Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: ecco i 12 libri finalisti


Giornata fatidica per il Premio Strega!
Dai 26 candidati tra piccole e medie case editrici, oggi sono stati scelti i 12 libri finalisti.

Il Comitato direttivo dello Strega, che quest'anno è composto da due esponenti della Fondazione Bellonci, Tullio De Mauro e Valeria Della Valle, due rappresentanti di Strega Alberti S.p.A., Giuseppe D’Avino e Alberto Foschini, dall’assessore alle Politiche culturali di Roma Capitale, Dino Gasperini, da due autori premiati nelle precedenti edizioni, Melania Mazzucco e Ugo Riccarelli, e da due personalità rappresentative dei quattrocento Amici della domenica, Giuseppe De Rita e Fabiano Fabiani, hanno selezionato i libri tra cui, il 12 giugno, sarà eletta la cinquina che andrà in finalissima.

La novità di quest'anno è che, sul sito www.premiostrega.it completamente rinnovato per l'occasione, c'è una sezione dedicata esclusivamente ai giurati che, una volta loggati, potranno votare in completa anonimità i cinque libri che concorreranno al premio.

Secondo le prime previsioni, si sono confermate le medie case editrici e il ritorno di Feltrinelli, dopo due anni di assenza; così come la candidatura di Perissinotto con Mondadori che lascia la scena alla più piccola Piemme. Resistono Busi e Siti, favoritissimi dalla critica. Fuori Totò Cuffaro con il suo "Il candore delle cornacchie" (Guerini) la cui candidatura aveva fatto discutere e avrebbe sollevato ulteriori polemiche se fosse andato avanti.

Personalmente, sono contentissima di ritrovare i miei due favoriti - Paolo Cognetti e Matteo Cellini - e attendo con ansia la proclamazione della cinquina.

Ma andiamo al sodo! I libri, con i relativi Amici della domenica che li hanno presentati, sono:

Apnea (Fandango) di Lorenzo Amurri
      Presentato da Clara Sereni e Sandro Veronesi

El especialista de Barcelona (Dalai editore) di Aldo Busi
      Presentato da Alessandro Barbero e Stefano Bartezzaghi

Romanzo irresistibile della mia vita vera (Marsilio) di Gaetano Cappelli
      Presentato da Gian Arturo Ferrari e Marina Valensise

Cate, io (Fazi) di Matteo Cellini
      Presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola

Sofia si veste sempre di nero (minimum fax) di Paolo Cognetti
      Presentato da Diego De Silva e Lorenzo Pavolini

Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo
      Presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy

Il cielo è dei potenti (e/o) di Alessandra Fiori
      Presentato da Giovanna Botteri e Paolo Sorrentino

Atti mancati (Voland) di Matteo Marchesini
      Presentato da Massimo Onofri e Silvia Ronchey

Le colpe dei padri (Piemme) di Alessandro Perissinotto
      Presentato da Gianluigi Beccaria e Eva Cantarella

Figli dello stesso padre (Longanesi) di Romana Petri
      Presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro

Resistere non serve a niente (Rizzoli) di Walter Siti
      Presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone

Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco
      Presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca

Quest'anno la sfida del Premio Strega mi prende in maniera particolare. E non saprei dirvi perchè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …