Passa ai contenuti principali

La frase da un libro: L'ombra del vento di Carlos Ruiz Zafón


Non so se vi è mai capitato di provare sconforto di fronte a tutti i libri che non riuscirete mai a leggere...
A me capita spesso. Nonostante mi impegni con i miei 100 e passa libri l'anno e negli anni passati sono andata anche ben oltre questa cifra, ovviamente la curiosità cresce al passo con le nuove pubblicazioni, e non ce la faccio mai a leggere tutto, ma proprio tutto quello che vorrei.

Ho cercato di recuperare quanto più possibile con i classici - che quelli sono e là rimangono, anche se ci sono sempre nuovi libri considerati classici... e vabbè! - ma sono le nuove uscite che mi angosciano [detto col tono della psicopatica circondata di libri fino al soffitto!!! Bookhaolic, si dice bookhaolic!].

Il piacere della lettura, in ogni caso, non è intaccato da nessun altro pensiero se non quello del libro che in quel momento mi assorbe. Eppure... li amo, tutti quei libri! Sì, quelli che non riuscirò mai a leggere sono comunque oggetto del mio amore incondizionato!

Con questo post di oggi vorrei inaugurare una rubrichetta con le frasi più belle tratte dai libri che mi capita di leggere o rileggere. E quale frase migliore se non questa, tratta da "L'ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafón per esprimere l'ansia da lettura di fronte ad una biblioteca infinita e meravigliosa come quella visitata dal protagonista, Daniel:


Tornai sui miei passi seguendo le tacche che avevo inciso. Ma mentre avanzavo nella penombra, fui assalito dallo sconforto. Se infatti, per puro caso, io avevo scoperto tutto un mondo in un unico libro, tra gli innumerevoli conservati in quella necropoli, altre decine di migliaia sarebbero finiti nel dimenticatoio. Ebbi la sensazione di essere circondato da milioni di pagine abbandonate, da anime e mondi senza padrone che si inabissavano in un gorgo tenebroso mentre fuori di lì il genere umano, tanto più smemorato quanto più convinto di essere saggio, scivolava verso un inconsapevole oblio. 


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…