Passa ai contenuti principali

25 aprile: la Liberazione in .. libri!


Oggi è il 25 aprile, data segnata in rosso sul calendario per ricordare la fine dell'occupazione nazista in Italia, e la fine del ventennio fascista.
L'Anniversario della Liberazione o della Resistenza, che dir si voglia.

Di libri che parlano di quel periodo ce ne sono tanti, e molti altri ancora sono stati pubblicati negli ultimi tempi. Basti pensare anche al romanzo collettivo "In territorio nemico" che è ambientato proprio nel periodo che poi è sfociato nella liberazione. 

Ma pensiamo anche a tutta l'opera di Cesare Pavese: dentro ci trovate il respiro di quel tempo così duro e nero e senza sfumature che non avessero conseguenze definitive sulla vita degli uomini e della nazione.


In "Dove finisce Roma" (Einaudi), il romanzo d'esordio di Paola Soriga, Roma vive gli ultimi giorni della Resistenza e non manca di fare da scenario alle illusioni d'amore della protagonista.

La protagonista è Milano, invece, nel libro di Sergio Luzzatto "25 aprile 1945. La Liberazione" (Laterza).

Il titolo, a parer mio, molto poetico di "La mia anima è ovunque tu sia" (Mondadori) di Aldo Cazzullo non impedisce il dispiegarsi di una trama complessa, di una storia partigiana che arriva fino ai nostri giorni e che delinea le tutte le profonde contraddizioni italiane. 

Anche tre autori del Premio Calvino raccontano la guerra e la Resistenza: Igor Argamante, "Gerico 1941" (Bollati); Giacomo Verri, "Partigiano inverno" (Nutrimenti Edizioni); Simona Baldelli, "Evelina e le fate" (Giunti).

Più che guardare al giorno rosso sul calendario, e quindi al giorno libero dal lavoro, dalla scuola o dalle altre attività che di solito svolgiamo, guardiamo tra le pagine di questi libri, perché nelle storie di questi autori possiamo trovare la vera essenza di questa giornata. Di Liberazione o di Resistenza.



Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…