Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: ecco i 12 libri finalisti


Giornata fatidica per il Premio Strega!
Dai 26 candidati tra piccole e medie case editrici, oggi sono stati scelti i 12 libri finalisti.

Il Comitato direttivo dello Strega, che quest'anno è composto da due esponenti della Fondazione Bellonci, Tullio De Mauro e Valeria Della Valle, due rappresentanti di Strega Alberti S.p.A., Giuseppe D’Avino e Alberto Foschini, dall’assessore alle Politiche culturali di Roma Capitale, Dino Gasperini, da due autori premiati nelle precedenti edizioni, Melania Mazzucco e Ugo Riccarelli, e da due personalità rappresentative dei quattrocento Amici della domenica, Giuseppe De Rita e Fabiano Fabiani, hanno selezionato i libri tra cui, il 12 giugno, sarà eletta la cinquina che andrà in finalissima.

La novità di quest'anno è che, sul sito www.premiostrega.it completamente rinnovato per l'occasione, c'è una sezione dedicata esclusivamente ai giurati che, una volta loggati, potranno votare in completa anonimità i cinque libri che concorreranno al premio.

Secondo le prime previsioni, si sono confermate le medie case editrici e il ritorno di Feltrinelli, dopo due anni di assenza; così come la candidatura di Perissinotto con Mondadori che lascia la scena alla più piccola Piemme. Resistono Busi e Siti, favoritissimi dalla critica. Fuori Totò Cuffaro con il suo "Il candore delle cornacchie" (Guerini) la cui candidatura aveva fatto discutere e avrebbe sollevato ulteriori polemiche se fosse andato avanti.

Personalmente, sono contentissima di ritrovare i miei due favoriti - Paolo Cognetti e Matteo Cellini - e attendo con ansia la proclamazione della cinquina.

Ma andiamo al sodo! I libri, con i relativi Amici della domenica che li hanno presentati, sono:

Apnea (Fandango) di Lorenzo Amurri
      Presentato da Clara Sereni e Sandro Veronesi

El especialista de Barcelona (Dalai editore) di Aldo Busi
      Presentato da Alessandro Barbero e Stefano Bartezzaghi

Romanzo irresistibile della mia vita vera (Marsilio) di Gaetano Cappelli
      Presentato da Gian Arturo Ferrari e Marina Valensise

Cate, io (Fazi) di Matteo Cellini
      Presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola

Sofia si veste sempre di nero (minimum fax) di Paolo Cognetti
      Presentato da Diego De Silva e Lorenzo Pavolini

Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo
      Presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy

Il cielo è dei potenti (e/o) di Alessandra Fiori
      Presentato da Giovanna Botteri e Paolo Sorrentino

Atti mancati (Voland) di Matteo Marchesini
      Presentato da Massimo Onofri e Silvia Ronchey

Le colpe dei padri (Piemme) di Alessandro Perissinotto
      Presentato da Gianluigi Beccaria e Eva Cantarella

Figli dello stesso padre (Longanesi) di Romana Petri
      Presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro

Resistere non serve a niente (Rizzoli) di Walter Siti
      Presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone

Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco
      Presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca

Quest'anno la sfida del Premio Strega mi prende in maniera particolare. E non saprei dirvi perchè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…