Passa ai contenuti principali

London Book Fair 2013: ospite la Turchia con i suoi autori e il Women's Fiction Festival tra le realtà italiane


Prende il via oggi la London Book Fair 2013 e, fino al 17 aprile, all'Earls Court Exhibition Centre, in Warwick Road, a Londra, ci sono libri, autori, editori e chi più ne ha più ne metta.
Il Paese ospite di quest'anno è la Turchia, con i suoi autori di punta e le atmosfere tutte da scoprire.


Tra i 1467 espositori provenienti da 61 Pesi del mondo, non potevano mancare gli espositori italiani in questa vetrina che ogni anno costituisce un appuntamento da non perdere per gli addetti ai lavori ma non solo. Quindi, sono circa 40 le aziende italiane, di cui 19 sotto lo stand collettivo dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane: 24 Ore Cultura, Bologna Children’s Book Fair, Canale & C., Corraini Edizioni, Black Cat Cideb, Donzelli Editori, Edi.Ermes, Editoriale Jaca Book, Edizioni Del Baldo, Gribaudo, Egea, Food, Franco Cosimo Panini, Gruppo Albatros Il Filo, Logos Edizioni, Piccin Nuova Libraria, Printer Trento, Romano Libri, Scala Group.


Per la quarta volta, a Londra c'è anche il Women's Fiction Festival, il festival internazionale di narrativa femminile che, da 10 anni, dialoga con autori e generi strettamente legati alla letteratura in rosa. "La partecipazione alla London Book Fair – si legge in una nota dell'associazione materana - sarà utile non solo per incontrare alcuni dei relatori presenti al congresso del Wff 2013, ma anche per promuovere il Women's Fiction Festival di Matera presso gli stand delle associazioni di scrittori e delle testate giornalistiche internazionali dedicate all'industria editoriale”.

Anche stavolta mi rammarico di non essere a Londra in questo periodo. Ma prima o poi ce la farò!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …