Passa ai contenuti principali

Il ritorno di Bridget Jones: ad ottobre il terzo libro di Helen Fielding!


Diciamoci la verità: se oggi ognuna di noi, anche se incasinatissima, disordinatissima, imbranata tanto da inciampare sulle sue stesse mutande, pensa di essere l'eroina indiscussa di una storia che nasconde una morale di successo e di amore, lo dobbiamo a Bridget Jones.

Prima che all'impareggiabile Renee Zellweger - che per darle il volto rubicondo e cicciottello ha sacrificato , per un breve periodo, anche la sua invidiabile forma fisica -, Bridget Jones deve la sua fama al libro della scrittrice britannica Helen Fielding "Il diario di Bridget Jones" del 1995 a cui fece seguito, nel 1999, "Che pasticcio, Bridget Jones!", entrambi trasformati in fortunati film con la Zellweger.

Bridget Jones (Renee Zellweger) e Mark Darcy (Colin Firth)
Ora, ad ottobre arriverà, in Inghilterra, il terzo episodio della serie dal titolo "Bridget Jones: mad about the boy", che non sappiamo ancora come verrà tradotto in italiano, ma incrociamo le dita che non venga stravolto troppo (ma ci spero poco!).

Facciamo il punto della situazione: nel primo, Bridget era più incasinata che mai, con tutti i fortissimi richiami al Mr Darcy di Jane Austen mentre lei alle eroine austeniane non somigliava per niente. Nel secondo, la troviamo felicemente fidanzata proprio con Mark Darcy, in piena epoca Tony Blair, salvo poi mandare tutto alle ortiche per le sue insicurezze croniche e i mille pasticci di chi non riesce a mettersi le scarpe nuove senza calpestare una cacca per strada!

Ma sono o non sono troooooppo carini?! 
Il terzo capitolo ruoterà attorno ad un "boy" che chissà se sarà un boyfriend, un toy boy o un boy nel senso di un figlio. Fatto sta che sono passati 18 anni dal primo episodio e le cose - per forza di cose! - sono cambiate.
Sono sicura che l'imbranataggine di Bridget persiste e difficilmente riuscirei ad accettarla diversamente.
Ma la vita va avanti e chi lo sa cosa si è inventata Helen Fielding per riportare in auge il suo personaggio da 15 milioni di copie vendute in tutte le lingue.

Waiting for Bridget!


La canzone di Robbie Williams, colonna sonora di "Che pasticcio, Bridget Jones!"

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …