Passa ai contenuti principali

Booktrailer: cos'è e a cosa serve. Salverà il libro e la lettura?


Erano i primi anni del 2000 quando mi capitò sott'occhio un booktrailer di un libro inglese.
Cos'era, cosa non era, nessuno lo sapeva di preciso, anche se si intuiva facilmente.
In ogni caso, si diceva che sarebbe diventato il nuovo modo di pubblicizzare i libri, perché fin da allora il libro era in crisi, si leggeva poco, i lettori forti erano pochi. 
Mica vi suonano familiari queste affermazioni, no?!

Cos'è un booktrailer, dunque?
"E' un cortometraggio realizzato per raccontare un libro in pochi secondi", come si legge su Wiki, e grazie alla musica, alle immagini, al montaggio ad hoc, dona al testo quel valore aggiunto che, a parer mio, prima veniva fornito dall'immaginazione dopo aver letto la quarta di copertina.

Qua da noi, i booktrailer arrivano nel 2004, prima con un concorso collegato al Premio Granzane Cavour e poi con Marsilio che realizzò il primo vero booktrailer, per il romanzo "Kiss me, Judas" di Will Christopher Baer, seguita a ruota dalla Mondadori, con il booktrailer di "Come Dio comanda" di Niccolò Ammaniti.

Nel 2008, poi, il liceo scientifico statale "A. Calini" di Brescia ha organizzato al proprio interno un concorso studentesco di booktrailer allo scopo di promuovere la lettura. 
Nel giro di poche edizioni, il concorso si è ingrandito talmente e ha raccolto un tale consenso da trasformarsi nel Booktrailer Film Festival, un concorso di portata nazionale. Quest'anno c'è stato un ulteriore ampliamento della competizione con la prima premiazione il 10 aprile scorso e, il prossimo 13 maggio, ci sarà la designazione del vincitore unico del Premio del Pubblico.


Il booktrailer si diffonde sulla rete, quindi è disponibile per un pubblico vastissimo che, da questo dovrebbe essere incentivato a comprare il libro. 
Non so quanto sia vero, però ultimamente si sta diffondendo parecchio, forse anche perché la situazione del libro è così tragica che è lecito mettere in campo qualsiasi mezzo per avvicinare la gente alla lettura.
Io ne sono più che altro incuriosita, anche se non sempre mi trovo d'accordo con i volti che danno poi ai personaggi dei libri. Per quello, preferisco ancora usare la mia fantasia.

Ecco alcuni degli ultimi booktrailer che ho visto, quelli che mi hanno fatto davvero voglia di leggere i libri raccontati dalle immagini!

"Il primo caffè del mattino" di Diego Galdino.


"Quattro etti d'amore, grazie" di Chiara Gamberale.



"Io che amo solo te" di Luca Bianchini.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…