Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: l'app gratuita, le case editrici più social e l'hashtag #SalTo13


Il 26esimo Salone del Libro di Torino inizia oggi e, fino al 20 maggio, sarà un piccolo uragano di eventi, incontri con gli autori, presentazioni di libri e tantissime altre iniziative nuove ed originali.
Se già così vi sentite presi in un labirinto di cui non indovinate l'uscita, fermatevi un secondo e scaricate l'app gratuita - App Salone - per consultare velocemente il programma dallo smartphone o dal tablet. Realizzata in collaborazione con Vodafone e messa a punto nei formati iOs e Android da un gruppo di giovani laureati in Informatica dell'Universita' di Torino, la App Salone contiene l'equivalente di un volume cartaceo di 200 pagine. Oltre ad avere a portata di mano tutti gli appuntamenti, è possibile interagire con le pagine Facebook e Twitter del Salone.


Non a caso...de non cinguetti, non sei nessuno!
E' cambiato il modo di fare comunicazione editoriale e le case editrici italiane cavalcano perfettamente questo trend, insieme ai blog letterari che sono diventati i nuovi diffusori di notizie del settore.
Lo rivela un'indagine dell'Associazione Italiana Editori dal titolo "L'uso di Twitter e dei social media in editoria" che sarà presentata sabato 18 maggio al Salone del Libro di Torino. 
Questa ricerca è la prima in Italia e e tra le prime in Europa ad affermare che il 57,7% degli editori che pubblicano più di 11 titoli l'anno usa strumenti social per comunicare con il proprio pubblico di riferimento.

Un'altra ricerca Aie, in collaborazione con IE-Informazioni editoriali - che sarà sempre presentata al Salone oggi - su "La presenza di editori, autori e libri nei blog e in tv. L'impatto che hanno sulle vendite dei libri" prende in analisi il nuovo fenomeno dei blog letterari come diffusori di nuovi titoli. 
I blog letterari vengono definiti come "spazi on-line di comunicazione culturale". Almeno il 3% dei titoli usciti tra settembre 2012 e marzo 2013, infatti sono risultati presenti nei 10 blog letterari considerati da Aie come campione, fra i quali figurano Tazzina di caffé, Finzioni, Booksblog e BookFool
Inoltre, il 37,7% dei titoli sono di piccole e piccolissime case editrici. 

Il lettore, dunque, deve essere raggiunto attraverso altri canali, quali Twitter, i blog letterari e qualsiasi altra opzione social, non da ultimo YouTube a Pinterest.

Il mio blog ha sempre virato verso il letterario - ma non guardo assolutamente agli esempi sopra citati, perchè stanno troppo in alto - e, nel mio piccolissimo, mi piace "segnalare" i libri che mi sono piaciuti (o che non mi sono piaciuti). 
Il complimento più grande che ho avuto è stato "leggendo la tua recensione mi hai fatto venir voglia di leggere quel libro". E, si sa, ci si nutre anche di questi piccoli momenti...

Fonte: Ansa

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…