Passa ai contenuti principali

La frase da un libro: il compleanno di Charles Dickens!


Il 7 febbraio 1812 nasceva Charles Dickens maggiormente noto come uno dei più grandi scrittori inglesi, ma fu anche giornalista e reporter di viaggio.
Anzi fu proprio come giornalista che iniziò a scrivere nel 1833 sul Morning Chronicles sotto lo pseudonimo di Boz, dando vita ad una serie di bozzetti di vita urbana che in seguito saranno raccolti nel volume intitolato "Sketches by Boz".
Solo nel 1836 ottiene il successo con "The Posthumous Papers of the Pickwick Club" [pubblicato in Italia col titolo di "Il circolo Pickwick"). Dopo verranno i romanzi "Le avventure di Oliver Twist", "David Copperfield", "Grandi Speranze" e tanti altri, come pure decine di racconti, tra cui "Canto di Natale" è il più noto.
Una curiosità: Charles Dickens, tra il 1844 e il 1845, arriva in Italia e soggiorna a lungo a Genova, pur visitando anche Roma, Napoli e Mantova e facendo un resoconto che sarà poi pubblicato con il titolo di "Pictures from Italy". Sarebbe bello ricostruire il percorso dickensiano in Italia, no?

Oggi avrebbe compiuto 201 anni e ci piace festeggiarlo con una piccola serie delle citazione dai suoi libri più noti.

L’uomo che occupa un posto di fiducia non è mai il genere di uomo più adatto.
Verrà il giorno in cui sarà dolce alla tua memoria che altri passeggiando nel tepore solare si inteneriscano pensando a te.
Grandi Speranze

È finita e non c'è più nulla da fare, e questa è già una consolazione, come dicono in Turchia quando tagliano la testa dell'uomo sbagliato.
"In queste occasioni è sempre meglio fare quello che fa la folla". "Ma supponi che ci siano due folle", suggerì Snodgrass. "Urla quello che sta urlando la folla più grossa", replicò Pickwick.
Il circolo Pickwick

Le sorprese, come le sfortune, raramente vengono da sole.
Gli uomini che tengono in considerazione la natura e i loro simili e piangono perché tutto è scuro e cupo sono nel giusto; ma i colori foschi sono i riflessi dei loro occhi invidiosi e dei loro cuori. I veri colori sono delicati e hanno bisogno di una visione più pulita.
Le avventure di Oliver Twist


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…