Passa ai contenuti principali

Benvenuti in casa Esposito: una recensione (postuma!) di bentornato alla famiglia di Pino Imperatore


"Bentornati in casa Esposito" di Pino Imperatore è in libreria da qualche giorno e l'esercito di lettori affezionati è in pieno fermento.
Il libro, edito da Giunti Editore, è il secondo volume della saga dedicata alla famiglia Esposito, dopo il grandissimo successo di "Benvenuti in casa Esposito" - in libreria esattamente ad un anno di distanza - il cui sottotitolo "Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista" è già di per sé tutto un programma.

In occasione del prosieguo delle avventure di Tonino Esposito e della sua famiglia, ho deciso di pubblicare la recensione che un anno fa non riuscii a far passare sul giornale dove scrivevo: fui censurata, in realtà. E se vi sembra assurdo, allora dovreste sentire il motivo per cui successe...
Ma, fortunatamente, questo non è più importante e ora faccio precedere la recensione dell'ultimo libro di Pino Imperatore, con la recensione di quello precedente. Lo dovevo al libro e a me, che ne sono stata conquistata alla prima lettura.

La famiglia Esposito vive a Napoli, nel rione Sanità, il quartiere che fu del grande Totò, una zona che tanta cinematografia e letteratura ha ispirato, ma che ora ospita la criminalità che attacca le radici della città partenopea come un cancro.
Tonino Esposito è figlio di un boss, un boss defunto ma sempre boss. Tonino non ha ereditato niente dal padre, né la successione alla guida del clan né la baldanza e il rispetto che hanno reso il genitore tanto temuto e potente. Tonino è figlio della nostra epoca dove, anche chi ha tutte le carte in regola per riuscire - nascita, capacità, possibilità e occasioni - spesso non riesce e si perde in un mare di "vorrei ma non posso". Pino Imperatore riesce a tradurre questa immobilità di pensiero e azione in un aspirante criminale e l'effetto risulta essere qualcosa di unico. Sì, perché Tonino fa ridere, anche fino alle lacrime, ma è quel riso che, quando si spegne, lascia sul volto un velo di pietà. E la pietà non fa ridere, anche quando la applichiamo ad un criminale che vorrebbe fare del male alla gente onesta, che lavora e che suda per tirare avanti ogni giorno.

Tonino ha attorno una famiglia allargata, da bravo napoletano, - lui a certe cose ci tiene! - che comprende,  oltre alla moglie Patrizia Scognamiglio e ai figli Tina e Genny, anche la mamma Manuela Innocenti, vedova del boss Gennaro Esposito, i suoceri Assunta e don Gaetano Scognamiglio, della premiata pasticceria omonima. Ma non è tutto: ci sono anche gli animali di casa, il coniglietto Giggetto e l'iguana meditans Sansone. La famiglia Esposito si presenta come un quadro tradizionale, di quelli che ruotano attorno al capofamiglia - che dovrebbe essere Tonino - ma che poi, come spesso succede nella realtà, gli equilibri sono diversi da quelli che appaiono a prima vista, chi tira le fila è proprio quello che non avremmo mai sospettato, e l'amore è composto da una rete fittissima di altri mille sentimenti, non tutti identificabili né giudicabili.

Ma sulla facciata di spensieratezza che sembra dare alla famiglia Esposito un'aria di normalità, Pino Imperatore cala l'ombra della camorra e costruisce la figura di Pietro De Luca detto 'o Tarramoto - boss del rione Sanità che è subentrato alla morte del padre di Tonino - con delle sfumature che, in alcuni casi, mettono i brividi. E allora la dabbenaggine un pò fessa di Tonino Esposito ci sembra il minore dei mali rispetto alla crudeltà che si nasconde dietro ad una casa perfetta, a vestiti alla moda e ad un sorriso che non tocca gli occhi.

Il grandissimo successo di "Benvenuti in casa Esposito" è stato decretato, secondo me, dal fatto che si ride, ma senza perdere d'occhio la realtà, che non ha proprio niente di spensierato.
Dopo la prima lettura, ho ripreso più volte in mano questo libro, a cui sono molto affezionata e di cui ho sentito la mancanza ogni volta che sono arrivata all'ultima pagina.

Il pregio che, se non fosse per tutto il resto, mi farebbe apprezzare questo libro senza mai stancarmi, è che mi fa riflettere: sulla mia città, amata in una maniera che mi fa contorcere di dolore; sul cancro che ci ha avvelenato pian piano, quasi senza che ce ne accorgessimo, perché si nascondeva dietro una superficie di privilegi e finto benessere e ora che ce ne siamo accorti... ; sulla vita, che è fango, è merda, ma raggiunge anche picchi di luce che difficilmente riusciamo ad immaginare a mente lucida. Ed è per quei picchi che vale la pena non sprofondare nella merda. Ed è con quei picchi che ci fotte...

Quando Pino Imperatore ha annunciato il ritorno degli Esposito, è stata festa grande tra noi suoi lettori, segno che la sua scrittura crea dipendenza. Una dipendenza che, per fortuna, trova soddisfazione in "Bentornati in casa Esposito". Ma di questo libro vi parlerò prossimamente...

Buona lettura!


Benvenuti in casa Esposito 
Pino Imperatore
Giunti Editore
€ 10

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…