Passa ai contenuti principali

Recensione: istruzioni per l'uso!


Ogni lettore, nel suo piccolo, fa una recensione.
In automatico, a volte quasi senza accorgercene, nel consiglio che diamo ad un amico che non sa cosa leggere, è contenuta una breve, quanto efficace recensione del testo che consigliamo oppure no.

Sul vocabolario Treccani si legge:
Recensióne s. f. [dal lat. recensio -onis; v. recensio]: esame critico, in forma di articolo più o meno esteso, di un’opera di recente pubblicazione: omaggio per r., con preghiera di r.; fare, scrivere una r.; r. breve, succinta, lunga, benigna, severa; il libro ha avuto r. favorevoli. Per estens., il termine è usato anche a proposito di spettacoli teatrali, cinematografici, mostre d’arte e simili: ho letto una r. molto positiva su quel film.
Nella definizione di Wikipedia ho trovato il riferimento preciso che cercavo:
La recensione di un libro è rivolta ai potenziali lettori e quindi la sua funzione deve essere quella di aiutarli a decidere se leggere un libro o no, fornendogli indicazioni sul suo contenuto e sulla sua qualità. Obiettivo di ogni recensore è offrire gli strumenti per avvicinarsi allo scritto in modo più consapevole, presentandogli possibili chiavi interpretative dello scritto, mettendone in luce le peculiarità stilistiche, inquadrando brevemente la storia personale e la carriera dell'autore e contestualizzando il contenuto del testo all'interno di filoni più ampi.
Da quando faccio la giornalista - sono quasi 10 anni, ormai! -, collaborando con siti e giornali, ho recensito libri, siti, giochi, spettacoli, film, mostre, negozi e tantissime altre cose, tra le più bizzarre. Ricordo ancora che quando uscì Second Life io fui "un'infiltrata" per spiegare ai lettori del sito per cui collaboravo a quel tempo, come funzionasse uno dei primissimi esperimenti di social network: mi divertivo tantissimo a far passeggiare il mio avatar e ad incontrare altri utenti con cui interagire, anche se di interazione umana ce n'era davvero poca (quale social network è connotato umanamente? potrete obiettare voi...) e forse questo ha decretato la decadenza del programma... Ecco, stavo per recensire a posteriori... è più forte di me!

Fosse stato sempre così facile e divertente fare le recensioni, a quest'ora probabilmente non avrei aperto un blog dove scrivere di quello che mi pare e come mi pare, senza dover pagare tributi per favori ricevuti da terzi, che poi si "vendevano" la mia recensione come merce di scambio... Chi ha mai collaborato con editori, direttori, redattori e pseudo tali, sa di cosa parlo... E se non lo sapete, beati voi!!!
Ma non è sempre stato tutto così negativo: nel corso di questi anni e grazie alle mie recensioni - a volte forzate e a volte del tutto volontarie (grazie a Dio!) - ho incontrato persone splendide, attori, scrittori, artisti con cui ho poi stretto rapporti di stima professionale e personale, che continua anche in questo momento in cui non ho nessun altra piattaforma di pubblicazione se non questo blog.

Ecco che arriviamo al punto.
Da questo momento in poi, pubblicherò anche recensioni di libri ed ebook appena arrivati in libreria o comunque recenti, sia acquistati di tasca mia, sia inviati da editori e scrittori che hanno piacere ad avere un parere.
E quindi? Se volete, potete mettervi in contatto e inviarmi la vostra opera.

Sono una lettrice instancabile a vostra completa disposizione! ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…