Passa ai contenuti principali

Il primo caffè del mattino di Diego Galdino: la magia di Roma e del vero amore


Chi beve caffè lega al suo aroma tanti momenti della propria vita.
Davanti ad una tazzina colma di liquido scuro e fumante, i pensieri prendono vie inaspettate, più liberi, e ci si trova a riflettere e trovare soluzioni che sembravano impossibili.

"Il primo caffè del mattino" di Diego Galdino - edito da Sperling & Kupfer -, qualora non aveste mai bevuto caffè, ve ne fa venire una voglia incontrollabile!
E se siete abituali consumatori della versione tradizionale, vi farà scoprire varianti interessanti che vi segnerete per chiederle al vostro barista di fiducia.
E se ve li consiglia l'autore, che di mestiere fa il barista, potete fidarvi ad occhi chiusi.

Come Massimo, il protagonista del libro, anche Diego apre il suo bar nel cuore di Roma e inventa miscele che incantano le papille gustative. Galdino ha infuso questo incanto anche nelle pagine de "Il primo caffè del mattino", che racconta la storia d'amore prima di tutto di Massimo per Roma e per il caffè, e poi per una donna, Geneviève.

La vita di Massimo procede in una collaudata routine, tra i clienti del bar che sono ormai parte della sua famiglia, e le strade di Roma, prima donna nel suo cuore. Però l'amore, quello vero, gli manca anche se forse non lo sa. O meglio, se ne accorge quando una ragazza si ferma nella piazza davanti al bar: la nota per il vestitino rosso, ma anche per come si muove, diversa dagli altri turisti. Eppure Massimo non saprebbe dire esattamente perchè non riesce a staccarle gli occhi di dosso. Sa solo che riesce a dire tutte le battute sbagliate e a darle un'immagine di sé che si prenderebbe a schiaffi da solo.

Geneviève ha i colori e i modi delicati di un'alba che spunta rosa tra i tetti della Roma immortale e male si accorda questa delicatezza con i modi da romanacci dei clienti di Massimo. Fin quando lei non capisce che quello è solo un modo per accettarla tra loro e loro iniziano ad interpretare la sua naturale ritrosia non come snobismo ma come timidezza.

Anche quando si inizia a ballare c'è un attimo sospeso in cui non si sa cosa fare, ci si sente goffi e si sbaglia l'attacco, ma poi, quasi magicamente, si inizia a volteggiare e ci sembra che niente potrà mai fermarci.
La storia di Massimo e Geneviève inizia così, un pò goffamente ma poi vola per raggiungere vette di rara profondità.
Il libro, invece, parte già volteggiando ed è difficile non farsi prendere dal vortice. Poi si capisce che non c'è nessuna volontà di resistere a questo vortice e ci si lascia guidare fino alla fine.

Tanto che, proprio come un buon caffè, arrivati all'ultima pagina - all'ultimo sorso - si diventa tristi perché se ne vorrebbe ancora.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…