Passa ai contenuti principali

Il ritorno di Bridget Jones: ad ottobre il terzo libro di Helen Fielding!


Diciamoci la verità: se oggi ognuna di noi, anche se incasinatissima, disordinatissima, imbranata tanto da inciampare sulle sue stesse mutande, pensa di essere l'eroina indiscussa di una storia che nasconde una morale di successo e di amore, lo dobbiamo a Bridget Jones.

Prima che all'impareggiabile Renee Zellweger - che per darle il volto rubicondo e cicciottello ha sacrificato , per un breve periodo, anche la sua invidiabile forma fisica -, Bridget Jones deve la sua fama al libro della scrittrice britannica Helen Fielding "Il diario di Bridget Jones" del 1995 a cui fece seguito, nel 1999, "Che pasticcio, Bridget Jones!", entrambi trasformati in fortunati film con la Zellweger.

Bridget Jones (Renee Zellweger) e Mark Darcy (Colin Firth)
Ora, ad ottobre arriverà, in Inghilterra, il terzo episodio della serie dal titolo "Bridget Jones: mad about the boy", che non sappiamo ancora come verrà tradotto in italiano, ma incrociamo le dita che non venga stravolto troppo (ma ci spero poco!).

Facciamo il punto della situazione: nel primo, Bridget era più incasinata che mai, con tutti i fortissimi richiami al Mr Darcy di Jane Austen mentre lei alle eroine austeniane non somigliava per niente. Nel secondo, la troviamo felicemente fidanzata proprio con Mark Darcy, in piena epoca Tony Blair, salvo poi mandare tutto alle ortiche per le sue insicurezze croniche e i mille pasticci di chi non riesce a mettersi le scarpe nuove senza calpestare una cacca per strada!

Ma sono o non sono troooooppo carini?! 
Il terzo capitolo ruoterà attorno ad un "boy" che chissà se sarà un boyfriend, un toy boy o un boy nel senso di un figlio. Fatto sta che sono passati 18 anni dal primo episodio e le cose - per forza di cose! - sono cambiate.
Sono sicura che l'imbranataggine di Bridget persiste e difficilmente riuscirei ad accettarla diversamente.
Ma la vita va avanti e chi lo sa cosa si è inventata Helen Fielding per riportare in auge il suo personaggio da 15 milioni di copie vendute in tutte le lingue.

Waiting for Bridget!


La canzone di Robbie Williams, colonna sonora di "Che pasticcio, Bridget Jones!"

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …