Passa ai contenuti principali

La notte della letteratura europea: per l'Italia Stefano Benni con il suo Achille piè veloce

Stefano Benni
Immaginate una notte in bianco.
Ma non con quell'insonnia fastidiosa che vi fa contorcere tra le lenzuola.
Una notte in bianco popolata dei più bei libri della letteratura europea. 
Come sognare ad occhi aperti, in pratica!

E' in corso proprio in queste ore "La notte della letteratura europea", una maratona letteraria per promuovere la scrittura europea contemporanea, abbattendo le barriere culturali (che ancora persistono, in alcuni casi...). 

Stefano Benni rappresenta l’Italia con il suo "Achille piè veloce".

Achille piè veloce, Feltrinelli
La maratona - rganizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles e dagli altri istituti appartenenti alla rete Eunic - animerà il centro di Bruxelles, soprattutto nei sette luoghi simbolo della città (Passa Porta, Maison des Littératures européennes; Librairies Tropismes et Le Wolf; Musée des Lettres et Manuscrits; Bibliothèque des Riches Claires; La Bellone; Cercle des Voyageurs) si svolgeranno contemporaneamente delle letture pubbliche in francese e in nederlandese. 

I più noti scrittori belgi leggeranno brani di autori europei, uno per ogni paese. Gli altri Paesi europei saranno rappresentati da Michel Torrekens (Belgio francese), Claire Angelides (Cipro), Marek Sindelka (Repubblica Ceca), Erling Jepsen (Danimarca), Emil Tode (Estonia), Delphine de Vigan (Francia), Agnė Žagrakalytė (Lituania), Joseph Pearce(Belgio tedesco), Benno Barnard (Olanda), Marek Bieńczyk (Polonia), Lojze Kovačič (Slovenia) e Hakan Günday (Turchia).

Gli altri anni, questo evento ha sempre catalizzato un grande seguito, forse perché conoscere come declinano la letteratura nei Paesi vicini, è sempre una curiosa novità.
A me capita sempre, quando arrivo in una città europea, di cercare una libreria - anche quelle grandi, di qualche catena, non importa - per vedere quali temi sono i più venduti. In alcuni casi, sono rimasta molto sorpresa e incuriosita. In altri, ho ritrovato una fratellanza con l'Italia che mai mi sarei aspettata.

In fondo, le differenze culturali, spesso, risiedono prima di tutto nella nostra testa.




Fonte: IICBruxelles

Literature Nights

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…