Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: Iaia Guardo, Maghetta Streghetta e la presentazione del libro (senza libro!)

A sinistra, Maghetta Streghetta e, a destra, Iaia Guardo. O era viceversa?!
Ci sono abitudini che non sappiamo nemmeno di avere, ma che si ripresentano giorno dopo giorno e, pur trattandosi di abitudini, non sono per niente negative. Anzi.
Tra i miei appuntamenti sul web, c'è anche quello con Gikitchen, il sito di "cucina psicola(va)bile" di Iaia Guardo e la sua simpaticissima Maghetta Streghetta.

Non saprei dirvi come sono arrivata sulla sua pagina Facebook e da lì al blog, però i disegni di Iaia mi  hanno dato immediatamente un senso di tranquillità (e non sono l'unica a dirlo, basta leggere i commenti!). Ho passato pomeriggi a spulciare le sue ricette dal sapore giapponese - risvegliando un'antica passione per l'Estremo Oriente, confesso! - e, benché non possa assolutamente avvicinarmi col pensiero ad un mondo popolato di piatti così belli che sembra un peccato mangiarli, mi mette in pace col mondo sapere che esistono.

Uno dei disegni più delicati e... calmanti del mondo!
E in un mondo popolato di gente sempre super sicura di sé, o che finge di esserlo - il mondo del web e quello di fuori -, Iaia confessa quando ha paura, quando è contenta, quando è insicura, quando il panico l'assale. Cioè lei lo confessa a parole e Maghetta lo esprime con le sue mille espressioni. E a me viene voglia di chiamarle - Iaia e Maghetta, pure - e dirle che siamo tutti con loro. O almeno, io.

Così, quando Iaia ha annunciato - emozionata, felice, piena pienissima di panico - che sarebbe uscito il suo libro di ricette illustrate - le fumettoricette - per la Mondadori Electa, io ero contenta per lei. Forse perché la sento vicina. Ma non è solo un'impressione mia: i 26 mila e passa fan sulla pagina Facebook e i 7850 follower su Twitter la sentono vicina e, effettivamente, Maghetta Streghetta è un fenomeno del web che ispira simpatia e vicinanza.

Ecco cosa è successo alla presentazione del libro senza libro!
All'apertura del Salone del Libro di Torino 2013, Iaia insieme a Daniela Monero di Pastiglie Leone - di cui Iaia si è inventata scenette simpaticissime diffuse poi sulla pagina ufficiale dell'azienda di confetteria piemontese - ha presentato il libro (senza libro, ma è solo un dettaglio!) e io sarei voluta essere lì (come mi è capitato spesso dall'apertura del Salone, ma questo è un altro dettaglio trascurabile, diciamo...).
In questi giorni sarà in giro per Torino per altri eventi in librerie e caffè letterari, e Iaia non smette di scrivere del suo panico, del fatto che dimentica tutto prima di andare davanti al pubblico, e cose così.

A chi di noi non è mai successo prima di una prova importante?
Ecco, appunto.
E a voi è mai venuto in mente di dirlo a chi vi sta attorno?
No? Ecco, appunto.

Forse per questo Iaia e Maghetta Streghetta stanno simpatiche a tutti e voi... beh... vi rispondo la prossima volta, va'!



Fonte: tutte le immagini sono prese dalla pagina Facebook di Gikitchen.

Commenti

  1. Fortuna che non avevo ancora smesso di piangere così continuo tranquillamente e indisturbata.

    Grazie davvero infinite.
    grazie.
    ( non bastano più questi grazie mi sa)
    ma-
    Grazie-
    Ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  2. Non mi ringraziare! Ho scritto solo quello che penso... e penso tanto bene di te, ok?! ^__^
    Un abbraccio grande grande grande

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…