Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: ecco chi sono gli Amici della domenica


In tempo di Premio Strega si sente parlare di "Amici della domenica".
Ma chi sono esattamente?

Gli Amici della domenica sono scrittori, editori, giornalisti, addetti ai lavori e intellettuali che ogni anno compongono la giuria del Premio Strega. 
Era il 1944 quando Maria Bellonci, in una Roma appena liberata dai tedeschi, pensa che la cultura possa stemperare la tensione e il dolore e, la domenica pomeriggio, invita a casa sua - in Viale Liegi - gli amici letterati presenti in città.

Insieme a suo marito Goffredo, Maria Bellonci instaura un rito che, per quanto simbolico, aveva in sé il grande valore dell'amicizia, della vicinanza umana e intellettuale: gli incontri - dapprima esitanti e poi sempre più frequenti - diventano il punto di riferimento in una realtà incerta e sofferente, che riconosce nella letteratura un elemento fondamentale per la ricostruzione della società civile proiettata verso il futuro.

Quella che era una riunione di pochi amici, ben preso crebbe fino a comprendere, nel 1946, ben 155 persone, tra cui spiccano i nomi più importanti del panorama intellettuale italiano del secolo scorso: Gadda, Longhi, Anna Banti, Bontempelli, Palazzeschi, Moravia, la Morante, Debenedetti, Silone.

Fino al 2010, l'elenco annuale dei 400 Amici della domenica non era pubblico e si brancolava nel buio sulla scia di indiscrezioni messe in giro dagli addetti ai lavori, ma il presidente Tullio De Mauro, in onore della trasparenza, ha stravolto la tradizione e così sul sito della Fondazione Bellonci ora compare l'elenco aggiornato, dalle origini ad oggi.

Sono rimasta piacevolmente sorpresa nello scoprire alcuni dei giurati: Sibilla Aleramo, Gae Aulenti, Corrado Alvaro, Niccolò Ammaniti, Gianni Alemanno, Giorgio Amitrano (che è stato mio professore all'Orientale di Napoli!), Giulio Andreotti, Stefano Bartezzaghi, Marco Bellocchio, Daria Bignardi, Sandro Veronesi, Lina Wertmüller, Roberto Saviano... 
Ma vi posso assicurare che ad ogni pagina della lista, troverete nomi conosciuti, dalla letteratura al cinema, alla politica, alla cultura in generale.

Gli Amici della domenica, intanto, hanno scelto i 26 libri candidati tra cui, il 16 aprile, saranno scelti poi 12 che accederanno alla semifinale del 12 giugno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…