Passa ai contenuti principali

Harlem Shake: il fenomeno-tormentone che fa ballare tutti, dai Simpson ai calciatori


Harlem Shake è quel tormentone dove, sulle note di una canzone techno con bassi ossessivi, parte una danza del tutto scatenata. E surreale. E totalmente folle.
Diventato in breve un fenomeno web, Harlem Shake si sta rapidamente diffondendo anche da noi, ma negli USA è già gara di creatività.


Andiamo alle origini.
Harlem Shake è una canzone del dj americano Baauer uscita nel maggio del 2012, ma che è stata poi remixata in diverse versioni.
E fin qui, tutto nella norma: arriva una canzone con un ritmo synth che potrebbe essere usata in diversi modi, possibilmente spezzettata, perché tutta intera - della durata di circa 3 minuti di nanananana-na-na-na-tunztututunz-tu-tunz - sarebbe capace di far venire una crisi isterica a chiunque.

Il 2 febbraio 2013, 5 teenager del Queensland (Australia) caricano sul loro canale Youtube "The Sunny Coast Skate" questo video di 31 secondi:


Vi sembreranno pochi, ma sono bastati per lanciare la Harlem Shake mania.
I calciatori del Manchester City, poi quelli della Juve. Ma anche i Simpson e tanti altri video di vip.
Insomma, organizzatevi!
Non siete cool se non avete caricato i vostri 31 secondi da tarantolati... ehm, volevo dire da Harlem Shake maniac!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…