Passa ai contenuti principali

Il ritorno di Bridget Jones: ad ottobre il terzo libro di Helen Fielding!


Diciamoci la verità: se oggi ognuna di noi, anche se incasinatissima, disordinatissima, imbranata tanto da inciampare sulle sue stesse mutande, pensa di essere l'eroina indiscussa di una storia che nasconde una morale di successo e di amore, lo dobbiamo a Bridget Jones.

Prima che all'impareggiabile Renee Zellweger - che per darle il volto rubicondo e cicciottello ha sacrificato , per un breve periodo, anche la sua invidiabile forma fisica -, Bridget Jones deve la sua fama al libro della scrittrice britannica Helen Fielding "Il diario di Bridget Jones" del 1995 a cui fece seguito, nel 1999, "Che pasticcio, Bridget Jones!", entrambi trasformati in fortunati film con la Zellweger.

Bridget Jones (Renee Zellweger) e Mark Darcy (Colin Firth)
Ora, ad ottobre arriverà, in Inghilterra, il terzo episodio della serie dal titolo "Bridget Jones: mad about the boy", che non sappiamo ancora come verrà tradotto in italiano, ma incrociamo le dita che non venga stravolto troppo (ma ci spero poco!).

Facciamo il punto della situazione: nel primo, Bridget era più incasinata che mai, con tutti i fortissimi richiami al Mr Darcy di Jane Austen mentre lei alle eroine austeniane non somigliava per niente. Nel secondo, la troviamo felicemente fidanzata proprio con Mark Darcy, in piena epoca Tony Blair, salvo poi mandare tutto alle ortiche per le sue insicurezze croniche e i mille pasticci di chi non riesce a mettersi le scarpe nuove senza calpestare una cacca per strada!

Ma sono o non sono troooooppo carini?! 
Il terzo capitolo ruoterà attorno ad un "boy" che chissà se sarà un boyfriend, un toy boy o un boy nel senso di un figlio. Fatto sta che sono passati 18 anni dal primo episodio e le cose - per forza di cose! - sono cambiate.
Sono sicura che l'imbranataggine di Bridget persiste e difficilmente riuscirei ad accettarla diversamente.
Ma la vita va avanti e chi lo sa cosa si è inventata Helen Fielding per riportare in auge il suo personaggio da 15 milioni di copie vendute in tutte le lingue.

Waiting for Bridget!


La canzone di Robbie Williams, colonna sonora di "Che pasticcio, Bridget Jones!"

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…