Passa ai contenuti principali

London Book Fair 2013: ospite la Turchia con i suoi autori e il Women's Fiction Festival tra le realtà italiane


Prende il via oggi la London Book Fair 2013 e, fino al 17 aprile, all'Earls Court Exhibition Centre, in Warwick Road, a Londra, ci sono libri, autori, editori e chi più ne ha più ne metta.
Il Paese ospite di quest'anno è la Turchia, con i suoi autori di punta e le atmosfere tutte da scoprire.


Tra i 1467 espositori provenienti da 61 Pesi del mondo, non potevano mancare gli espositori italiani in questa vetrina che ogni anno costituisce un appuntamento da non perdere per gli addetti ai lavori ma non solo. Quindi, sono circa 40 le aziende italiane, di cui 19 sotto lo stand collettivo dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane: 24 Ore Cultura, Bologna Children’s Book Fair, Canale & C., Corraini Edizioni, Black Cat Cideb, Donzelli Editori, Edi.Ermes, Editoriale Jaca Book, Edizioni Del Baldo, Gribaudo, Egea, Food, Franco Cosimo Panini, Gruppo Albatros Il Filo, Logos Edizioni, Piccin Nuova Libraria, Printer Trento, Romano Libri, Scala Group.


Per la quarta volta, a Londra c'è anche il Women's Fiction Festival, il festival internazionale di narrativa femminile che, da 10 anni, dialoga con autori e generi strettamente legati alla letteratura in rosa. "La partecipazione alla London Book Fair – si legge in una nota dell'associazione materana - sarà utile non solo per incontrare alcuni dei relatori presenti al congresso del Wff 2013, ma anche per promuovere il Women's Fiction Festival di Matera presso gli stand delle associazioni di scrittori e delle testate giornalistiche internazionali dedicate all'industria editoriale”.

Anche stavolta mi rammarico di non essere a Londra in questo periodo. Ma prima o poi ce la farò!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …