Passa ai contenuti principali

London Book Fair 2013: ospite la Turchia con i suoi autori e il Women's Fiction Festival tra le realtà italiane


Prende il via oggi la London Book Fair 2013 e, fino al 17 aprile, all'Earls Court Exhibition Centre, in Warwick Road, a Londra, ci sono libri, autori, editori e chi più ne ha più ne metta.
Il Paese ospite di quest'anno è la Turchia, con i suoi autori di punta e le atmosfere tutte da scoprire.


Tra i 1467 espositori provenienti da 61 Pesi del mondo, non potevano mancare gli espositori italiani in questa vetrina che ogni anno costituisce un appuntamento da non perdere per gli addetti ai lavori ma non solo. Quindi, sono circa 40 le aziende italiane, di cui 19 sotto lo stand collettivo dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane: 24 Ore Cultura, Bologna Children’s Book Fair, Canale & C., Corraini Edizioni, Black Cat Cideb, Donzelli Editori, Edi.Ermes, Editoriale Jaca Book, Edizioni Del Baldo, Gribaudo, Egea, Food, Franco Cosimo Panini, Gruppo Albatros Il Filo, Logos Edizioni, Piccin Nuova Libraria, Printer Trento, Romano Libri, Scala Group.


Per la quarta volta, a Londra c'è anche il Women's Fiction Festival, il festival internazionale di narrativa femminile che, da 10 anni, dialoga con autori e generi strettamente legati alla letteratura in rosa. "La partecipazione alla London Book Fair – si legge in una nota dell'associazione materana - sarà utile non solo per incontrare alcuni dei relatori presenti al congresso del Wff 2013, ma anche per promuovere il Women's Fiction Festival di Matera presso gli stand delle associazioni di scrittori e delle testate giornalistiche internazionali dedicate all'industria editoriale”.

Anche stavolta mi rammarico di non essere a Londra in questo periodo. Ma prima o poi ce la farò!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…