Passa ai contenuti principali

La notte della letteratura europea: per l'Italia Stefano Benni con il suo Achille piè veloce

Stefano Benni
Immaginate una notte in bianco.
Ma non con quell'insonnia fastidiosa che vi fa contorcere tra le lenzuola.
Una notte in bianco popolata dei più bei libri della letteratura europea. 
Come sognare ad occhi aperti, in pratica!

E' in corso proprio in queste ore "La notte della letteratura europea", una maratona letteraria per promuovere la scrittura europea contemporanea, abbattendo le barriere culturali (che ancora persistono, in alcuni casi...). 

Stefano Benni rappresenta l’Italia con il suo "Achille piè veloce".

Achille piè veloce, Feltrinelli
La maratona - rganizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles e dagli altri istituti appartenenti alla rete Eunic - animerà il centro di Bruxelles, soprattutto nei sette luoghi simbolo della città (Passa Porta, Maison des Littératures européennes; Librairies Tropismes et Le Wolf; Musée des Lettres et Manuscrits; Bibliothèque des Riches Claires; La Bellone; Cercle des Voyageurs) si svolgeranno contemporaneamente delle letture pubbliche in francese e in nederlandese. 

I più noti scrittori belgi leggeranno brani di autori europei, uno per ogni paese. Gli altri Paesi europei saranno rappresentati da Michel Torrekens (Belgio francese), Claire Angelides (Cipro), Marek Sindelka (Repubblica Ceca), Erling Jepsen (Danimarca), Emil Tode (Estonia), Delphine de Vigan (Francia), Agnė Žagrakalytė (Lituania), Joseph Pearce(Belgio tedesco), Benno Barnard (Olanda), Marek Bieńczyk (Polonia), Lojze Kovačič (Slovenia) e Hakan Günday (Turchia).

Gli altri anni, questo evento ha sempre catalizzato un grande seguito, forse perché conoscere come declinano la letteratura nei Paesi vicini, è sempre una curiosa novità.
A me capita sempre, quando arrivo in una città europea, di cercare una libreria - anche quelle grandi, di qualche catena, non importa - per vedere quali temi sono i più venduti. In alcuni casi, sono rimasta molto sorpresa e incuriosita. In altri, ho ritrovato una fratellanza con l'Italia che mai mi sarei aspettata.

In fondo, le differenze culturali, spesso, risiedono prima di tutto nella nostra testa.




Fonte: IICBruxelles

Literature Nights

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…