Passa ai contenuti principali

Premio Calvino 2013: ecco i vincitori della 26esima edizione. Spazio agli esordienti!


Succede che quando si parla di premi letterari, c'è sempre qualcuno che storce la bocca, che arriccia il naso e poi sventola con la mano come per cacciare una mosca.
E non sempre sono persone che a questi premi hanno partecipato e perso, magari, così sarebbe più comprensibile la diffidenza.
Purtroppo è cultura - o incultura - diffusa che i premi siano il corrispettivo letterario della grazia divina distribuita secondo predestinazione e non per le opere compiute (in questo caso, per le opere scritte e presentate alla giuria).

Potrebbe essere vero, oppure no, ma sta di fatto che alcuni premi letterari servono - attenzione, ho attribuito ad un premio l'utilità di qualcosa! - per dare spazio a chi per la prima volta presenta la sua opera al mondo esterno. Esordienti con opere inedite, in pratica, che hanno bisogno di qualcuno che li legga e che dia un pò di spazio alla loro arte.

Il Premio Calvino fa proprio questo.
Si rivolge agli scrittori esordienti, che abbiano opere inedite, e "per i quali non è facile trovare il contatto con le case editrici, prima ancora che con il pubblico. Il Premio si propone, in breve, come una sonda gettata nel sommerso della scrittura e come interfaccia tra questo universo e il mondo dell’editoria, del pubblico e della critica" si legge sul sito.

Sono 26 edizioni che avviene questa specie di magia. Sì, perché poi dopo, gli esordienti che davvero valgono, le case editrici le trovano. Anzi, sono le case editrici che cercano loro!
Per citare qualche esempio lampante: Marcello Fois, Paola Mastrocola, Susanna Tamaro, Fulvio Ervas, Mariapia Veladiano, Giovanni Greco, Francesco Piccolo, Flavio Soriga, Simona Baldelli (finalista 2012 che è in libreria con "Evelina e le fate" per Giunti).

La premiazione quest'anno è avvenuta il 19 aprile e il vincitore del Premio Calvino 2013 è Francesco Maino con "Cartongesso" "per la sua natura felicemente ibrida (non è un romanzo né un saggio né un pamphlet) ‒ un difficile azzardo che nulla toglie alla sua capacità di coinvolgimento ‒ e per la straordinaria potenza inventiva della lingua"

La menzione speciale della Giuria - composta da Irene Bignardi, Maria Teresa Carbone, Matteo Di Gesù, Ernesto Ferrero, Evelina Santangelo -, invece, è andata a Simona Rondolini con "I costruttori di ponti" per l’originalità della struttura, per la competenza con cui affronta complessi temi musicali, psicanalitici e animalistici, per il pregio di dare voce a un sentimento lacerato della vita, per l’eccellenza della scrittura. 
Una seconda menzione va a "Come fossi solo" di Marco Magini, un esempio di letteratura di testimonianza che affronta con coraggio e in maniera attentamente documentata una pagina vergognosa e rimossa dell’Occidente, il massacro di Srebrenica.

Già alla premiazione, gli editor delle maggiori case editrici hanno iniziato le danze di corteggiamento attorno ai finalisti e nei prossimi mesi vedremo quale titolo arriverà in libreria.

In contemporanea al premio, su Twitter e Facebook è stato lanciato un concorso di web narrazione dal titolo "Raccontaci #lafinale26", in cui i follower del premio potevano inventarsi un breve racconto - lungo quanto un tweet o un commento facebook - sulla finale del premio. Quello con più "mi piace" o più retweet riceverà in premio i libri delle scorse edizioni. Il vincitore sarà annunciato il prossimo 2 maggio sul sito ufficiale del Premio Calvino.

Io ho partecipato. Incrociamo le dita!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…