Passa ai contenuti principali

La grande invasione: minimum fax organizza il primo Festival della lettura ad Ivrea


La grande invasione è il primo festival letterario di Ivrea che, dal 20 al 23 giugno, porterà libri e scrittori nei posti più prestigiosi della città.
Il primo festival della lettura nasce dall'incontro di due realtà indipendenti: la Galleria del Libro, storica libreria eporediese, e la casa editrice minimum fax che, con l'associazione culturale Liberi di scegliere, presentano un festival inedito di quattro giorni interamente dedicato alla lettura.

I luoghi "invasi" saranno il Teatro Civico, piazza Ottinetti, Sala S. Marta, il cortile del Castello, la Biblioteca comunale, il Museo Tecnologic@mente.

La grande invasione è una manifestazione culturale interamente dedicata alla lettura, ca ui parteciperanno rappresentanti della cultura intesa a 360 gradi (letteratura, musica, cinema, teatro, giornalismo). La città di Ivrea si trasformerà in un laboratorio di lettura a cielo aperto, che coinvolgerà moltissime realtà eporediesi, e saranno davvero tanti i percorsi che attraverso concerti, spettacoli, mostre, dialoghi, presentazioni si sviluppano e intrecciano per le strade, le piazze, i locali e i teatri di Ivrea.

Grazie ad un programma suddiviso in sezioni, ogni partecipante potrà tracciare il suo personale percorso, tra spettacoli serali, reading con attori e scrittori, mostre.
A "invadere" Ivrea con i loro racconti, le loro voci ed esperienze ci saranno attori, da Giuseppe Battiston a Fabrizio Gifuni, da Licia Maglietta a Isabella Ragonese; musicisti come Brunori sas, Dente, Nicolò Carnesi, Cosmo, Dimartino, L’Orso, le Voci del Tempo; giornalisti, da Gianni Mura a Marino Sinibaldi; traduttrici come Ilide Carmingani e Martina Testa; blogger (Jumpinshark, Jacopo Cirillo, Federico Novaro, Noemi Cuffia, oltre alle redazioni di 404 File not Found e minima&moralia), artisti visivi (Tommaso Pincio, Alessandro Baronciani, Francesco Corni e Francesco Campanoni); e ovviamente gli scrittori che porteranno le loro storie da condividere: Paolo Cognetti, Diego De Silva, Ernesto Ferrero, Gian Carlo Ferretti, Giuseppe Genna, Nicola Lagioia, Tomaso Montanari, Tommaso Pincio, Luca Raffaelli, Christian Raimo, SIC (Scrittura industriale Collettiva), Domenico Starnone, Fabio Stassi, Alessio Torino, Giorgio Vasta e altri ancora.

Tutti i seminari, gli incontri, le tavole rotonde, le mostre, i concerti del festival saranno gratuiti, mentre per gli spettacoli teatrali è previsto un biglietto simbolico.

Accanto al programma della Grande invasione non mancherà l’attenzione ai lettori più piccoli con La piccola invasione, costruita e curata da Lucia Panzieri: la scrittura e le emozioni di "Mangiami, bevimi e scrivimi" di Antonio Ferrara, le illustrazioni di "Doppia personalità" di Miguel Tanco e il laboratorio "Re-­‐Book", sul riuso della carta, di Alice Visin.

"La grande invasione è una rassegna che dura quattro giorni, nei quali convivono intrattenimento e cultura seguendo il filo rosso della lettura, ed è la prima edizione di un’esperienza che ci auguriamo nei prossimi anni possa essere ancora più ricca e articolata" fanno sapere gli organizzatori.

Il festival nasce dal progetto comune di La Galleria del Libro e di minimum fax con l’organizzazione da parte di Liberi di scegliere, ed è sostenuto da realtà pubbliche e private di grande valore. È patrocinato dal Comune di Ivrea, dalla Provincia di Torino e dalla Regione Piemonte; conta sul sostegno di diverse realtà che vivono e operano nel territorio eporediese: la Fondazione Guelpa, Manital, RGI Group, AEG, Bioindustry Park, e Icas; ha importanti compagni di strada: Trenitalia–Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Tisettanta, La Repubblica, Internazionale, Radio3 RAI e SKY Arte HD; e la collaborazione del Circolo dei lettori di Torino.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…