Passa ai contenuti principali

Scusate, vi dispiace se svapo qua? Ovvero fumare ai tempi della sigaretta elettronica


Se non vi è ancora capitato di incontrare per strada una persona che, portandosi alla bocca un clarinetto minuscolo, emette volute di fumo miracolosamente profumato, probabilmente vivete su un altro pianeta.
La sigaretta elettronica è un must che, quasi quasi, sta contagiando anche quelli che non fumano.

Tutto è iniziato nel 2010, quando Katherine Heigl - la dottoressa Izzie Stevens di Grey's Anatomy -, ospite  al David Letterman Show tirò fuori una sigaretta elettronica e iniziò a "svapare". E ora Leonardo Di Caprio si fa vedere in giro per Hollywood mentre emette nuvole di vapore, anche sul set di Django Unchained, facendosi santificare dalla stampa americana per la sua volontà di smettere di fumare. Una modaiola come Lindsay Lohan pure vuole dire addio al fumo e allora si fa fotografare spesso e volentieri mentre svapa. In Italia, Morgan ha sdoganato la sigaretta elettronica in diretta tv durante la scorsa edizione di  X Factor e Vasco ha detto addio alle storiche Lucky Strike pubblicizzando con un video su Youtube una marca di sigarette al vapore.

I dati parlano di 900 mila fedelissimi - in pratica uno ogni dieci fumatori tradizionali - che hanno prontamente sostituito la sigaretta tradizionale con un'e-cig [electronic cigarette], chissà se per reale desiderio di smettere o per entrare nel filone della moda del momento. Inutile dire che stanno sorgendo punti vendita come funghi: voi andate per comprare la frutta, le scarpe, la pizza e... non trovate più il negozio di prima, ma uno svapo shop.

Che poi, attorno alla sigaretta elettronica, è nato tutto un vocabolario particolare, di solito neologismi o anglicismi che mai avreste sentito in altre occasioni e che ora volano di bocca in bocca.
A cominciare dalla parola "svapare" che sostituisce il vecchio verbo "fumare" che, pur essendo infinitamente più dannoso per la salute, è molto più simpatico da snocciolare sulla lingua.
Svapare, secondo il glossario delle sigarette elettroniche, significa "aspirare da una e-cig" che, in effetti, non è fumare, perché non è fumo quello che si emette ma vapore.
La sigaretta tradizionale, invece, viene definita "analogica". Vabbè...

E mi chiedo cosa sarebbe stato del fascino di Humphrey Bogart senza la sua sigaretta, oppure della classe di Cary Grant senza quel filo di fumo che gli faceva stringere gli occhi rendendolo ancora più irresistibile. Per non parlare di Paul Newman... 
Altri tempi. Altri fascini.


P.S.: L'immagine qua sopra [come il collage là in alto] è una CREAZIONE ORIGINALE fatta apposta per il mio blog e chiunque la usasse senza citare la fonte, cioè il blog e l'autore della foto, è perseguibile. Ma non mi fate ripete l'ovvio, essendo coperto tutto il sito dalla licenza Creative Commons. Enjoy!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…