Passa ai contenuti principali

Quando Doris Day e Rock Hudson facevano sognare...


Ho acceso la tv e stavo già per rassegnarmi a fare il solito insoddisfacente zapping del sabato pomeriggio, quando ad un certo punto mi sono imbattuta in un film che mi ha fatto sorridere immediatamente. Ma non quel sorriso da film comico modello cinepanettone che dopo un pò mi fa sempre dire: "Ma che imbecilli!". No, il mio è stato un sorriso di puro piacere.

"Amore, ritorna!" è un film del 1961 che mette in campo la coppia romantica/comica di quel periodo, e vale a dire la bionda fatina Doris Day e il macho dal sorriso irresistibile Rock Hudson. Ai loro tempi erano come Meg Ryan e Tom Hanks oppure Julia Roberts e Richard Gere ma senza quell'aria da "ti seduco-ma-non-è-colpa-mia" che ha sembra Richard Gere fin dai tempi in cui sculettava in "American Gigolò". E vabbè.

C'è da fare un inciso. Io sono cresciuta guardando film americani di quegli anni: quando nessuno bambina di 10 anni sapeva chi fosse Doris Day e meno ancora chi fosse Rock Hudson, io avevo visto già un paio di volte a rotazione i loro film. Solo in seguito ho capito che il personaggio della Day - bionda, sorridente, sempre accondiscendete, fortemente conservatrice - fosse solo una trasposizione dell'idea della donna come angelo del focolare che l'America cercava di lanciare come marca del proprio successo nel mondo.  Mentre Rock Hudson era troppo... cioè troppo... Era troppo! Punto. Non è possibile che uno fosse così perfetto - dal sorriso splendente al capello sempre perfettamente a posto - da fare invidia anche a Ken! Anzi secondo me Ken lo hanno modellato proprio su di lui! Ma poi ho capito che forse Hudson era stato "assemblato" come l'immagine ambulante del testosterone - anche il nome, Rock, "roccia" ma anche rock... tipo sesso, droga e Rock 'n roll, insomma! - proprio per nascondere la sua omosessualità, un'onta troppo insopportabile per un periodo così conservatore e fermamente convinto a mettere la famiglia tradizionale al primo posto della società. Buonismo? Ipocrisia? Forse.

Che poi è stato il primo personaggio famoso a morire di AIDS, questa è un'altra storia, che la Hollywood dei sorrisi patinati non è riuscita ad occultare. Ma è successo nel 1985, un'altra epoca, un'altra morale. 

Fatto sta che i film di Doris Day e Rock Hudson mi incollano allo schermo ogni volta. Forse pure perchè mi riportano a quei pomeriggi della mia infanzia a casa della nonna. O forse perchè è ancora bello credere in un happy ending, senza essere per forza passati prima per le fiamme dell'inferno!


P.S.: Una curiosità: ho cercato il dvd del film e dappertutto è fuori catalogo. Peccato!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…