Passa ai contenuti principali

La frase da un libro: L'ombra del vento di Carlos Ruiz Zafón


Non so se vi è mai capitato di provare sconforto di fronte a tutti i libri che non riuscirete mai a leggere...
A me capita spesso. Nonostante mi impegni con i miei 100 e passa libri l'anno e negli anni passati sono andata anche ben oltre questa cifra, ovviamente la curiosità cresce al passo con le nuove pubblicazioni, e non ce la faccio mai a leggere tutto, ma proprio tutto quello che vorrei.

Ho cercato di recuperare quanto più possibile con i classici - che quelli sono e là rimangono, anche se ci sono sempre nuovi libri considerati classici... e vabbè! - ma sono le nuove uscite che mi angosciano [detto col tono della psicopatica circondata di libri fino al soffitto!!! Bookhaolic, si dice bookhaolic!].

Il piacere della lettura, in ogni caso, non è intaccato da nessun altro pensiero se non quello del libro che in quel momento mi assorbe. Eppure... li amo, tutti quei libri! Sì, quelli che non riuscirò mai a leggere sono comunque oggetto del mio amore incondizionato!

Con questo post di oggi vorrei inaugurare una rubrichetta con le frasi più belle tratte dai libri che mi capita di leggere o rileggere. E quale frase migliore se non questa, tratta da "L'ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafón per esprimere l'ansia da lettura di fronte ad una biblioteca infinita e meravigliosa come quella visitata dal protagonista, Daniel:


Tornai sui miei passi seguendo le tacche che avevo inciso. Ma mentre avanzavo nella penombra, fui assalito dallo sconforto. Se infatti, per puro caso, io avevo scoperto tutto un mondo in un unico libro, tra gli innumerevoli conservati in quella necropoli, altre decine di migliaia sarebbero finiti nel dimenticatoio. Ebbi la sensazione di essere circondato da milioni di pagine abbandonate, da anime e mondi senza padrone che si inabissavano in un gorgo tenebroso mentre fuori di lì il genere umano, tanto più smemorato quanto più convinto di essere saggio, scivolava verso un inconsapevole oblio. 


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…