Passa ai contenuti principali

Il primo caffè del mattino di Diego Galdino: la magia di Roma e del vero amore


Chi beve caffè lega al suo aroma tanti momenti della propria vita.
Davanti ad una tazzina colma di liquido scuro e fumante, i pensieri prendono vie inaspettate, più liberi, e ci si trova a riflettere e trovare soluzioni che sembravano impossibili.

"Il primo caffè del mattino" di Diego Galdino - edito da Sperling & Kupfer -, qualora non aveste mai bevuto caffè, ve ne fa venire una voglia incontrollabile!
E se siete abituali consumatori della versione tradizionale, vi farà scoprire varianti interessanti che vi segnerete per chiederle al vostro barista di fiducia.
E se ve li consiglia l'autore, che di mestiere fa il barista, potete fidarvi ad occhi chiusi.

Come Massimo, il protagonista del libro, anche Diego apre il suo bar nel cuore di Roma e inventa miscele che incantano le papille gustative. Galdino ha infuso questo incanto anche nelle pagine de "Il primo caffè del mattino", che racconta la storia d'amore prima di tutto di Massimo per Roma e per il caffè, e poi per una donna, Geneviève.

La vita di Massimo procede in una collaudata routine, tra i clienti del bar che sono ormai parte della sua famiglia, e le strade di Roma, prima donna nel suo cuore. Però l'amore, quello vero, gli manca anche se forse non lo sa. O meglio, se ne accorge quando una ragazza si ferma nella piazza davanti al bar: la nota per il vestitino rosso, ma anche per come si muove, diversa dagli altri turisti. Eppure Massimo non saprebbe dire esattamente perchè non riesce a staccarle gli occhi di dosso. Sa solo che riesce a dire tutte le battute sbagliate e a darle un'immagine di sé che si prenderebbe a schiaffi da solo.

Geneviève ha i colori e i modi delicati di un'alba che spunta rosa tra i tetti della Roma immortale e male si accorda questa delicatezza con i modi da romanacci dei clienti di Massimo. Fin quando lei non capisce che quello è solo un modo per accettarla tra loro e loro iniziano ad interpretare la sua naturale ritrosia non come snobismo ma come timidezza.

Anche quando si inizia a ballare c'è un attimo sospeso in cui non si sa cosa fare, ci si sente goffi e si sbaglia l'attacco, ma poi, quasi magicamente, si inizia a volteggiare e ci sembra che niente potrà mai fermarci.
La storia di Massimo e Geneviève inizia così, un pò goffamente ma poi vola per raggiungere vette di rara profondità.
Il libro, invece, parte già volteggiando ed è difficile non farsi prendere dal vortice. Poi si capisce che non c'è nessuna volontà di resistere a questo vortice e ci si lascia guidare fino alla fine.

Tanto che, proprio come un buon caffè, arrivati all'ultima pagina - all'ultimo sorso - si diventa tristi perché se ne vorrebbe ancora.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…