Passa ai contenuti principali

Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen compie 200 anni!


Orgoglio e Pregiudizio: 200 anni e non dimostrarli!
Era il 28 gennaio del 1813 quando apparve la prima edizione in stampa di "Pride and Prejudice" di Jane Austen, per l'editore Thomas Egerton che lo acquistò al costo di 110 sterline e lo lanciò con una tiratura di sole 1500 copie da 18 scellini l'una. E pensare che la sua edizione di lancio ora è stimata per un valore tra i 30 mila e i 50 mila dollari ed è stata battuta all'asta da Christie per 68.500 dollari!

Più o meno tutti lo abbiamo letto - e se non lo avete fatto ancora, smettete di leggere il mio blog e correte a comprarlo! ma poi ritornate qua che ne parliamo, ovviamente! - e, nel corso del tempo, ha ispirato citazioni e parodie, in libreria come al cinema.


Confessione: io l'ho visto prima in tv e poi ho letto il libro. C'è da dire che avevo 11 anni, forse, e mia zia me lo fece vedere per farmi conoscere Laurence Olivier, uno degli attori più belli della sua generazione. E infatti per tantissimo tempo, per me, "Orgoglio e Pregiudizio" cinematografico è stato solo quello del 1940, con  Laurence Olivier/Mr Darcy che, con gli occhi appassionati, mandava all'aria i suoi pregiudizi e scardinava l'orgoglio di Greer Garson/Elizabeth Benneth. Che poi entrambe erano soggetto e oggetto di pregiudizi e di incrollabile orgoglio e mi divertivo ogni volta - l'avrò visto decine e decine di volte! - a capire dove l'uno e dove l'altro si dimostrassero fedeli al titolo. 
Quando poi scoprii che era tratto da un libro - non avevo sempre la tastiera del computer a portata di polpastrelli, all'epoca! -, me lo feci regalare alla prima occasione.


Il gioco di riconoscere i riferimenti ad "Orgoglio e Pregiudizio" continua ancora oggi, al cinema e nei libri, e se pure qualche volta mi è capitato di rivedere un'ombra della sagacia di Lizzy Benneth in qualche personaggio femminile, non riuscirò mai più a provare quel brivido che mi dà sempre e solo Mr Darcy.

E sì, è arrivato il momento di rileggerlo!
E di rivedere il film da cui sono state tratte le foto del post!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…