Passa ai contenuti principali

La frase da un libro: il compleanno di Charles Dickens!


Il 7 febbraio 1812 nasceva Charles Dickens maggiormente noto come uno dei più grandi scrittori inglesi, ma fu anche giornalista e reporter di viaggio.
Anzi fu proprio come giornalista che iniziò a scrivere nel 1833 sul Morning Chronicles sotto lo pseudonimo di Boz, dando vita ad una serie di bozzetti di vita urbana che in seguito saranno raccolti nel volume intitolato "Sketches by Boz".
Solo nel 1836 ottiene il successo con "The Posthumous Papers of the Pickwick Club" [pubblicato in Italia col titolo di "Il circolo Pickwick"). Dopo verranno i romanzi "Le avventure di Oliver Twist", "David Copperfield", "Grandi Speranze" e tanti altri, come pure decine di racconti, tra cui "Canto di Natale" è il più noto.
Una curiosità: Charles Dickens, tra il 1844 e il 1845, arriva in Italia e soggiorna a lungo a Genova, pur visitando anche Roma, Napoli e Mantova e facendo un resoconto che sarà poi pubblicato con il titolo di "Pictures from Italy". Sarebbe bello ricostruire il percorso dickensiano in Italia, no?

Oggi avrebbe compiuto 201 anni e ci piace festeggiarlo con una piccola serie delle citazione dai suoi libri più noti.

L’uomo che occupa un posto di fiducia non è mai il genere di uomo più adatto.
Verrà il giorno in cui sarà dolce alla tua memoria che altri passeggiando nel tepore solare si inteneriscano pensando a te.
Grandi Speranze

È finita e non c'è più nulla da fare, e questa è già una consolazione, come dicono in Turchia quando tagliano la testa dell'uomo sbagliato.
"In queste occasioni è sempre meglio fare quello che fa la folla". "Ma supponi che ci siano due folle", suggerì Snodgrass. "Urla quello che sta urlando la folla più grossa", replicò Pickwick.
Il circolo Pickwick

Le sorprese, come le sfortune, raramente vengono da sole.
Gli uomini che tengono in considerazione la natura e i loro simili e piangono perché tutto è scuro e cupo sono nel giusto; ma i colori foschi sono i riflessi dei loro occhi invidiosi e dei loro cuori. I veri colori sono delicati e hanno bisogno di una visione più pulita.
Le avventure di Oliver Twist


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…