Passa ai contenuti principali

Scusate, vi dispiace se svapo qua? Ovvero fumare ai tempi della sigaretta elettronica


Se non vi è ancora capitato di incontrare per strada una persona che, portandosi alla bocca un clarinetto minuscolo, emette volute di fumo miracolosamente profumato, probabilmente vivete su un altro pianeta.
La sigaretta elettronica è un must che, quasi quasi, sta contagiando anche quelli che non fumano.

Tutto è iniziato nel 2010, quando Katherine Heigl - la dottoressa Izzie Stevens di Grey's Anatomy -, ospite  al David Letterman Show tirò fuori una sigaretta elettronica e iniziò a "svapare". E ora Leonardo Di Caprio si fa vedere in giro per Hollywood mentre emette nuvole di vapore, anche sul set di Django Unchained, facendosi santificare dalla stampa americana per la sua volontà di smettere di fumare. Una modaiola come Lindsay Lohan pure vuole dire addio al fumo e allora si fa fotografare spesso e volentieri mentre svapa. In Italia, Morgan ha sdoganato la sigaretta elettronica in diretta tv durante la scorsa edizione di  X Factor e Vasco ha detto addio alle storiche Lucky Strike pubblicizzando con un video su Youtube una marca di sigarette al vapore.

I dati parlano di 900 mila fedelissimi - in pratica uno ogni dieci fumatori tradizionali - che hanno prontamente sostituito la sigaretta tradizionale con un'e-cig [electronic cigarette], chissà se per reale desiderio di smettere o per entrare nel filone della moda del momento. Inutile dire che stanno sorgendo punti vendita come funghi: voi andate per comprare la frutta, le scarpe, la pizza e... non trovate più il negozio di prima, ma uno svapo shop.

Che poi, attorno alla sigaretta elettronica, è nato tutto un vocabolario particolare, di solito neologismi o anglicismi che mai avreste sentito in altre occasioni e che ora volano di bocca in bocca.
A cominciare dalla parola "svapare" che sostituisce il vecchio verbo "fumare" che, pur essendo infinitamente più dannoso per la salute, è molto più simpatico da snocciolare sulla lingua.
Svapare, secondo il glossario delle sigarette elettroniche, significa "aspirare da una e-cig" che, in effetti, non è fumare, perché non è fumo quello che si emette ma vapore.
La sigaretta tradizionale, invece, viene definita "analogica". Vabbè...

E mi chiedo cosa sarebbe stato del fascino di Humphrey Bogart senza la sua sigaretta, oppure della classe di Cary Grant senza quel filo di fumo che gli faceva stringere gli occhi rendendolo ancora più irresistibile. Per non parlare di Paul Newman... 
Altri tempi. Altri fascini.


P.S.: L'immagine qua sopra [come il collage là in alto] è una CREAZIONE ORIGINALE fatta apposta per il mio blog e chiunque la usasse senza citare la fonte, cioè il blog e l'autore della foto, è perseguibile. Ma non mi fate ripete l'ovvio, essendo coperto tutto il sito dalla licenza Creative Commons. Enjoy!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…