mi costringe anche a razionarmi gli acquisti di libri: pochi fondi in tasca, diciamo così...
Intanto, speriamo in tempi migliori, così da non perdermi il prossimo Salone dal 15 al 19 maggio 2014.

Per quanto riguarda i libri - cioè la cosa fondamentale del Salone... o no? - c'è stato un aumento del 20%) delle vendite negli stand, con un picco di oltre il 40% per Feltrinelli, grazie al traino di Zero Zero Zero di Roberto Saviano, diciamo.
Questo dato mi fa riflettere, perché diciamo che non ha molto senso andare al Salone del Libro e comprare Saviano, che lo trovate anche al supermercato.

Il mio rimpianto maggiore è proprio quello di non aver potuto tuffare gli occhi e le mani in quegli stand di piccole case editrici, con quei libri che nemmeno se lo minaccio di morte lenta e dolorosa, il libraio sotto casa mi ordina. E ogni volta che queste piccole isole di libri postavano foto dei banchi colorati sui social, una piccola pugnalata colpiva il mio desiderio di lettrice compulsiva.

Libri, libri, libri! anche sulle pareti...
Quest'anno ho seguito più assiduamente le notizie provenienti dal Lingotto. E più assiduamente si può anche leggere ossessivamente.
Sarà perché ho deciso di scrivere finalmente di quello che amo - i libri -, sarà perché avevo appunto questo desiderio fortissimo di essere lì, fatto sta che ho osservato tutto molto attentamente (da qua, ma comunque attentamente). 
E proprio il mio desiderio di avere notizie mi ha portato a cercarle e... a non trovarle!
O almeno, non sempre e non quante avrei voluto. Molte volte, nemmeno come avrei voluto, ma forse io ho questa vaga (!) formazione giornalistica che mi influenza nella ricerca e nella qualità delle notizie. Ma comunque.

Sto ancora cercando di farmi un'opinione sulla presenza delle quattro blogger come casse di risonanza delle notizie e degli eventi del Salone [leggi sopra, sulla ricerca di notizie...]. Ma forse quest'anno era solo una prova e provando provando si migliora, chissà.

Come il dio dei libri ha voluto, anche questa edizione è passata e potremo tutti (più o meno tutti, diciamo...) ritornare a parlare di quello che ci piace, di chi ci piace e nella maniera che più ci piace.

Quello che resta sono i libri.
I libri da leggere.
I libri di cui scrivere.
I libri da scrivere, partendo da una pagina bianca...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…