Passa ai contenuti principali

Giornata Mondiale contro l'Omofobia: Napoli veste di rosa il Maschio Angioino

Il Maschio Angioino per l'occasione diventa L'Homme en rose

Oggi è la Giornata Mondiale contro l'Omofobia e, per lanciare il suo messaggio, Napoli da ieri, e fino a sabato 18 maggio, veste il Maschio Angioino di rosa con l'illuminazione "L'homme en rose".

La locandina della manifestazione
Ma non si limita tutto a delle belle luci. L'Assessorato alle Pari Opportunità, col supporto del Coordinamento Campania Pride, ha promosso numerose iniziative - presentazioni di libri, spettacoli, eventi sportivi - contro le discriminazioni e che avranno luogo, per la maggior parte, nello storico castello simbolo della capitale partenopea.

Un'altra veduta dell'Homme en rose. Affascinante come sempre!
Durante la mattinata di oggi è stato presentato anche il progetto "RacConta" - documentazione di crimini e di altri atti motivati da odio contro le persone LGBTI.
La giornata di eventi di oggi è un assaggio per il prossimo "Napoli Campania Pride" previsto per il 29 giugno prossimo.




Fonte foto: RepubblicaNapoli.it

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…