Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: successo con record di ingressi. E ora... cosa resta?


La 26esima edizione del Salone del Libro di Torino 2013 ha chiuso i battenti lunedì sera, registrando un aumento del 4% degli ingressi, arrivati alla cifra record di 329.860 rispetto ai 317.482 della chiusura 2012.

Il presidente Rolando Picchioni  ha detto che "E' stato il Salone più bello dei nostri anni" e chissà che veramente non sia stato così.

Io me lo sono perso, per mille motivi e per nessuno in particolare. O forse sempre il solito motivo che mi costringe anche a razionarmi gli acquisti di libri: pochi fondi in tasca, diciamo così...
Intanto, speriamo in tempi migliori, così da non perdermi il prossimo Salone dal 15 al 19 maggio 2014.

Per quanto riguarda i libri - cioè la cosa fondamentale del Salone... o no? - c'è stato un aumento del 20%) delle vendite negli stand, con un picco di oltre il 40% per Feltrinelli, grazie al traino di Zero Zero Zero di Roberto Saviano, diciamo.
Questo dato mi fa riflettere, perché diciamo che non ha molto senso andare al Salone del Libro e comprare Saviano, che lo trovate anche al supermercato.

Il mio rimpianto maggiore è proprio quello di non aver potuto tuffare gli occhi e le mani in quegli stand di piccole case editrici, con quei libri che nemmeno se lo minaccio di morte lenta e dolorosa, il libraio sotto casa mi ordina. E ogni volta che queste piccole isole di libri postavano foto dei banchi colorati sui social, una piccola pugnalata colpiva il mio desiderio di lettrice compulsiva.

Libri, libri, libri! anche sulle pareti...
Quest'anno ho seguito più assiduamente le notizie provenienti dal Lingotto. E più assiduamente si può anche leggere ossessivamente.
Sarà perché ho deciso di scrivere finalmente di quello che amo - i libri -, sarà perché avevo appunto questo desiderio fortissimo di essere lì, fatto sta che ho osservato tutto molto attentamente (da qua, ma comunque attentamente). 
E proprio il mio desiderio di avere notizie mi ha portato a cercarle e... a non trovarle!
O almeno, non sempre e non quante avrei voluto. Molte volte, nemmeno come avrei voluto, ma forse io ho questa vaga (!) formazione giornalistica che mi influenza nella ricerca e nella qualità delle notizie. Ma comunque.

Sto ancora cercando di farmi un'opinione sulla presenza delle quattro blogger come casse di risonanza delle notizie e degli eventi del Salone [leggi sopra, sulla ricerca di notizie...]. Ma forse quest'anno era solo una prova e provando provando si migliora, chissà.

Come il dio dei libri ha voluto, anche questa edizione è passata e potremo tutti (più o meno tutti, diciamo...) ritornare a parlare di quello che ci piace, di chi ci piace e nella maniera che più ci piace.

Quello che resta sono i libri.
I libri da leggere.
I libri di cui scrivere.
I libri da scrivere, partendo da una pagina bianca...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…