Passa ai contenuti principali

La crisi aguzza l'ingegno: esce oggi l'ebook che suggerisce 19 lavori diversamente possibili



Si chiama "La crisi aguzza l’ingegno, 19 lavori diversamente possibili", la guida di Vittorio Semeraro, edita dalla Zandegù, da oggi in vendita nei maggiori canali di distribuzione di ebook.

In un'epoca in cui la disoccupazione giovanile ha raggiunto picchi del 37,1% - secondo i dati del 2012 - e il
lavoro dei sogni non si trova e, in alcuni casi si è addirittura smesso di cercare, cosa si fa? Si aguzza l'ingengno e ci si inventa qualcosa che possa chiamarsi lavoro.
Ma oggi non basta più essere semplici home stager, life coach e nemmeno declutterer. Bisogna essere estremamente creativi.
Consigli? Suggerimenti? 
Non fatevi prendere dal panico che almeno 19 lavori ce li suggerisce Semeraro nella sua guida.
Qualche esempio: Divisore di Conti (ottimo per i neolaureati in Matematica e pensato per tutti coloro che vogliano dire basta alla barbara usanza del “fare alla romana” al ristorante); il Raddrizza Fricchettoni (un’inedita figura professionale che deve possedere un bagaglio di conoscenze nel ramo della psicologia e dell’educazione comportamentale), fino ad arrivare al Papa (date le recenti notizie di cronaca).

Minimo comune denominatore di tutti e 19 i lavori: una fervida attività di fantasia e uno spirito ironico, divertito e, soprattutto, divertente, per intrattenere e mettere in moto il cervello e l’immaginazione del lettore/lavoratore.

L’ebook è arrivato oggi nei book shop on-line del sito www.zandegu.it e sarà disponibile anche sulle principali librerie digitali quali Amazon, iBooks Store, laFeltrinelli.it, Ultimabooks e Bookrepublic.

Non è escluso che prossimamente lo recensisca in questo spazio.
A proposito, ma si potrebbe inserire il recensore tra i lavori diversamente possibili? 
Devo chiederlo a Semeraro, mi sa...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…