Passa ai contenuti principali

Gli Esposito in tiro per la festa: buona domenica con la frase da un libro!


Per la rubrica "La frase da un libro", ecco un brano da "Benvenuti in casa Esposito" di Pino Imperatore.
Parla della festa di San Vincenzo Ferrer che ricorre il 5 aprile, ma lo schieramento degli Esposito, secondo me, è tipico anche della domenica a messa. Quanti Esposito abbiamo visto la domenica in piazza?
Buona lettura!
In casa Esposito il santo valenciano occupava il podio più alto dell'adorazione mistica, a pari merito con padre Pio e san Gennaro. Chi osava contestare, offendere o screditare questa trinità protettiva veniva ripagato con auspici di gravi infortuni.
Il cinque aprile, festività di san Vincenzo e il giorno di Pasquetta, poco prima del tramonto, il drappello familiare degli Esposito si mosse in fila indiana dalla palazzina di salita dei Principi e marciò verso la basilica di Santa Maria della Sanità per rendere il proprio doveroso omaggio al Munacone.
In testa c'era Gaetano, fiero di poter mostrare al rione uno dei pezzi forti della sua collezione glamour: un farfallino in seta blu con righine perlate. Lo seguiva a ruota Assunta, addobbata con un completo pied-de-poule di flanella marrone, un foulard di raso con motivi floreali e una borsetta ocra in pelle verniciata.
Impalato in un giubbino di camoscio, Tonino ostentava una camicia a collo alto aperta sul petto, e con un braccio cingeva i fianchi di Patrizia, in giacca e pantaloni glicine e un trucco alla Belle Epoque.
Tina aveva i capelli raccolti a chignon, un abitino bianco a campana e ai piedi un paio di ballerine nere.
Genny era foderato di tessuto denim dalla nuca alle scarpette.
In coda  Olga e Manuela, in abiti di lino, chiacchieravano di tecniche di ricamo. La mamma di Tonino era una paladina del punto antico, Olga privilegiava il punto a croce.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…