Passa ai contenuti principali

Gli Esposito in tiro per la festa: buona domenica con la frase da un libro!


Per la rubrica "La frase da un libro", ecco un brano da "Benvenuti in casa Esposito" di Pino Imperatore.
Parla della festa di San Vincenzo Ferrer che ricorre il 5 aprile, ma lo schieramento degli Esposito, secondo me, è tipico anche della domenica a messa. Quanti Esposito abbiamo visto la domenica in piazza?
Buona lettura!
In casa Esposito il santo valenciano occupava il podio più alto dell'adorazione mistica, a pari merito con padre Pio e san Gennaro. Chi osava contestare, offendere o screditare questa trinità protettiva veniva ripagato con auspici di gravi infortuni.
Il cinque aprile, festività di san Vincenzo e il giorno di Pasquetta, poco prima del tramonto, il drappello familiare degli Esposito si mosse in fila indiana dalla palazzina di salita dei Principi e marciò verso la basilica di Santa Maria della Sanità per rendere il proprio doveroso omaggio al Munacone.
In testa c'era Gaetano, fiero di poter mostrare al rione uno dei pezzi forti della sua collezione glamour: un farfallino in seta blu con righine perlate. Lo seguiva a ruota Assunta, addobbata con un completo pied-de-poule di flanella marrone, un foulard di raso con motivi floreali e una borsetta ocra in pelle verniciata.
Impalato in un giubbino di camoscio, Tonino ostentava una camicia a collo alto aperta sul petto, e con un braccio cingeva i fianchi di Patrizia, in giacca e pantaloni glicine e un trucco alla Belle Epoque.
Tina aveva i capelli raccolti a chignon, un abitino bianco a campana e ai piedi un paio di ballerine nere.
Genny era foderato di tessuto denim dalla nuca alle scarpette.
In coda  Olga e Manuela, in abiti di lino, chiacchieravano di tecniche di ricamo. La mamma di Tonino era una paladina del punto antico, Olga privilegiava il punto a croce.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…