Passa ai contenuti principali

La grande invasione: minimum fax organizza il primo Festival della lettura ad Ivrea


La grande invasione è il primo festival letterario di Ivrea che, dal 20 al 23 giugno, porterà libri e scrittori nei posti più prestigiosi della città.
Il primo festival della lettura nasce dall'incontro di due realtà indipendenti: la Galleria del Libro, storica libreria eporediese, e la casa editrice minimum fax che, con l'associazione culturale Liberi di scegliere, presentano un festival inedito di quattro giorni interamente dedicato alla lettura.

I luoghi "invasi" saranno il Teatro Civico, piazza Ottinetti, Sala S. Marta, il cortile del Castello, la Biblioteca comunale, il Museo Tecnologic@mente.

La grande invasione è una manifestazione culturale interamente dedicata alla lettura, ca ui parteciperanno rappresentanti della cultura intesa a 360 gradi (letteratura, musica, cinema, teatro, giornalismo). La città di Ivrea si trasformerà in un laboratorio di lettura a cielo aperto, che coinvolgerà moltissime realtà eporediesi, e saranno davvero tanti i percorsi che attraverso concerti, spettacoli, mostre, dialoghi, presentazioni si sviluppano e intrecciano per le strade, le piazze, i locali e i teatri di Ivrea.

Grazie ad un programma suddiviso in sezioni, ogni partecipante potrà tracciare il suo personale percorso, tra spettacoli serali, reading con attori e scrittori, mostre.
A "invadere" Ivrea con i loro racconti, le loro voci ed esperienze ci saranno attori, da Giuseppe Battiston a Fabrizio Gifuni, da Licia Maglietta a Isabella Ragonese; musicisti come Brunori sas, Dente, Nicolò Carnesi, Cosmo, Dimartino, L’Orso, le Voci del Tempo; giornalisti, da Gianni Mura a Marino Sinibaldi; traduttrici come Ilide Carmingani e Martina Testa; blogger (Jumpinshark, Jacopo Cirillo, Federico Novaro, Noemi Cuffia, oltre alle redazioni di 404 File not Found e minima&moralia), artisti visivi (Tommaso Pincio, Alessandro Baronciani, Francesco Corni e Francesco Campanoni); e ovviamente gli scrittori che porteranno le loro storie da condividere: Paolo Cognetti, Diego De Silva, Ernesto Ferrero, Gian Carlo Ferretti, Giuseppe Genna, Nicola Lagioia, Tomaso Montanari, Tommaso Pincio, Luca Raffaelli, Christian Raimo, SIC (Scrittura industriale Collettiva), Domenico Starnone, Fabio Stassi, Alessio Torino, Giorgio Vasta e altri ancora.

Tutti i seminari, gli incontri, le tavole rotonde, le mostre, i concerti del festival saranno gratuiti, mentre per gli spettacoli teatrali è previsto un biglietto simbolico.

Accanto al programma della Grande invasione non mancherà l’attenzione ai lettori più piccoli con La piccola invasione, costruita e curata da Lucia Panzieri: la scrittura e le emozioni di "Mangiami, bevimi e scrivimi" di Antonio Ferrara, le illustrazioni di "Doppia personalità" di Miguel Tanco e il laboratorio "Re-­‐Book", sul riuso della carta, di Alice Visin.

"La grande invasione è una rassegna che dura quattro giorni, nei quali convivono intrattenimento e cultura seguendo il filo rosso della lettura, ed è la prima edizione di un’esperienza che ci auguriamo nei prossimi anni possa essere ancora più ricca e articolata" fanno sapere gli organizzatori.

Il festival nasce dal progetto comune di La Galleria del Libro e di minimum fax con l’organizzazione da parte di Liberi di scegliere, ed è sostenuto da realtà pubbliche e private di grande valore. È patrocinato dal Comune di Ivrea, dalla Provincia di Torino e dalla Regione Piemonte; conta sul sostegno di diverse realtà che vivono e operano nel territorio eporediese: la Fondazione Guelpa, Manital, RGI Group, AEG, Bioindustry Park, e Icas; ha importanti compagni di strada: Trenitalia–Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Tisettanta, La Repubblica, Internazionale, Radio3 RAI e SKY Arte HD; e la collaborazione del Circolo dei lettori di Torino.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…