Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: volumi inediti di Neruda, omaggio a Bolaño e gli scrittori cileni ospiti


Pablo Neruda inedito fa battere il cuore al solo pronunciarlo.
Al Salone del Libro di Torino sarà presentata una selezione degli inediti quattro volumi de "Gli album di Capri" di Pablo Neruda con foto, cartoline, telegrammi, mappe turistiche, collages realizzati con ritagli, alghe e foglie secche. Il Paese ospite di quest'anno è il Cile, a quarant'anni dalla morte del poeta cileno Premio Nobel per la Letteratura nel 1971 e a quarant'anni dal Colpo di Stato di Pinochet 
Il preziosissimo materiale raccolto nei volumi è stato conservato nella biblioteca della Fondazione Pablo Neruda e racconta il soggiorno in Italia - da Venezia a Napoli - con la sua amata Matilde Urrutia, tra il 1952 e il 1953.
Oltre a disegni e collages, gli album contengono anche alcuni manoscritti e un racconto dattiloscritto che Neruda compose per mettere su carta le speranze che riponeva nel futuro insieme alla sua Matilde. Nella parte finale, ci sono le foto de La Chascona, la famosa casa di Neruda a Santiago, in fase di costruzione, q quindi del ritorno in Cile della coppia,.

Oltre a Neruda, il Salone offre un omaggio anche a Roberto Bolaño, scomparso nel 2003, con una serata a lui dedicata il 18 maggio. Per la prima volta, il 17 maggio, al Cecchi Point di Torino sarà presentato al pubblico italiano il film "Il futuro" di Alicia Scherson, tratto da "Un romanzetto lumpen" (Adelphi) che Bolaño ha ambientato a Roma. Il film con Manuela Martelli, Nicolas Vaporidis, Luigi Ciardo e con Rutger Hauer, già presentato al Sundance, sarà nelle nostre sale in giugno.

I fan italiani di Antonia Skarmeta, Isabelle Allende e Marcela Serrano saranno delusi dalla loro assenza, mentre è molto atteso Luis Sepulveda che oggi presenterà al Salone il suo nuovo libro "Ingredienti per una vita di formidabili passioni" (Guanda). Il Lingotto freme anche per l'arrivo di Jorge Edwards, narratore e diplomatico, che oggi è ambasciatore a Parigi, Premio Cervantes 1999 e poi il padre dell'investigatore Brulé, Roberto Ampuero, pubblicato in Italia da Garzanti. E fra le nuovi voci Alejandro Zamba, incluso dalla rivista Granta tra i venti più significativi scrittori di lingua spagnola under 40, con "Modi di tornare a casa" (Mondadori) sulla generazione dei figli di chi è stato complice o ha combattuto la dittatura cilena, e Lina Meruane, 43 anni, che aveva colpito anche Bolaño, con "Sangue negli occhi" (La Nuova Frontiera) su una ragazza che perde la vista.


Fonte: Ansa

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…