Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: blogger e temi in rosa, tra maternità e femminicidio


Il rosa si diffonde anche sul Salone del Libro di Torino 2013.
Fin dall'avvio di giovedì scorso, infatti, quattro blogger hanno diffuso attraverso i social network - e attraverso i loro blog, ovviamente - una visione alternativa del Salone, dando particolare risalto ad un'ottica femminile.
Le quattro blogger prescelte sono Noemi Cuffia - Tazzina di caffè -, Mariachiara Montera - The chef is on the table -, Valentina Stella - Bellezza Rara - e Irene Perino - Le mille mila - tutte già conosciute nel mondo del web, ma se non le conoscete ancora, fate un giro sui loro siti, tutti molto interessanti e carini.

Durante la giornata di oggi, sabato 18 maggio, il Salone del Libro sarà particolarmente incentrato sui temi femminili, soprattutto analizzando diversi aspetti del fenomeno del mommy blogging, nell'incontro dal titolo "Blogger e lavoratrici: come cambia il ruolo delle mamme in rete".

Ma le donne entrano al Salone anche, e soprattutto, attraverso i libri, come autrici e protagoniste.
I temi attorno cui si ruota, quest'anno, sono maternità, femminicidio, mafia e lavoro.
Nel libro di Serena Dandini "Ferite a morte" - presentato oggi, alle 19.30, all'Auditorium del Lingotto - e in quello di Loredana Lipperini e Michela Murgia "L'ho uccisa perché l'amavo. Falso!" e "Questo non è amore" si parla di femminicidio.

Si parla di mafia in "Fimmini ribelli" di Lirio Abbate, un libro composta da storie che raccontano di donne nate in famiglie di 'ndrangheta e destinate a essere mogli e madri di mafiosi, ma che si sono ribellate e hanno deciso di cambiare il proprio destino che altri avevano già predefinito per loro.

In questi tempi di profonda violenza nei confronti delle donne, far passare attraverso i libri messaggi di ribellione verso una società che, spesso, ci vuole vittime, ma anche messaggi di speranza, secondo me può aiutare a creare una coscienza anche nelle generazioni più giovani.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…