Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: blogger e temi in rosa, tra maternità e femminicidio


Il rosa si diffonde anche sul Salone del Libro di Torino 2013.
Fin dall'avvio di giovedì scorso, infatti, quattro blogger hanno diffuso attraverso i social network - e attraverso i loro blog, ovviamente - una visione alternativa del Salone, dando particolare risalto ad un'ottica femminile.
Le quattro blogger prescelte sono Noemi Cuffia - Tazzina di caffè -, Mariachiara Montera - The chef is on the table -, Valentina Stella - Bellezza Rara - e Irene Perino - Le mille mila - tutte già conosciute nel mondo del web, ma se non le conoscete ancora, fate un giro sui loro siti, tutti molto interessanti e carini.

Durante la giornata di oggi, sabato 18 maggio, il Salone del Libro sarà particolarmente incentrato sui temi femminili, soprattutto analizzando diversi aspetti del fenomeno del mommy blogging, nell'incontro dal titolo "Blogger e lavoratrici: come cambia il ruolo delle mamme in rete".

Ma le donne entrano al Salone anche, e soprattutto, attraverso i libri, come autrici e protagoniste.
I temi attorno cui si ruota, quest'anno, sono maternità, femminicidio, mafia e lavoro.
Nel libro di Serena Dandini "Ferite a morte" - presentato oggi, alle 19.30, all'Auditorium del Lingotto - e in quello di Loredana Lipperini e Michela Murgia "L'ho uccisa perché l'amavo. Falso!" e "Questo non è amore" si parla di femminicidio.

Si parla di mafia in "Fimmini ribelli" di Lirio Abbate, un libro composta da storie che raccontano di donne nate in famiglie di 'ndrangheta e destinate a essere mogli e madri di mafiosi, ma che si sono ribellate e hanno deciso di cambiare il proprio destino che altri avevano già predefinito per loro.

In questi tempi di profonda violenza nei confronti delle donne, far passare attraverso i libri messaggi di ribellione verso una società che, spesso, ci vuole vittime, ma anche messaggi di speranza, secondo me può aiutare a creare una coscienza anche nelle generazioni più giovani.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…