Passa ai contenuti principali

La biblioteca: un luogo per i libri, ma più ancora per i lettori


Quando ero piccola giocavo con i libri che trovavo in casa e mi divertivo a segnare dentro la copertina di ogni libro, con una matita, la materia e il posto dove lo riponevo. Un primo rudimentale sistema di catalogazione per la mia biblioteca casalinga.
Senza saperlo ho portato dentro di me il germe di questa passione/ossessione per le biblioteche, fin quando poi, all'università non è esplosa.

Ricordo con infinito piacere le giornate passate alla Biblioteca Nazionale di Napoli, sia nella parte più grande che nella Sezione Americana "J.F. Kennedy" dove ho fatto la maggior parte delle ricerche per la mia tesi in letteratura anglo-americana. 
Probabilmente ero l'unica che, dovendo aspettare che gli addetti alla biblioteca andassero a prendere i libri, non si è mai annoiata. Certo, forse la location della Biblioteca Nazionale di Napoli aiuta parecchio - un'ala del Palazzo Reale a Piazza Plebiscito - e gli affreschi sugli enormi soffitti a volta sono un piacevole passatempo. Ma c'era di più.
A volte, poi, mi aggiravo tra gli scaffali di legno lavorato dove sono conservati i libri più antichi, protetti da vetri o da reti di ferro, perchè non si possono toccare - forse non si possono nemmeno consultare, non saprei di preciso - ma a me piaceva comunque leggerne i titoli e gli autori. Tanto per sognare i tempi in cui quei libri antichi erano nuove uscite, tipo due secoli fa o giù di lì.

Da qualche tempo, su Facebook e in giro per il web circolano immagini di biblioteche che più biblioteche non ce n'è. L'ultimo articolo che ho letto fa una classifica delle dieci città dove gli amanti dei libri non possono proprio mancare di andare, ma io avrei aggiunto anche New York.

Oltre alla storica NY Public Library, ci sono anche tante piccole biblioteche, ognuna interessante a suo modo e con dei piccoli tesori da scoprire. A proposito di tesori, più avanti vi parlerò anche delle meravigliose librerie che ho scoperto perdendomi per alcune strade della Grande Mela.

Indovinate? Ironia della sorte vivo in una città senza biblioteca. O meglio, la biblioteca c'è - per l'amor di Dio, non è che domani viene l'Amministrazione Comunale a leggere il mio blog (certo, certo!) e si inalbera - ma una volta è chiusa, poi è aperta dalle 13 alle 13.02, poi per entrare ci vuole il pass firmato da Giacomo Leopardi, poi no, Giacomo Leopardi non dà pass a nessuno e allora si entra liberamente, dopo aver superato l'interrogatorio del guardiano e del custode. E vabbè.

Poi dice che uno ha sempre fame di biblioteche... un motivo ci sarà, no?


P.S.: In compenso, da qualche tempo è stata istituita Biblioshare a cura di giovani volenterosi che vogliono cercare di dare una mano ai lettori appassionati... e anche agli ossessionati, come me!

P.p.S: Quella nella foto è la Livraria Lello e Irmão a Oporto, in Portogallo. Una succursale del Paese delle Meraviglie, a parer mio...




Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…