Passa ai contenuti principali

London Book Fair 2013: annuncio della Corea come Market Focus 2014, prima della chiusura della fiera


Si chiude oggi l'edizione 2013 della London Book Fair con 1467 espositori provenienti da 61 Paesi del mondo.

A parer mio, il social che l'ha fatta da padrone, per la diffusione immediata delle notizie provenienti dall'Earls Court Exhibition Centre, in Warwick Road, a Londra, è stato Twitter, con l'hashtag #lbf13 sotto cui sono stati raccolti i commenti, gli articoli e i post riguardanti la fiera.

Earls Court Exhibition Centre [foto presa dalla pagina Facebook della LBF]
La London Book Fair è nota, in ambito editoriale, anche per essere terreno di compravendita di titoli  e diritti destinati poi a sbarcare nei diversi mercati nazionali e diventare bestsellers.
Quante volte vi sarà capitato di leggere sulle fascette di alcuni libri: "Libro che alla London Book Fair tutti gli editori avrebbe voluto comprare" 
[Ma ce lo siamo accaparrato noi! è quello che non sta scritto, ma è ampiamente sottinteso...].

Digital Bar all'interno della fiera [foto presa dalla pagina Facebook della LBF]
Ho trovato molto interessante questa intervista a Sandrone Danzieri - giornalista, scrittore ma anche consulente editoriale per Fabbri - che era presente a Londra proprio per la compravendita di alcuni titoli e spiega i meccanismi che risiedono dietro alle logiche che nei prossimi mesi porteranno sugli scaffali delle librerie certi libri e non altri.

"La nostra cifra sono i libri di facile lettura, ma di qualità - spiega Danzieri nell'intervista -. La mia impressione è che in Italia le persone leggano sempre di meno perché sono enormemente distratte dalla situazione politica. Siamo in eterna campagna elettorale. Allo stesso tempo alcune politiche editoriali questa crisi la stanno alimentando: la corsa al ribasso di alcuni editori è un suicidio collettivo perché per l’editore stesso che la fa, non ci sono più margini di guadagno. Si tratta solo di uno specchietto per le allodole. Che fa perdere tutti e guadagnare nessuno". Il riferimento ai libri a 0,99 centesimi lanciati dalla Newton Compton è palese e va ad aggiungersi alle numerose polemiche sull'argomento a cui si può essere più o meno o affatto d'accordo.

Prima della chiusura della fiera, c'è stato il passaggio di testimone per il Market Focus 2014 che, dopo la Turchia di quest'anno, vede la Corea, coi suoi autori ed editori, ospiti per la prossima edizione della London Book Fair.

Sperando che le scosse politiche proveniente da quel lato del mondo, non abbiano conseguenze gravi tra 12 mesi...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…