Passa ai contenuti principali

Diego Armando Maradona di Paolo Castaldi: il Napoli nel cuore azzurro di un giovane artista


Si può essere napoletani in 2 modi: o perché si è nati a Napoli e quindi si ha nel sangue quell'ossigeno che difficilmente troverete altrove; oppure perché l'anima assume una particolare sfumatura di azzurro per una passione che non si riesce a fermare e che fa battere il cuore anche a centinaia, migliaia km di distanza.

A Paolo Castaldi è successo questo: nato a Milano da famiglia napoletana, non ha mai conosciuto altra fede che quella del Napoli.
E a Napoli è tornato alla grande, per il Comicon 2013, con il libro "Diego Armando Maradona. Undici pennellate d'autore, dipinte d'azzurro" (Edizioni Becco Giallo) a cui è stata dedicata anche una mostra all'interno del Salone Internazionale del Fumetto di Napoli, che si è chiuso ieri.

Maradona in campo con la maglia della Nazionale argentina
Non pensate che il libro sia una biografia del Pibe de Oro: ce ne sono già molte in giro.
Il libro di Paolo Castaldi racconta la vita e le imprese di Diego Armando Maradona a fumetti, ma nelle tavole è forte soprattutto l'impatto emotivo che il campione argentino ha avuto - e ha ancora tutt'ora - sul popolo napoletano.

Durante la presentazione organizzata da ALT venerdì scorso a Torre del Greco, Paolo Castaldi ha spiegato che questa è un'opera nata da dentro: "Maradona, per i ragazzi napoletani emigrati al Nord, era anche una figura di riscatto sociale: grazie a Maradona, i terroni erano chiamati meno terroni perché Napoli era la città di Maradona".

"Al San Paolo, per un giorno, la città pianse via il dolore."

Il libro è suddiviso in undici capitoli, in onore degli undici tocchi che portarono Maradona a segnare il più bel gol della storia del calcio, quello contro l'Inghilterra ai Mondiali in Messico nel 1986.
Castaldi racconta la storia di Maradona a Napoli attraverso i volti della gente, l'esultanza incontrollata fin da quel 5 luglio 1984 quando in 70mila accolsero Maradona al San Paolo.

Maradona all'arrivo al San Paolo alla prima presentazione pubblica del 1984
"Come una messa laica, tutti invocarono il loro nuovo dio.
Un dio che saprà essere coraggioso, debole, generoso.
Un dio che per troppo tempo era mancato a Napoli."

I disegni di Castaldi hanno una delicatezza tutta particolare, oltre che nel tratto, anche nei colori che, ad acquerello, compaiono qua e là. Tranne che per il capitolo 6, un vero e proprio elogio a Maradona e a Napoli tutta, con la figura di Jovine che dedica al campeon "O' reggae 'e Maradona", e che possiede sferzate di colore azzurro forti come i battiti del cuore emozionato di ogni tifoso.
"Al Nord Maradona ancora oggi è considerato con tanti però, soprattutto per quello che ha fatto dopo, ma non sarà mai più possibile staccare il nome di Maradona da Napoli" conclude Castaldi.

Voglio diventare l'idolo dei ragazzi poveri di Napoli, 
perchè loro sono come ero io a Buenos Aires.
Diego Armando Maradona

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…