Passa ai contenuti principali

ALT, fermatevi a leggere! Signore e signori, l'Associazione Lettori Torresi!



“ALT” non è un ordine, ma un consiglio da seguire. “ALT – Associazione Lettori Torresi” è una nuova realtà sociale, nata da poco a Torre del Greco (provincia di Napoli), che si propone di avvicinare lettori, scrittori e aspiranti tali, nonché editori grandi e piccoli, attraverso eventi, presentazioni e workshop che, nella nostra città, non si sono mai visti.

Sono nati da poco, ma le loro idee già si fanno sentire, in una realtà che da sempre ha bisogno di Cultura e di eventi che coinvolgano gente di Cultura. Ma quella con la C maiuscola, però, non quelli dove si mettono insieme persone i cui scopi non sono ben definiti e di cultura non c'è manco l'ombra... Ma questo è un altro discorso!
Dicevamo. Hanno iniziato con la presentazione del libro "L'Italia e le mafie" scritto dai giovani dell'università di Salerno nell'ambito di una serie di interviste radiofoniche per l'emittente universitaria. Ma non vi aspettate presentazioni in sale conferenze, con i modi pomposi che troppo spesso, purtroppo, hanno le presentazioni. I giovani di ALT hanno presentato il libro - scritto da giovani - agli studenti del liceo classico di Torre del Greco. Giovani per i giovani che si avvicinano ai giovani, insomma!

E no, non fate quel sorrisetto come per dire: "Bella scoperta!". I giovani che si impegnano per i giovani non è qualcosa di così scontato, almeno non da queste parti. Quindi, la scoperta c'è e c'è pure la sorpresa di vedere qualcosa che può davvero dare molto alla città, ma soprattutto ai giovani.

[Anche io leggo per legittima difesa!]

Io li ho conosciuti, questi ragazzi, che hanno entusiasmo da vendere, e mi sono rallegrata nell'anima a scoprire che, nonostante l'età - la mia sicuramente più avanzata della loro! -, i sogni restano gli stessi. Ovviamente restano gli stessi per quelli che hanno una "visione", per quelli che dentro sentono un fuoco che li porta a fare cose mai fatte, ad inventarsi la notte quello che poi faranno il giorno dopo. Io ero così. Ma sentendo loro ho capito che sono ancora così. 

[Ok, fine del panegirico di celebrazione per il fortunato ritrovamento dei miei sogni!]


ALT si è data una struttura "tradizionale" con un presidente, Salvatore Cervasio [un esperto di fumetti che ha scritto una tesi che è tutto un programma!], un vicepresidente, Francesco Sangiovanni [fotografo di rara sensibilità e simpatia], un segretario che poi è una segretaria, Simona Di Rosa [ama i libri e... questo basta!], e un direttivo composto da Giulio Visciano, Davide Occhicone e Rachele Marrazzo.

Dal 22 febbraio, poi, partirà il primo workshop di scrittura creativa dal titolo “Scrivere è un duro lavoro, ma qualcuno dovrà pur farlo” che, in 6 lezioni laboratoriali, a scadenza settimanale (tutti i venerdì dalle 18 alle 20), richiamerà aspiranti scrittori e scrittori in erba presso il Teatro dell’Arte di Torre del Greco. Per informazioni e ulteriori dettagli, oltre alla pagina Facebook dell’associazione, scrivete all’indirizzo email associazalt@gmail.com. 

Che altro? Ah, secondo me, ne sentiremo ancora parlare....
Poi fate voi, ma intanto... Buona lettura a tutti!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…