Passa ai contenuti principali

Premio Calvino 2013: ecco i vincitori della 26esima edizione. Spazio agli esordienti!


Succede che quando si parla di premi letterari, c'è sempre qualcuno che storce la bocca, che arriccia il naso e poi sventola con la mano come per cacciare una mosca.
E non sempre sono persone che a questi premi hanno partecipato e perso, magari, così sarebbe più comprensibile la diffidenza.
Purtroppo è cultura - o incultura - diffusa che i premi siano il corrispettivo letterario della grazia divina distribuita secondo predestinazione e non per le opere compiute (in questo caso, per le opere scritte e presentate alla giuria).

Potrebbe essere vero, oppure no, ma sta di fatto che alcuni premi letterari servono - attenzione, ho attribuito ad un premio l'utilità di qualcosa! - per dare spazio a chi per la prima volta presenta la sua opera al mondo esterno. Esordienti con opere inedite, in pratica, che hanno bisogno di qualcuno che li legga e che dia un pò di spazio alla loro arte.

Il Premio Calvino fa proprio questo.
Si rivolge agli scrittori esordienti, che abbiano opere inedite, e "per i quali non è facile trovare il contatto con le case editrici, prima ancora che con il pubblico. Il Premio si propone, in breve, come una sonda gettata nel sommerso della scrittura e come interfaccia tra questo universo e il mondo dell’editoria, del pubblico e della critica" si legge sul sito.

Sono 26 edizioni che avviene questa specie di magia. Sì, perché poi dopo, gli esordienti che davvero valgono, le case editrici le trovano. Anzi, sono le case editrici che cercano loro!
Per citare qualche esempio lampante: Marcello Fois, Paola Mastrocola, Susanna Tamaro, Fulvio Ervas, Mariapia Veladiano, Giovanni Greco, Francesco Piccolo, Flavio Soriga, Simona Baldelli (finalista 2012 che è in libreria con "Evelina e le fate" per Giunti).

La premiazione quest'anno è avvenuta il 19 aprile e il vincitore del Premio Calvino 2013 è Francesco Maino con "Cartongesso" "per la sua natura felicemente ibrida (non è un romanzo né un saggio né un pamphlet) ‒ un difficile azzardo che nulla toglie alla sua capacità di coinvolgimento ‒ e per la straordinaria potenza inventiva della lingua"

La menzione speciale della Giuria - composta da Irene Bignardi, Maria Teresa Carbone, Matteo Di Gesù, Ernesto Ferrero, Evelina Santangelo -, invece, è andata a Simona Rondolini con "I costruttori di ponti" per l’originalità della struttura, per la competenza con cui affronta complessi temi musicali, psicanalitici e animalistici, per il pregio di dare voce a un sentimento lacerato della vita, per l’eccellenza della scrittura. 
Una seconda menzione va a "Come fossi solo" di Marco Magini, un esempio di letteratura di testimonianza che affronta con coraggio e in maniera attentamente documentata una pagina vergognosa e rimossa dell’Occidente, il massacro di Srebrenica.

Già alla premiazione, gli editor delle maggiori case editrici hanno iniziato le danze di corteggiamento attorno ai finalisti e nei prossimi mesi vedremo quale titolo arriverà in libreria.

In contemporanea al premio, su Twitter e Facebook è stato lanciato un concorso di web narrazione dal titolo "Raccontaci #lafinale26", in cui i follower del premio potevano inventarsi un breve racconto - lungo quanto un tweet o un commento facebook - sulla finale del premio. Quello con più "mi piace" o più retweet riceverà in premio i libri delle scorse edizioni. Il vincitore sarà annunciato il prossimo 2 maggio sul sito ufficiale del Premio Calvino.

Io ho partecipato. Incrociamo le dita!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…