Passa ai contenuti principali

La notte della letteratura europea: per l'Italia Stefano Benni con il suo Achille piè veloce

Stefano Benni
Immaginate una notte in bianco.
Ma non con quell'insonnia fastidiosa che vi fa contorcere tra le lenzuola.
Una notte in bianco popolata dei più bei libri della letteratura europea. 
Come sognare ad occhi aperti, in pratica!

E' in corso proprio in queste ore "La notte della letteratura europea", una maratona letteraria per promuovere la scrittura europea contemporanea, abbattendo le barriere culturali (che ancora persistono, in alcuni casi...). 

Stefano Benni rappresenta l’Italia con il suo "Achille piè veloce".

Achille piè veloce, Feltrinelli
La maratona - rganizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles e dagli altri istituti appartenenti alla rete Eunic - animerà il centro di Bruxelles, soprattutto nei sette luoghi simbolo della città (Passa Porta, Maison des Littératures européennes; Librairies Tropismes et Le Wolf; Musée des Lettres et Manuscrits; Bibliothèque des Riches Claires; La Bellone; Cercle des Voyageurs) si svolgeranno contemporaneamente delle letture pubbliche in francese e in nederlandese. 

I più noti scrittori belgi leggeranno brani di autori europei, uno per ogni paese. Gli altri Paesi europei saranno rappresentati da Michel Torrekens (Belgio francese), Claire Angelides (Cipro), Marek Sindelka (Repubblica Ceca), Erling Jepsen (Danimarca), Emil Tode (Estonia), Delphine de Vigan (Francia), Agnė Žagrakalytė (Lituania), Joseph Pearce(Belgio tedesco), Benno Barnard (Olanda), Marek Bieńczyk (Polonia), Lojze Kovačič (Slovenia) e Hakan Günday (Turchia).

Gli altri anni, questo evento ha sempre catalizzato un grande seguito, forse perché conoscere come declinano la letteratura nei Paesi vicini, è sempre una curiosa novità.
A me capita sempre, quando arrivo in una città europea, di cercare una libreria - anche quelle grandi, di qualche catena, non importa - per vedere quali temi sono i più venduti. In alcuni casi, sono rimasta molto sorpresa e incuriosita. In altri, ho ritrovato una fratellanza con l'Italia che mai mi sarei aspettata.

In fondo, le differenze culturali, spesso, risiedono prima di tutto nella nostra testa.




Fonte: IICBruxelles

Literature Nights

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…