Passa ai contenuti principali

Booktrailer: cos'è e a cosa serve. Salverà il libro e la lettura?


Erano i primi anni del 2000 quando mi capitò sott'occhio un booktrailer di un libro inglese.
Cos'era, cosa non era, nessuno lo sapeva di preciso, anche se si intuiva facilmente.
In ogni caso, si diceva che sarebbe diventato il nuovo modo di pubblicizzare i libri, perché fin da allora il libro era in crisi, si leggeva poco, i lettori forti erano pochi. 
Mica vi suonano familiari queste affermazioni, no?!

Cos'è un booktrailer, dunque?
"E' un cortometraggio realizzato per raccontare un libro in pochi secondi", come si legge su Wiki, e grazie alla musica, alle immagini, al montaggio ad hoc, dona al testo quel valore aggiunto che, a parer mio, prima veniva fornito dall'immaginazione dopo aver letto la quarta di copertina.

Qua da noi, i booktrailer arrivano nel 2004, prima con un concorso collegato al Premio Granzane Cavour e poi con Marsilio che realizzò il primo vero booktrailer, per il romanzo "Kiss me, Judas" di Will Christopher Baer, seguita a ruota dalla Mondadori, con il booktrailer di "Come Dio comanda" di Niccolò Ammaniti.

Nel 2008, poi, il liceo scientifico statale "A. Calini" di Brescia ha organizzato al proprio interno un concorso studentesco di booktrailer allo scopo di promuovere la lettura. 
Nel giro di poche edizioni, il concorso si è ingrandito talmente e ha raccolto un tale consenso da trasformarsi nel Booktrailer Film Festival, un concorso di portata nazionale. Quest'anno c'è stato un ulteriore ampliamento della competizione con la prima premiazione il 10 aprile scorso e, il prossimo 13 maggio, ci sarà la designazione del vincitore unico del Premio del Pubblico.


Il booktrailer si diffonde sulla rete, quindi è disponibile per un pubblico vastissimo che, da questo dovrebbe essere incentivato a comprare il libro. 
Non so quanto sia vero, però ultimamente si sta diffondendo parecchio, forse anche perché la situazione del libro è così tragica che è lecito mettere in campo qualsiasi mezzo per avvicinare la gente alla lettura.
Io ne sono più che altro incuriosita, anche se non sempre mi trovo d'accordo con i volti che danno poi ai personaggi dei libri. Per quello, preferisco ancora usare la mia fantasia.

Ecco alcuni degli ultimi booktrailer che ho visto, quelli che mi hanno fatto davvero voglia di leggere i libri raccontati dalle immagini!

"Il primo caffè del mattino" di Diego Galdino.


"Quattro etti d'amore, grazie" di Chiara Gamberale.



"Io che amo solo te" di Luca Bianchini.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…