Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: l'app gratuita, le case editrici più social e l'hashtag #SalTo13


Il 26esimo Salone del Libro di Torino inizia oggi e, fino al 20 maggio, sarà un piccolo uragano di eventi, incontri con gli autori, presentazioni di libri e tantissime altre iniziative nuove ed originali.
Se già così vi sentite presi in un labirinto di cui non indovinate l'uscita, fermatevi un secondo e scaricate l'app gratuita - App Salone - per consultare velocemente il programma dallo smartphone o dal tablet. Realizzata in collaborazione con Vodafone e messa a punto nei formati iOs e Android da un gruppo di giovani laureati in Informatica dell'Universita' di Torino, la App Salone contiene l'equivalente di un volume cartaceo di 200 pagine. Oltre ad avere a portata di mano tutti gli appuntamenti, è possibile interagire con le pagine Facebook e Twitter del Salone.


Non a caso...de non cinguetti, non sei nessuno!
E' cambiato il modo di fare comunicazione editoriale e le case editrici italiane cavalcano perfettamente questo trend, insieme ai blog letterari che sono diventati i nuovi diffusori di notizie del settore.
Lo rivela un'indagine dell'Associazione Italiana Editori dal titolo "L'uso di Twitter e dei social media in editoria" che sarà presentata sabato 18 maggio al Salone del Libro di Torino. 
Questa ricerca è la prima in Italia e e tra le prime in Europa ad affermare che il 57,7% degli editori che pubblicano più di 11 titoli l'anno usa strumenti social per comunicare con il proprio pubblico di riferimento.

Un'altra ricerca Aie, in collaborazione con IE-Informazioni editoriali - che sarà sempre presentata al Salone oggi - su "La presenza di editori, autori e libri nei blog e in tv. L'impatto che hanno sulle vendite dei libri" prende in analisi il nuovo fenomeno dei blog letterari come diffusori di nuovi titoli. 
I blog letterari vengono definiti come "spazi on-line di comunicazione culturale". Almeno il 3% dei titoli usciti tra settembre 2012 e marzo 2013, infatti sono risultati presenti nei 10 blog letterari considerati da Aie come campione, fra i quali figurano Tazzina di caffé, Finzioni, Booksblog e BookFool
Inoltre, il 37,7% dei titoli sono di piccole e piccolissime case editrici. 

Il lettore, dunque, deve essere raggiunto attraverso altri canali, quali Twitter, i blog letterari e qualsiasi altra opzione social, non da ultimo YouTube a Pinterest.

Il mio blog ha sempre virato verso il letterario - ma non guardo assolutamente agli esempi sopra citati, perchè stanno troppo in alto - e, nel mio piccolissimo, mi piace "segnalare" i libri che mi sono piaciuti (o che non mi sono piaciuti). 
Il complimento più grande che ho avuto è stato "leggendo la tua recensione mi hai fatto venir voglia di leggere quel libro". E, si sa, ci si nutre anche di questi piccoli momenti...

Fonte: Ansa

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…