Passa ai contenuti principali

InMondadori "regala" 5 euro di sconto a chi recensisce i propri libri preferiti


Dopo che al Salone del Libro di Torino di quest'anno i bookblogger sono stati sotto i riflettori, ora le case editrici - almeno quelle che ancora non lo avevano fatto - li passano al microscopio per capire, per scoprire, per auscultare il polso del web.

Così, InMondadori offre agli utenti del sito un buono sconto del valore di 5 euro per ogni recensione che viene inserita sul sito nella scheda del relativo libro, cd, dvd o videogioco in vendita sul portale.
Lo slogan recita, invitante: "Diventa subito protagonista! 2 milioni di utenti al mese potrebbero leggere la tua opinione".
Gli utenti, certo, ma anche il sito "leggerà" la tua opinione e, in tempi come questi, in cui si sta scoprendo questa nuova razza di internauti, "i bookblogger", capaci di spostare le vendite - non è ancora accertato, però - ogni lettore raggiunto fa brodo.
E' d'obbligo la precisazione: "Noi della redazione di inMondadori sceglieremo le recensioni più belle e le pubblicheremo non tra i normali pareri degli utenti, ma in evidenza nella scheda del prodotto, dove di solito scriviamo noi della redazione di inMondadori, con il nome dell'autore scritto in evidenza".
Il parere di ogni lettore vale quanto quello di un professionista del settore.
Una bella novità, no?

L'unica cosa che vorrei sapere è: dal momento in cui l'opinione di un lettore è messa sullo stesso piano di quella di un professionista, quando questa opinione inizierà ad essere valutata concretamente (o anche monetariamente, va'...) come quella pagata ai professionisti?
O il pagamento, nel caso dell'opinione dei lettori, è quella promessa, "2 milioni di utenti al mese potrebbero leggere la tua opinione" ?
In tempi virtuali, sono virtuali anche i pagamenti e le soddisfazioni?

Per ora vediamo come va. Quello che ancora non mi è chiaro, è come arriveranno i 5 euro di sconto (via mail, andando sul sito, all'atto di acquistare qualcosa...), ma vi farò sapere.
Non avete mica creduto che io NON partecipassi, vero?
Ingenui! ;-)


Fonte: Affari italiani

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…