Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: mancano Mondadori ed Einaudi tra i 26 candidati di piccole e medie case editrici


L'attesa è finita: sono stati presentati i candidati in corsa per il Premio Strega 2013 e sono 26. Un record!
I giurati Amici della Domenica hanno scelto 26 libri tra cui, il 16 aprile, il Comitato direttivo sceglierà i 12 che concorreranno alla 67esima edizione del premio.

Oltre al record di candidature, sorprende anche l'assenza di Mondadori - che, però, ha puntato su Piemme con Alessandro Perissinotto e il suo "Le colpe dei padri" - e di Einaudi, di contro Feltrinelli ritorna dopo due anni di assenza con "Mandami tanta vita" di Paolo Di Paolo.
Fa ben sperare la scelta di libri pubblicati da case editrici piccole e medie, ma bisogna vedere se poi sopravviveranno al filtro del comitato direttivo.

Andiamo a vedere i 26 libri presentati e quali Amici della Domenica li hanno sostenuti: Apnea (Fandango) di Lorenzo Amurri, sostenuto da Clara Sereni e Sandro Veronesi; La società segreta degli eretici (Newton Compton) di Ilaria Beltramme, presentato da Arnaldo Colasanti e Paolo Petroni; La seconda India (Manni) di Laura Bocci, presentato da Walter Pedullà e Lidia Ravera; Da costa a costa (BookSprint) di Lorenzo Bracco e Dario Voltolini, sostenuto da Marcello Fois e Silvio Perrella; La mia unica amica (Bollati Boringhieri) di Eliana Bouchard, presentato da Paolo Di Stefano e Massimo Raffaeli; El especialista de Barcelona (Dalai editore) di Aldo Busi, presentato da Alessandro Barbero e Stefano Bartezzaghi; Romanzo irresistibile della mia vita vera (Marsilio) di Gaetano Cappelli, presentato da Gian Arturo Ferrari e Marina Valensise; Esercizi sulla madre (Perdisa Pop) di Luigi Romolo Carrino, presentato da Roberto Barbolini e Francesco Durante; Cate, io (Fazi) di Matteo Cellini, presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola; Cacciatori di frodo (Miraggi) di Alessandro Cinquegrani, presentato da Enrico Castelnuovo e Pietro Gibellini; Sofia si veste sempre di nero (minimum fax) di Paolo Cognetti, presentato da Diego De Silva e Lorenzo Pavolini; Il candore delle cornacchie (Guerini) di Totò Cuffaro, presentato da Gianpiero Gamaleri e Marco Staderini; Di muro in muro (Guida) di Geppino D'Alò, presentato da Louis Godart e Giampaolo Rugarli; Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo, presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy; Il cielo è dei potenti (e/o) di Alessandra Fiori, presentato da Giovanna Botteri e Paolo Sorrentino; Però un paese ci vuole (La Lepre) di Giovanna Grignaffini, presentato da Umberto Eco e Raffaele La Capria; Gola di Pietra (Reverdito) di Luigi Lambertini, presentato da Silvana Gaudio e Lorenza Trucchi; Suicide Tuesday (Perrone) di Francesco Leto, presentato da Giorgio Barberi Squarotti e Alessandro Masi; L'uso della vita. 1968 (Transeuropa) di Romano Luperini, presentato da Angelo Guglielmi e Raffaele Simone; Atti mancati (Voland) di Matteo Marchesini, presentato da Massimo Onofri e Silvia Ronchey; Le colpe dei padri (Piemme) di Alessandro Perissinotto, presentato da Gian Luigi Beccaria e Eva Cantarella; Figli dello stesso padre (Longanesi) di Romana Petri, presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro; L'esilio dei figli (Gremese) di Claudia Pozzo, presentato da Maurizio Cucchi e Paolo Ruffilli; Resistere non serve a niente (Rizzoli) di Walter Siti, presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone; Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco, presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca e Stringimi prima che arrivi la notte (Edizioni Anordest) di Claudio Volpe, presentato da Cesare Milanese e Renato Minore.

"El especialista di Barcelona" di Busi  e "Resistere non serve a niente" di Siti hanno finora attirato l'attenzione come favoriti, mentre la candidatura dell'ex governatore della Sicilia Totò Cuffaro - oggi condannato a sette anni di reclusione per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra e rivelazione del segreto istruttorio - ha attirato la feroce ironia della rete [Inge Feltrinelli, a proposito del Premio Strega, ha recentemente dichiarato che "è un pò mafioso"ça va sans dire che questa affermazione è stata ritenuta preveggente alla candidatura di Cuffaro].

Nella mia personale classifica, invece, io faccio il tifo per "Sofia si veste sempre di nero" di Paolo Cognetti e anche un pò per "Cate, io" di Matteo Cellini.

Il prossimo appuntamento sarà per il 16 aprile per sapere i 12 nomi che accederanno alla selezione finale del Premio Strega 2013.
Poi il 12 giugno la Fondazione Bellonci lancerà la cinquina tra cui, il 4 luglio al Ninfeo di Villa Giulia, a Roma, sarà votato il vincitore della 67esima edizione.

Fino a luglio, cercherò di leggere quanti più libri Strega possibili.
Vi tengo aggiornati e... leggete insieme a me!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…