Passa ai contenuti principali

Il cane del web: quando il blogger è un cane che scrive meglio di tanti umani


Il cane del web è un blog lanciato ieri in rete tra quelli di Panorama.it
E il blogger è un cane. Letteralmente.
In un simpatico "aBAUt" [io impazzisco per le trovate linguistiche di questo genere, perdonatemi!] si legge: 
Sono un filosofo, un blogger. E sì, anche un cane. Vi racconto la mia vita: quello che faccio (e penso), senza peli sulla lingua. Sono arrivato dalla Sicilia a Milano sul sedile di un' automobile, sdraiato sulle gambe di un'amica, avevo 4 mesi. Credo di essere nato sui Monti Iblei. La mia amica l'avevo trovata fra gli ulivi e mi ha portato nelle braccia della mia nuova famiglia.Voglio bene a tutti loro anche se a volte ancora non li capisco. Certo, mi hanno insegnato a scrivere e io dopo due o tre giorni ho capito dove dovevo fare la pipì.Mi chiamo Hashtag e sono il primo cane blogger del web.
Hashtag è un cucciolone dagli occhi dolci che - nel primo post intitolato "Il divano" - racconta la vita casalinga con i suoi padroni dal suo punto di vista. Scritto con la lingua, dice lui, ma comunque molto meglio che tanti che scrivono coi piedi, dico io.
Ieri era il primo post, quindi non si può dire, ma chissà se continuerà a mostrarci altre prospettive di una situazione - la convivenza con un animale - che spesso sottovalutiamo.

Sulla destra del blog ci sono i "Link a quattro zampe" - Lega del cane, tutte le info sulle razze, Ente Nazionale della Cinofilia, etc... - e credo che sia uno dei punti focali di tutta questa operazione web, originale sì, ma di cui non si capisce pienamente lo scopo.

Dal mio punto di vista, invece, potrò dire di avere un collega - siamo blogger tutti e due! - che è un cane e stavolta senza offendere nessuno!

Questi sì che sono progressi, no? ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…