Passa ai contenuti principali

Tu, per ora #persempre di Laurie Frankel: quando l'amore è più forte anche della morte


Ciò che sopravviverà di noi è l'amore.
Questa frase di Philip Larkin è l'esergo di "Tu, per ora #persempre" di Laurie Frankel, edito dalla Sperling & Kupfer. E il punto focale di tutta la storia è proprio questa vita che va oltre la morte.

Il protagonista è Sam, ingegnere informatico che è riduttivo definire geniale, che impiega tutto il suo tempo ad  inventare nuovi sistemi che implementino il sito di incontri per cui lavora. Un'intuizione illuminante lo porta ad elaborare l'algoritmo che mette insieme due anime gemelle. Fantascienza? Chissà, però grazie a questo sistema, Sam incontra Meredith, anche lei impiegata nella sua stessa azienda. E sono davvero anime gemelle.

Laurie Frankel riesce a descrivere la leggerezza e l'euforia dell'amore con mano così lieve e delicata, eppure decisa, che trasmette quel senso di onnipotenza tipico degli innamorati: tutto è possibile in virtù di quell'amore che tutto può!
E Sam si sente così onnipotente da voler riportare in vita la nonna di Meredith, Livvie, che è scomparsa improvvisamente, lasciando la ragazza in uno stato di dolore inconsolabile. Ma non ci sono medium né pozioni magiche né zombie in questo romanzo.
Sam mette a frutto la sua conoscenza razionale dei sistemi informatici per una causa che, di razionale, ha  davvero molto poco: combattere il dolore della morte, la mancanza della lontananza senza fine, il rimpianto di non aver detto certe cose attraverso un sistema che permette di continuare a dialogare con il defunto, di ricevere mail e sms come se fosse ancora in vita.

Follia? Dal punto di vista di Sam, che vede Meredith felice di poter dire ancora "Ti voglio bene" alla nonna, non c'è niente di male. E che male c'è a creare una società dall'emblematico nome di "Ritrovarsi" per estendere a tutti quelli che soffrono questa strabiliante tecnologia? Niente, anche se nella realtà le complicazioni sorgeranno come funghi dopo un temporale.

"Tu, per ora #persempre" mi ha tenuto col fiato sospeso ad ogni pagina, pur non essendo un libro di quei generi che di solito ci fanno aggrappare ai braccioli del divano (horror, thriller psicologico, et similia). Non sono riuscita a staccarmi fino all'ultima pagina e, una volta giunta lì, girando il foglio e trovando inaspettatamente i ringraziamenti dell'autrice, ho provato un senso di dolce mancanza che, a pensarci, ancora perdura.

Ci affezioniamo ai personaggi intessuti da Laurie Frankel come se fossero amici con cui condividiamo i pensieri più intimi e anche le più intime paure e, quando siamo costretti ad allontanarcene, proviamo dolore per il distacco. "Tu, per ora #persempre" - il cui titolo originale è "Goodbye For Now" - è il suo primo romanzo ed è in via di traduzione in 26 Paesi e presto diventerà anche un film.

Una curiosità personale: nei giorni in cui Sam e Meredith mi hanno fatto compagnia dalle pagine del libro, mi è capitato di vedere il film "One Day" con Anne Hathaway e Jim Sturgess, tratto dall'omonimo romanzo di David Nicholls. Sulle alette di copertina di "Tu, per ora #persempre" viene citato anche "One Day" e la definizione "schiettamente toccante, ferocemente divertente" non potrebbe essere più azzeccata ad entrambe le opere.

Un libro da leggere e da rileggere, perché contiene, sì, il dolore, ma anche la sua perfetta consolazione.


Tu, per ora #persempre
Laurie Frankel
Sperling & Kupfer
€ 17,90

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…