Passa ai contenuti principali

Booktrailer: cos'è e a cosa serve. Salverà il libro e la lettura?


Erano i primi anni del 2000 quando mi capitò sott'occhio un booktrailer di un libro inglese.
Cos'era, cosa non era, nessuno lo sapeva di preciso, anche se si intuiva facilmente.
In ogni caso, si diceva che sarebbe diventato il nuovo modo di pubblicizzare i libri, perché fin da allora il libro era in crisi, si leggeva poco, i lettori forti erano pochi. 
Mica vi suonano familiari queste affermazioni, no?!

Cos'è un booktrailer, dunque?
"E' un cortometraggio realizzato per raccontare un libro in pochi secondi", come si legge su Wiki, e grazie alla musica, alle immagini, al montaggio ad hoc, dona al testo quel valore aggiunto che, a parer mio, prima veniva fornito dall'immaginazione dopo aver letto la quarta di copertina.

Qua da noi, i booktrailer arrivano nel 2004, prima con un concorso collegato al Premio Granzane Cavour e poi con Marsilio che realizzò il primo vero booktrailer, per il romanzo "Kiss me, Judas" di Will Christopher Baer, seguita a ruota dalla Mondadori, con il booktrailer di "Come Dio comanda" di Niccolò Ammaniti.

Nel 2008, poi, il liceo scientifico statale "A. Calini" di Brescia ha organizzato al proprio interno un concorso studentesco di booktrailer allo scopo di promuovere la lettura. 
Nel giro di poche edizioni, il concorso si è ingrandito talmente e ha raccolto un tale consenso da trasformarsi nel Booktrailer Film Festival, un concorso di portata nazionale. Quest'anno c'è stato un ulteriore ampliamento della competizione con la prima premiazione il 10 aprile scorso e, il prossimo 13 maggio, ci sarà la designazione del vincitore unico del Premio del Pubblico.


Il booktrailer si diffonde sulla rete, quindi è disponibile per un pubblico vastissimo che, da questo dovrebbe essere incentivato a comprare il libro. 
Non so quanto sia vero, però ultimamente si sta diffondendo parecchio, forse anche perché la situazione del libro è così tragica che è lecito mettere in campo qualsiasi mezzo per avvicinare la gente alla lettura.
Io ne sono più che altro incuriosita, anche se non sempre mi trovo d'accordo con i volti che danno poi ai personaggi dei libri. Per quello, preferisco ancora usare la mia fantasia.

Ecco alcuni degli ultimi booktrailer che ho visto, quelli che mi hanno fatto davvero voglia di leggere i libri raccontati dalle immagini!

"Il primo caffè del mattino" di Diego Galdino.


"Quattro etti d'amore, grazie" di Chiara Gamberale.



"Io che amo solo te" di Luca Bianchini.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…