Passa ai contenuti principali

Giornata Nazionale dei Dialetti e delle lingue locali: nun c' 'e scurdammo!


Oggi è la Giornata Nazionale del Dialetto e delle lingue locali istituita dall'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia allo scopo di proteggere e salvare tutte quelle realtà linguistiche che rendono la nostra Penisola un luogo pressoché unico. "Salva il tuo dialetto, prima che scompaia" è il grido d'allarme lanciato dall'associazione e che oggi facciamo anche un pò nostro.
In che modo?

Postiamo su Facebook o su Twitter una frase nel dialetto che conosciamo.

Nei contesti più disparati, il dialetto è stato sempre più identificato con una marca culturale - o meglio, scarsamente culturale - che lo ha portato ad essere sempre più discriminato.

Io ho sempre parlato in italiano - guai in casa mia, quando ero piccola, a dire una parola in napoletano! - e anche per lavoro ho sempre cercato di eliminare quelle inflessioni che potessero farmi identificare all'istante, anche se non ci sono ancora riuscita del tutto!
Certo, lo studio delle lingue straniere ha aiutato molto, ma ad un certo punto - 7-8 anni fa credo - ho deciso che per me il napoletano ha tutta la complessità, la dignità e la nobiltà di una lingua straniera al pari delle altre che ho studiato.
E quindi non disdegno di approfondirla e praticarla, quando capita.

E quali migliori insegnanti di Eduardo De Filippo o Peppino De Filippo o Totò? Ma anche Libero Bovio, Salvatore Di Giacomo, Raffaele Viviani... La lista sarebbe lunga.

E pur essendo tentata di lasciarvi con la massima più conosciuta di Eduardo - e quella più calzante per questo momento storico - e cioè "Ha da passà 'a nuttata" tratta da Napoli Milionaria, preferisco ricordare questa altra citazione eduardiana, che rispecchia, oltre al dialetto, l'indole napoletana.

Napule è 'nu paese curioso:
è 'nu teatro antico, sempre apierto.
Ce nasce gente ca senza cuncierto
scenne p' 'e strate e sape recita'.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …