Passa ai contenuti principali

Comicon 2013: boom di visitatori per il 15esimo salone internazionale del fumetto di Napoli



Si scrive Comicon e si legge fumetti, fumetti, fumetti a volontà!

E' iniziata ieri la 15esima edizione del Comicon, il salone internazionale del fumetto di Napoli che, fino al 28 aprile, ogni anno permette ai lettori di fumetti - e non solo - di incontrare i loro disegnatori preferiti, ma anche di conoscere novità in anteprima, nonché di acquistare gadget introvabili altrove.

Per la prima giornata di ieri, è stato registrato un boom di presenze, con circa 10mila visitatori che fin dalle prime ore di apertura della fiera, hanno invaso il piazzale antistante la Mostra d'Oltremare.

Il tema di quest'anno è il rapporto tra Fumetto & Architettura, arti accomunate dal disegno e dalla fantasia, con la mostra principale interamente dedicata alla scoperta dei rapporti che intercorrono tra il fumetto e le altre 8 arti. 
Il Comicon ogni anno si pone come occasione imperdibile per fare il punto della situazione del fumetto italiano emergente, con la mostra Futuro Anteriore, in collaborazione con il Centro Fumetto Andrea Pazienza.


In collaborazione con The Walt Disney Company Italia, lo Spazio WOW (Fondazione Franco Fossati) di Milano, e il Museo del Fumetto di Lucca, il Comicon ospita la mostra "Magica Disney" dedicata al numero 3000 di Topolino, già aperta al Pan e allestita fino a fine maggio: questo evento di grandissimo respiro culturale ha lo scopo di portare a Napoli autori disneyani come Giorgio Cavazzano, Tito Faraci, Fabrizio Petrossi, Blasco Pisapia e Fabio Michelin.

La mostra che proprio non potete perdervi, se siete napoletani, è quella sul primo graphic novel (edito da Becco Giallo) sulla figura di Diego Armando Maradona, riletta in chiave poetica e anche un pò surreale dal fumettista Paolo Castaldi  che è stato ispirato dallo storico goal di Maradona all'Inghilterra nel mondiali messicani del 1986.
Castaldi, oggi pomeriggio - dalle 19, presso il Teatro dell'Assunta, in collaborazione con l'Oratorio Don Bosco - sarà presente a Torre del Greco per l'evento organizzato dall'Associazione Lettori Torresi - ALT con la presentazione del libro e la possibilità di farsi firmare le copie dall'autore.


Oggi si entra nel vivo della kermesse, con gli autori più seguiti: per l'area Autografi oggi sono attesi Luca Enoch e Giorgio Cavazzano, mentre nel pomeriggio Zerocalcare e Laura Scarpa presenzieranno l'incontro "La strada indipendente: come fare fumetti senza vendere l'anima al diavolo".
Per il resto del programma, visitate il sito del Comicon.

La novità di quest’anno è lo spazio dedicato alla musica: venerdì 26 e sabato 27 aprile, a partire dalle 19, sul palco esterno, saranno protagonisti una serie di gruppi musicali, partendo stasera con i Casinò Royale che presenteranno per la prima volta a Napoli il live di Io e la mia Ombra, seguiti da Davide Toffolo e i suoi Tre Allegri Ragazzi Morti, mentre ad aprire saranno i napoletani Abulico e Tarall & Wine. Domani sarà la volta dell'Asian Sound, con un programma dedicato a alla musica tradizionale e moderna di Giappone e Corea.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…