Passa ai contenuti principali

La musica dell'Orchestra della Compagnia degli Artisti di Ottocento Napoletano: Stabat Mater di Pergolesi


Quanti di voi, dopo aver visto da piccoli il film "Amadeus", hanno sognato di voler studiare musica?
Molti, probabilmente, e quelli che effettivamente hanno il talento, avranno anche sognato di portare una rottura agli schemi tale da essere paragonata a quella che mise in atto Mozart a suo tempo.

Tutto questo prima di entrare in Conservatorio e scoprire che Gershwin è ritenuto troppo troppo troppo moderno - è considerato il padre del musical americano... anatema! - per entrare in programmi che a volte arrivano fino a Debussy e a volte no. Salvo poi negare pure la Rhapsody in Blue... ma questa è un'altra storia!

E poi c'è chi alla musica non vuole rinunciare, nonostante i Conservatori, i detrattori, la crisi, i critici e i criticoni e allora si riunisce in una orchestra e crea qualcosa di bello. Molto bello.
E' successo esattamente così all'Orchestra della Compagnia degli Artisti di Ottocento Napoletano che venerdì 22 marzo alle ore 19.30 terrà - presso la Chiesa Santuario di Santa Maria della Natività e di San Ciro a Portici (NA) - il tradizionale concerto per la Pasqua, nel quale verrà eseguito lo Stabat Mater di Giovan Battista Pergolesi (Jesi 1710 – Pozzuoli1736). 


L’orchestra, una delle poche ancora operanti sul territorio napoletano, si presenterà nella formazione da camera e verrà diretta dal M° Leopoldo Fontanarosa, già emozionante violinista protagonista di numerosi concerti che a Torre del Greco si ricordano ancora con piacere, nonché studioso di fama europea del compositore Niccolò Zingarelli. La parte vocale sarà affidata a Mariateresa Polese, soprano e Tonia Langella, contralto. L’ingresso è gratuito.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…