Passa ai contenuti principali

Ruzzle fa impazzire tutti, ma c'è chi dice no!


Un tempo c'erano i crucipuzzle, poi è arrivato il sudoku. Tutto passato, tutto dimenticato. Ora è Ruzzle a tenere in mano la tensione competitiva degli italiani.

Cos'è Ruzzle? E' un gioco a metà tra il crucipuzzle e lo Scarabeo, solo che non ci sono definizioni a cui rispondere e non c'è l'obbligo di comporre parole con un significato reale. Per esempio, se componete "tio" vi dà dei punti. Qualcuno sa cosa significa "tio" in italiano? In spagnolo significa "zio" ma quanti ruzzle-maniaci lo sapranno? Vabbè.

Vedi gente che, prima dimenticava persino di avere un cellulare in borsa e ora, appena distogli lo sguardo, lo afferra e si mette a giocare a Ruzzle. Persone che prima elemosinavano una pausa dal lavoro per fumare avidamente una sigaretta e ora invece lo fanno per giocare a Ruzzle. Ok, meglio il giochino che la sigaretta, ma il punto non è questo.

La mania ormai dilaga in ogni dove, si è impadronita di tutti gli strati sociali e intellettuali. Ma. C'è un ma.
Da qualche giorno - in concomitanza con il picco del virus Ruzzle - su Facebook molti miei contatti postano lo stesso status: "Ruzzle, non mi avrai mai!". Uguale. Non cambia niente, né la virgola né il punto esclamativo finale. Come se si fossero messi tutti d'accordo.

Oltre Ruzzle, tra gli pseudo-intellettualoidi impazza la moda di dissociarsi. A prescindere. Che poi, dire "non mi avrai mai" sembra quasi che il giochino sia effettivamente un'entità animata che, senza che tu te ne accorga, di notte, entra dalla finestra e si impadronisce di te. Le fobie degli pseudo-intellettualoidi sono pazzesche, guardate. Io direi che questo dissociarsi ad ogni costo è un pò un riconoscere l'effettiva attrazione per il gioco, ma loro sicuramente non lo ammetteranno mai. Hanno una reputazione da mantenere, anche su Facebook dove più ci si dissocia e più ci si sente in pace con la coscienza. Vabbè.

E io? Io non ho un cellulare che supporta Ruzzle e l'ho scoperto prima sul web - come mania, appunto - e poi dal vivo. Mia sorella - che tecnologicamente è al passo con tutte le manie possibili e immaginabili - mi ha fatto scoprire Ruzzle. Non pensate che si sia offerta generosamente di farmi provare un giochino nuovo sul suo cellulare fiammante. No, non sia mai! Semplicemente, conoscendo la mia passione per le parole in libertà - è quella la mia mania, confesso! -  voleva vedere quanti punti riuscivo a totalizzare inventandomi chissà quale termine con un numero limitatissimo di lettere. E sono stata contagiata.

In realtà, chi mi conosce bene sa che, da sempre, io gioco a Ruzzle inventando parole che non hanno una reale corrispondenza nei dizionari accreditati, ma che, in compenso, descrivono situazioni che in altro modo non potrebbero essere descritte. Ovviamente non lo chiamavo Ruzzle. Non lo chiamavo in nessun modo, ma ora il termine c'è. Ruzzle mentale.

E voi? Siete nel vortice del gioco oppure resistete stoicamente?


P.S.: Il nome Ruzzle non ha un significato specifico, ma nasce dall'unione  del verbo inglese to rumble, che significa scoprire e che era il nome iniziale del gioco + la parola puzzle. Rumble significa anche brontolare e potrebbe raccogliere il brontolio degli intellettualoidi che protestano. A proposito, si rumoreggia (ancora rumble!) che Gerry Scotti voglia portare il Ruzzle in tv per un nuovo quiz... vabbè!



Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …