Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2013: blogger e temi in rosa, tra maternità e femminicidio


Il rosa si diffonde anche sul Salone del Libro di Torino 2013.
Fin dall'avvio di giovedì scorso, infatti, quattro blogger hanno diffuso attraverso i social network - e attraverso i loro blog, ovviamente - una visione alternativa del Salone, dando particolare risalto ad un'ottica femminile.
Le quattro blogger prescelte sono Noemi Cuffia - Tazzina di caffè -, Mariachiara Montera - The chef is on the table -, Valentina Stella - Bellezza Rara - e Irene Perino - Le mille mila - tutte già conosciute nel mondo del web, ma se non le conoscete ancora, fate un giro sui loro siti, tutti molto interessanti e carini.

Durante la giornata di oggi, sabato 18 maggio, il Salone del Libro sarà particolarmente incentrato sui temi femminili, soprattutto analizzando diversi aspetti del fenomeno del mommy blogging, nell'incontro dal titolo "Blogger e lavoratrici: come cambia il ruolo delle mamme in rete".

Ma le donne entrano al Salone anche, e soprattutto, attraverso i libri, come autrici e protagoniste.
I temi attorno cui si ruota, quest'anno, sono maternità, femminicidio, mafia e lavoro.
Nel libro di Serena Dandini "Ferite a morte" - presentato oggi, alle 19.30, all'Auditorium del Lingotto - e in quello di Loredana Lipperini e Michela Murgia "L'ho uccisa perché l'amavo. Falso!" e "Questo non è amore" si parla di femminicidio.

Si parla di mafia in "Fimmini ribelli" di Lirio Abbate, un libro composta da storie che raccontano di donne nate in famiglie di 'ndrangheta e destinate a essere mogli e madri di mafiosi, ma che si sono ribellate e hanno deciso di cambiare il proprio destino che altri avevano già predefinito per loro.

In questi tempi di profonda violenza nei confronti delle donne, far passare attraverso i libri messaggi di ribellione verso una società che, spesso, ci vuole vittime, ma anche messaggi di speranza, secondo me può aiutare a creare una coscienza anche nelle generazioni più giovani.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …