Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: ecco i 12 libri finalisti


Giornata fatidica per il Premio Strega!
Dai 26 candidati tra piccole e medie case editrici, oggi sono stati scelti i 12 libri finalisti.

Il Comitato direttivo dello Strega, che quest'anno è composto da due esponenti della Fondazione Bellonci, Tullio De Mauro e Valeria Della Valle, due rappresentanti di Strega Alberti S.p.A., Giuseppe D’Avino e Alberto Foschini, dall’assessore alle Politiche culturali di Roma Capitale, Dino Gasperini, da due autori premiati nelle precedenti edizioni, Melania Mazzucco e Ugo Riccarelli, e da due personalità rappresentative dei quattrocento Amici della domenica, Giuseppe De Rita e Fabiano Fabiani, hanno selezionato i libri tra cui, il 12 giugno, sarà eletta la cinquina che andrà in finalissima.

La novità di quest'anno è che, sul sito www.premiostrega.it completamente rinnovato per l'occasione, c'è una sezione dedicata esclusivamente ai giurati che, una volta loggati, potranno votare in completa anonimità i cinque libri che concorreranno al premio.

Secondo le prime previsioni, si sono confermate le medie case editrici e il ritorno di Feltrinelli, dopo due anni di assenza; così come la candidatura di Perissinotto con Mondadori che lascia la scena alla più piccola Piemme. Resistono Busi e Siti, favoritissimi dalla critica. Fuori Totò Cuffaro con il suo "Il candore delle cornacchie" (Guerini) la cui candidatura aveva fatto discutere e avrebbe sollevato ulteriori polemiche se fosse andato avanti.

Personalmente, sono contentissima di ritrovare i miei due favoriti - Paolo Cognetti e Matteo Cellini - e attendo con ansia la proclamazione della cinquina.

Ma andiamo al sodo! I libri, con i relativi Amici della domenica che li hanno presentati, sono:

Apnea (Fandango) di Lorenzo Amurri
      Presentato da Clara Sereni e Sandro Veronesi

El especialista de Barcelona (Dalai editore) di Aldo Busi
      Presentato da Alessandro Barbero e Stefano Bartezzaghi

Romanzo irresistibile della mia vita vera (Marsilio) di Gaetano Cappelli
      Presentato da Gian Arturo Ferrari e Marina Valensise

Cate, io (Fazi) di Matteo Cellini
      Presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola

Sofia si veste sempre di nero (minimum fax) di Paolo Cognetti
      Presentato da Diego De Silva e Lorenzo Pavolini

Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo
      Presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy

Il cielo è dei potenti (e/o) di Alessandra Fiori
      Presentato da Giovanna Botteri e Paolo Sorrentino

Atti mancati (Voland) di Matteo Marchesini
      Presentato da Massimo Onofri e Silvia Ronchey

Le colpe dei padri (Piemme) di Alessandro Perissinotto
      Presentato da Gianluigi Beccaria e Eva Cantarella

Figli dello stesso padre (Longanesi) di Romana Petri
      Presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro

Resistere non serve a niente (Rizzoli) di Walter Siti
      Presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone

Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco
      Presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca

Quest'anno la sfida del Premio Strega mi prende in maniera particolare. E non saprei dirvi perchè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…