Passa ai contenuti principali

Quando Doris Day e Rock Hudson facevano sognare...


Ho acceso la tv e stavo già per rassegnarmi a fare il solito insoddisfacente zapping del sabato pomeriggio, quando ad un certo punto mi sono imbattuta in un film che mi ha fatto sorridere immediatamente. Ma non quel sorriso da film comico modello cinepanettone che dopo un pò mi fa sempre dire: "Ma che imbecilli!". No, il mio è stato un sorriso di puro piacere.

"Amore, ritorna!" è un film del 1961 che mette in campo la coppia romantica/comica di quel periodo, e vale a dire la bionda fatina Doris Day e il macho dal sorriso irresistibile Rock Hudson. Ai loro tempi erano come Meg Ryan e Tom Hanks oppure Julia Roberts e Richard Gere ma senza quell'aria da "ti seduco-ma-non-è-colpa-mia" che ha sembra Richard Gere fin dai tempi in cui sculettava in "American Gigolò". E vabbè.

C'è da fare un inciso. Io sono cresciuta guardando film americani di quegli anni: quando nessuno bambina di 10 anni sapeva chi fosse Doris Day e meno ancora chi fosse Rock Hudson, io avevo visto già un paio di volte a rotazione i loro film. Solo in seguito ho capito che il personaggio della Day - bionda, sorridente, sempre accondiscendete, fortemente conservatrice - fosse solo una trasposizione dell'idea della donna come angelo del focolare che l'America cercava di lanciare come marca del proprio successo nel mondo.  Mentre Rock Hudson era troppo... cioè troppo... Era troppo! Punto. Non è possibile che uno fosse così perfetto - dal sorriso splendente al capello sempre perfettamente a posto - da fare invidia anche a Ken! Anzi secondo me Ken lo hanno modellato proprio su di lui! Ma poi ho capito che forse Hudson era stato "assemblato" come l'immagine ambulante del testosterone - anche il nome, Rock, "roccia" ma anche rock... tipo sesso, droga e Rock 'n roll, insomma! - proprio per nascondere la sua omosessualità, un'onta troppo insopportabile per un periodo così conservatore e fermamente convinto a mettere la famiglia tradizionale al primo posto della società. Buonismo? Ipocrisia? Forse.

Che poi è stato il primo personaggio famoso a morire di AIDS, questa è un'altra storia, che la Hollywood dei sorrisi patinati non è riuscita ad occultare. Ma è successo nel 1985, un'altra epoca, un'altra morale. 

Fatto sta che i film di Doris Day e Rock Hudson mi incollano allo schermo ogni volta. Forse pure perchè mi riportano a quei pomeriggi della mia infanzia a casa della nonna. O forse perchè è ancora bello credere in un happy ending, senza essere per forza passati prima per le fiamme dell'inferno!


P.S.: Una curiosità: ho cercato il dvd del film e dappertutto è fuori catalogo. Peccato!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…