Passa ai contenuti principali

Papa Francesco su Twitter: sarà un pontificato tecnologico?


Quando Benedetto XVI decise di avvicinarsi ai social network aprendo un account Twitter, ci furono polemiche, applausi, tweet ironici, sfottò a non finire. Ma tant'è.

Poi Benedetto XVI ha dato le dimissioni e l'account è stato sospeso per tutto il periodo di sede vacante. Ma già all'annuncio del nuovo pontefice, un cinguettio ha salutato i 1.877.279 milioni di follower: "Habemus Papam Franciscum".
Da allora, il silenzio, benché si possa facilmente prevedere che questo sarà il pontificato più tecnologico della storia. Non a caso tra i 115 cardinali chiamati al conclave, che il 13 marzo scorso hanno eletto Papa Francesco, ce ne sono alcuni che di media digitali se ne intendano molto più di altri.


A quanto pare il più attivo sui social network è l'Arcivescovo di Manila, Luis Antonio Tagle, la cui pagina Facebook è molto seguita, mentre al seguito troviamo l’Arcivescovo di New York, Timothy Dolan, che ha invece scelto Twitter per commentare i fatti quotidiani che riguardano la Chiesa.

Su Ninja Marketing si azzarda perfino una lista di consigli per "non disperdere l'investimento digitale" fatto dal pontificato precedente: 
  1. Sfruttare il canale Youtube del Vaticano;
  2. Proseguire con l'account Twitter;
  3. Attrarre un pubblico più giovane, ad esempio, con ebook dedicati agli argomenti della Chiesa che incuriosiscono di più;
  4. Aprirsi ai nuovi media, tipo Pinterest per condividere tutte le meraviglia non sempre conosciute della Città del Vaticano;
  5. Sperimentare in materia tecnologica porterebbe il Vaticano a compiere un passo avanti importante nella corsa al futuro.
Non vedo perché l'account di Twitter del Papa non possa diventare attivo come quello del Dalai Lama, che ogni giorno cinguetta messaggi di saggezza e di pace ad oltre 6 milioni di follower.



Fonte: Ninja Marketing.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …