Passa ai contenuti principali

La frase da un libro: il compleanno di Charles Dickens!


Il 7 febbraio 1812 nasceva Charles Dickens maggiormente noto come uno dei più grandi scrittori inglesi, ma fu anche giornalista e reporter di viaggio.
Anzi fu proprio come giornalista che iniziò a scrivere nel 1833 sul Morning Chronicles sotto lo pseudonimo di Boz, dando vita ad una serie di bozzetti di vita urbana che in seguito saranno raccolti nel volume intitolato "Sketches by Boz".
Solo nel 1836 ottiene il successo con "The Posthumous Papers of the Pickwick Club" [pubblicato in Italia col titolo di "Il circolo Pickwick"). Dopo verranno i romanzi "Le avventure di Oliver Twist", "David Copperfield", "Grandi Speranze" e tanti altri, come pure decine di racconti, tra cui "Canto di Natale" è il più noto.
Una curiosità: Charles Dickens, tra il 1844 e il 1845, arriva in Italia e soggiorna a lungo a Genova, pur visitando anche Roma, Napoli e Mantova e facendo un resoconto che sarà poi pubblicato con il titolo di "Pictures from Italy". Sarebbe bello ricostruire il percorso dickensiano in Italia, no?

Oggi avrebbe compiuto 201 anni e ci piace festeggiarlo con una piccola serie delle citazione dai suoi libri più noti.

L’uomo che occupa un posto di fiducia non è mai il genere di uomo più adatto.
Verrà il giorno in cui sarà dolce alla tua memoria che altri passeggiando nel tepore solare si inteneriscano pensando a te.
Grandi Speranze

È finita e non c'è più nulla da fare, e questa è già una consolazione, come dicono in Turchia quando tagliano la testa dell'uomo sbagliato.
"In queste occasioni è sempre meglio fare quello che fa la folla". "Ma supponi che ci siano due folle", suggerì Snodgrass. "Urla quello che sta urlando la folla più grossa", replicò Pickwick.
Il circolo Pickwick

Le sorprese, come le sfortune, raramente vengono da sole.
Gli uomini che tengono in considerazione la natura e i loro simili e piangono perché tutto è scuro e cupo sono nel giusto; ma i colori foschi sono i riflessi dei loro occhi invidiosi e dei loro cuori. I veri colori sono delicati e hanno bisogno di una visione più pulita.
Le avventure di Oliver Twist


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…