Passa ai contenuti principali

Revolution di Simone Torino: l'amore è un casino per tutti


L'amore è un casino per tutti: non c'è verità più incontrovertibile di questa!
Se però state pensando a quelli che si lamentano perché non trovano l'anima gemella, o agli adolescenti che pensano di essere sempre la reincarnazione di Romeo e Giulietta, oppure a quelli che litigano con il fidanzato un giorno sì e l'altro pure, stavolta siete fuori strada.

"Revolution" di Simone Torino della casa editrice Zandegù, che nel sottotitolo recita proprio la frase di apertura di questo post, ci mostra che, sebbene possa sembrare un casino, nei casi sopra descritti, l'amore è una passeggiata, se paragonato ai rapporti d'amore delle persone disabili.
Che c'è, credete di aver letto male? Invece no: anche i disabili hanno rapporti d'amore e di sesso, pensate un pò.

Se quello che vi sto dicendo vi sembra assurdo, allora avete un bisogno impellente di leggere "Revolution" dove Torino - che oltre allo scrittore, nella vita ha fatto anche tantissime altre cose, tra cui l'assistente animatore in una cooperativa sociale che si occupava di vacanze anche per i disabili - ci spiega, attraverso degli esempi, che non solo i disabili intrattengono rapporti d'amore, quindi relazioni che sottintendono un sentimento, ma ci sono casi in cui è più corretto parlare di sesso, e non come espressione di un rapporto emotivo, quanto di un bisogno fisico, corporale e naturale come la sete, la fame e i moti intestinali.

Torino intervista Maximiliano Ulivieri, web designer che, dall'infanzia, è affetto da distrofia muscolare e che ultimamente è stato oggetto di grande interesse per l'uscita del film "The Sessions" che narra la storia di un uomo che è costretto a vivere in un polmone d'acciaio ma che, a dispetto di qualsiasi apparenza e pregiudizio, ha impulsi sessuali e desideri. Per questo, ricorre ad una terapista specializzata che, in sei sessioni (da qui il nome del film), gli permetterà di scoprire le gioie del sesso, ma anche di un rapporto che coinvolge emozioni e sentimenti.

Non è la storia di Maximiliano, ma lui è l'ideatore e creatore di loveability.it, lovegiver.it, e del suo blog personale occhiodellanima.it dove porta avanti la lotta per permettere ai disabili di avere un assistente sessuale. Confesso: prima di leggere "Revolution" non avevo la più pallida idea che esistesse una figura del genere, pur avendo sempre considerato il fatto che, anche chi ha una qualche disabilità fisica, prova desiderio sessuale e, quindi, vuole portarlo al suo naturale espletamento. Ma non può. E non perché non ce la fa fisicamente, ma perché spesso non ha accanto una persona che possa aiutarlo in questo.
L'assistente sessuale - in Paesi come Svizzera, Germania, Olanda e Danimarca dove la categoria esiste da più di dieci anni - fa proprio questo: aiuta il disabile ad espletare un bisogno fisico che diventa altrettanto impellente quanto bere e mangiare."Se io ho la ragazza per un anno, e poi la ragazza mi lascia, l’assistente sessuale non ti viene assegnato. È una figura che deve interagire con il tuo bisogno reale" dice Maximiliano a Simone Torino che è andato ad intervistarlo.

Dopo aver letto l'ebook di Torino, ho visitato i vari siti di Maximiliano e ho capito pienamente il titolo del libro: perché ci vorrebbe una vera e propria rivoluzione per far cambiare la solita concezione della vita, quella ingabbiata in pregiudizi che, pur non dicendolo apertamente, portano avanti una dittatura di pensiero fondata sulla perfezione fisica quale veicolo di una perfezione morale e sessuale.
Non è così - e non lo scoperto con questa lettura, per fortuna e purtroppo -, non è mai stato così.

"Revolution" ha anche un altro grande merito: quello di avermi fatto riscoprire la casa editrice torinese Zandegù che, dopo una pausa, ritorna con una veste e una mission rinnovate: "Con un maggiore respiro internazionale, con lo spirito disincantato e professionale che ci ha sempre contraddistinto, solo accompagnato da un taglio completamente nuovo, originale e moderno". Marianna Martino - l'editore - dopo un passato di libri cartacei, ha deciso di lanciare la sua "creatura" nello spazio infinito degli ebook e la scelta sembra quanto mai azzeccata agli argomenti che hanno deciso di pubblicare.

Per ora, infatti, sono partite due collane "Gliuni", i reportage narrativi che parlano del mondo che ci circonda, raccontando il buffo annidato in semplici esperienze di vita come un concerto, una fiera, un incontro particolare, un viaggio; e "Glialtri", i manuali su temi seri trattati in modo spiritoso e accessibile, e manuali su temi assurdi ma analizzati con rigore scientifico.

Oltre ai titoli curiosi e interessanti, attrae la veste colorata, ultra moderna e fresca del sito, degli ebook e dell'idea che spinge questa casa editrice ad essere messa sotto la lente d'ingrandimento delle cose belle da non perdere di vista.

Ne sentirete ancora parlare!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…