Passa ai contenuti principali

Harlem Shake: il fenomeno-tormentone che fa ballare tutti, dai Simpson ai calciatori


Harlem Shake è quel tormentone dove, sulle note di una canzone techno con bassi ossessivi, parte una danza del tutto scatenata. E surreale. E totalmente folle.
Diventato in breve un fenomeno web, Harlem Shake si sta rapidamente diffondendo anche da noi, ma negli USA è già gara di creatività.


Andiamo alle origini.
Harlem Shake è una canzone del dj americano Baauer uscita nel maggio del 2012, ma che è stata poi remixata in diverse versioni.
E fin qui, tutto nella norma: arriva una canzone con un ritmo synth che potrebbe essere usata in diversi modi, possibilmente spezzettata, perché tutta intera - della durata di circa 3 minuti di nanananana-na-na-na-tunztututunz-tu-tunz - sarebbe capace di far venire una crisi isterica a chiunque.

Il 2 febbraio 2013, 5 teenager del Queensland (Australia) caricano sul loro canale Youtube "The Sunny Coast Skate" questo video di 31 secondi:


Vi sembreranno pochi, ma sono bastati per lanciare la Harlem Shake mania.
I calciatori del Manchester City, poi quelli della Juve. Ma anche i Simpson e tanti altri video di vip.
Insomma, organizzatevi!
Non siete cool se non avete caricato i vostri 31 secondi da tarantolati... ehm, volevo dire da Harlem Shake maniac!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…