Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: volumi inediti di Neruda, omaggio a Bolaño e gli scrittori cileni ospiti


Pablo Neruda inedito fa battere il cuore al solo pronunciarlo.
Al Salone del Libro di Torino sarà presentata una selezione degli inediti quattro volumi de "Gli album di Capri" di Pablo Neruda con foto, cartoline, telegrammi, mappe turistiche, collages realizzati con ritagli, alghe e foglie secche. Il Paese ospite di quest'anno è il Cile, a quarant'anni dalla morte del poeta cileno Premio Nobel per la Letteratura nel 1971 e a quarant'anni dal Colpo di Stato di Pinochet 
Il preziosissimo materiale raccolto nei volumi è stato conservato nella biblioteca della Fondazione Pablo Neruda e racconta il soggiorno in Italia - da Venezia a Napoli - con la sua amata Matilde Urrutia, tra il 1952 e il 1953.
Oltre a disegni e collages, gli album contengono anche alcuni manoscritti e un racconto dattiloscritto che Neruda compose per mettere su carta le speranze che riponeva nel futuro insieme alla sua Matilde. Nella parte finale, ci sono le foto de La Chascona, la famosa casa di Neruda a Santiago, in fase di costruzione, q quindi del ritorno in Cile della coppia,.

Oltre a Neruda, il Salone offre un omaggio anche a Roberto Bolaño, scomparso nel 2003, con una serata a lui dedicata il 18 maggio. Per la prima volta, il 17 maggio, al Cecchi Point di Torino sarà presentato al pubblico italiano il film "Il futuro" di Alicia Scherson, tratto da "Un romanzetto lumpen" (Adelphi) che Bolaño ha ambientato a Roma. Il film con Manuela Martelli, Nicolas Vaporidis, Luigi Ciardo e con Rutger Hauer, già presentato al Sundance, sarà nelle nostre sale in giugno.

I fan italiani di Antonia Skarmeta, Isabelle Allende e Marcela Serrano saranno delusi dalla loro assenza, mentre è molto atteso Luis Sepulveda che oggi presenterà al Salone il suo nuovo libro "Ingredienti per una vita di formidabili passioni" (Guanda). Il Lingotto freme anche per l'arrivo di Jorge Edwards, narratore e diplomatico, che oggi è ambasciatore a Parigi, Premio Cervantes 1999 e poi il padre dell'investigatore Brulé, Roberto Ampuero, pubblicato in Italia da Garzanti. E fra le nuovi voci Alejandro Zamba, incluso dalla rivista Granta tra i venti più significativi scrittori di lingua spagnola under 40, con "Modi di tornare a casa" (Mondadori) sulla generazione dei figli di chi è stato complice o ha combattuto la dittatura cilena, e Lina Meruane, 43 anni, che aveva colpito anche Bolaño, con "Sangue negli occhi" (La Nuova Frontiera) su una ragazza che perde la vista.


Fonte: Ansa

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…