Passa ai contenuti principali

Leggere in viaggio: quando un libro annulla le distanze!


Difficilmente mi metto in viaggio senza avere un libro in borsa.
E poco importa se il viaggio è lungo 1500 km oppure appena 10.

Il tempo che passo in libreria a scegliere il libro da leggere è direttamente proporzionale alla lunghezza del viaggio, e spesso scelgo il libro in base all'atmosfera che voglio che mi accompagni per la durata del mio soggiorno. Molte volte mi è capitato, addirittura, di scegliere titoli che portassero in sé il nome della città che visitavo e la ricerca di un testo simile è una sfida a cui non so resistere, è più forte di me.

Negli ultimi tempi viaggio più in aereo che per terra e lo spazio Feltrinelli Express nell'aeroporto Capodichino di Napoli è diventato una tappa obbligata: non so se è per il luogo in cui si trova oppure per qualche altro arcano motivo, ma là compro sempre libri che altrove non esistono e che accendono la mia curiosità già eccitata dalla partenza.

Il bello di leggere in viaggio è che quando poi riprendo in mano quel libro, una volta tornata a casa, mi tornano in mente le cose che ho visto nel Paese dove mi ha accompagnato, mi tornano in mente le persone che ho conosciuto lì e le idee che mi sono venute in quel determinato periodo.
E' come se il libro che mi accompagna durante il viaggio assorbisse le atmosfere e i profumi che connotano le mie peregrinazioni, per poi rilasciarle nella mia memoria quando ne ho bisogno.

Ora sono in viaggio, ma stavolta un colpo di fortuna mi ha aiutata nella scelta: il giorno prima di partire, mi è arrivato un libro che avevo messo in lista di leggere e di cui presto vi parlerò, e mentre sto qua, mi hanno inviato anche un ebook divertente che è stato una vera sorpresa (anche di questo vi parlerò tra qualche giorno!).

Insomma, ben vengano più spesso queste fortune!
Sì, perchè trovare un libro nella cassetta della posta o nella casella email è un'emozione... di cui vi parlerò la prossima volta, promesso! ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …