Passa ai contenuti principali

Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore 2013: buona Giornata del Libro e delle Rose a tutti!



Lettori e lettrici, oggi è la nostra festa: la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d'Autore!
Questa giornata patrocinata dall'Unesco è conosciuta anche come Giornata del Libro e delle Rose.

L'Unesco ha deciso di fissare questa data anche perché il 23 aprile del 1616 è una data che contrassegna (funestamente) il mondo della letteratura mondiale: nello stesso giorno, infatti, sono morti William ShakespeareMiguel de Cervantes e Garcilaso de la Vega detto El Inca.

In verità, l'evento dell'Unesco si aggancia ad una tradizione catalana - la Fiesta del Libro y la Rosa - che, nel giorno di San Giorgio, vuole gli uomini che regalano rose alle donne che contraccambiano con un libro. In epoca più recente, anche alle donne viene regalo un libro insieme alle rose.


La leggenda vuole che San Giorgio, dopo aver sconfitto il drago, donasse alla principessa di cui salvò la vita la rosa nata dal sangue del mostro.

In Catalogna, oggi, oltre a dare gli auguri di onomastico ai vari Jorge e Jorgelina, per strada ci sono decine di iniziative che mettono insieme libri e rose - due cose bellissime, secondo me - in un turbinio di colori, cultura e natura.

Quanto sarebbe auspicabile un'invasione di questo genere!

In clima di città invase dai libri, Bangkok è la capitale mondiale del libro 2013: l'Unesco ha assegnato il titolo alla capitale thailandese in quanto eccellente nella "volontà di coordinare i vari partecipanti ed attori lungo tutta la catena della produzione e pubblicazione del libro, nel coinvolgimento dei vari soggetti nei progetti proposti e per l’attinenza degli stessi alle esigenze della comunità oltre che per l’alto livello delle attività ad essi collegate".

Insomma, oggi non ascoltate nessuno: dedicatevi alla lettura/rilettura del vostro libro preferito.

Buona lettura a tutti!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…